TgVallo

dituttodipiù

Economia e dintorni

Problemi di cuore

Sport

HomePage

 

 

 

 

 

 

 

METEO

 

 

clicca sulla foto

 

 

 

 

 

 

 

TELEVALLO

Via Salomone 6/e

 91026 Mazara del Vallo (TP)

Tel./fax 0923 907764 cell. 347 6494279

Redazione: televallo@virgilio.it

  imposta come home page

 

 

 

 
Notizie

 

AGGIORNATO il   30/07/2014 16.48


TgVallo del 30 Luglio 2014 (video)*

* link per gli utenti che non usano explorer



L’Anci vuole un confronto sulla riforma delle province

Palermo, 30.07.2014 - Dopo la pausa estiva, l’Ars dovrà tornare a occuparsi della riforma delle province. Entro fine ottobre, infatti, Sala d’Ercole dovrà completare la riorganizzazione degli enti di secondo livello siciliani iniziata, nei mesi scorsi, con l’abolizione delle province e l’istituzione dei liberi consorzi comunali. Un impegno di non poco conto, poiché si dovrà dare sostanza alla riforma voluta dal governo regionale. Ecco perché l’Anci Sicilia, cioè l’associazione che riunisce i 390 comuni dell’Isola, vuole un confronto “intenso” con Palazzo d’Orléans e con i deputati regionali, al fine di completare al meglio una riforma che, in caso contrario, rischia di creare soltanto problemi, come quelli affiorati, peraltro, fino a questo momento. “Considerata la centralità della riforma istituzionale e le sue implicazioni sulla gestione dei servizi di area vasta, anche in relazione al sistema integrato dei rifiuti”, ha affermato ieri, in una nota, il presidente dell’Anci, nonché sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, “non si può correre il rischio di avviare un percorso fallimentare dal punto di vista istituzionale ed economico”. Allo stesso tempo, l’Anci chiede al governo e all’Ars, nell’attesa che vengano definite le funzioni dei liberi consorzi e delle città metropolitane, “che venga sospesa la scadenza prevista dalla legge 8 del 24 marzo 2014 per le deliberazioni dei consigli comunali”. Consigli comunali, come si ricorderà, che dovranno deliberare l’adesione ai vari liberi consorzi.(riproduzione riservata)


Porti. Fazio: “Trapani mantenga l’autonomia”

Trapani, 30.07.2014 - Non piace a nessuno, a Trapani e dintorni, l’ipotesi che il porto venga accorpato con quello di Palermo. O meglio, che le attività e il futuro dell’infrastruttura trapanese vengano messe sotto le competenze dell’autorità portuale palermitana. Non piace, innanzitutto, agli operatori del porto trapanese e non piace, inoltre, a vari esponenti politici del territorio eletti all’Ars e al parlamento nazionale. L’ultimo, in ordine di tempo, a intervenire sulla questione è stato, ieri, il deputato regionale Girolamo Fazio, che attraverso una nota ha detto la propria sulla riforma del sistema portuale italiano, alla quale sta lavorando il governo nazionale. Riforma che, secondo quanto trapelato fino a questo momento, prevedrebbe l’istituzione di un distretto logistico della Sicilia occidentale, con Trapani e Palermo unico soggetto giuridico. Ebbene, Fazio ha detto di condividere le “preoccupazioni degli operatori del porto trapanese”. Quest’ultimo, ha sottolineato l’ex sindaco di Trapani, “dopo anni di oblio e trascuratezza ha vissuto un periodo di rilancio che, pur rallentato dalla crisi e dalle diseconomie congiunturali dell’ultimo quinquennio, ha posto le basi per un futuro che muove decisamente verso lo sviluppo”. Ecco perché, per Fazio, l’accorpamento con Palermo metterebbe “in serio pericolo la prosecuzione di questo percorso virtuoso, perché dirotterebbe, o rischierebbe di dirottare, la centralità dei traffici su un territorio che è stato, fino a oggi, concorrente”. Con il conseguente, ha aggiunto Fazio, decremento del traffico merci e passeggeri. Dunque, per il deputato trapanese sarebbe auspicabile che Trapani “possa continuare in autonomia, peraltro in assenza di un’autorità portuale, il percorso virtuoso di sviluppo economico e dei traffici portuali già avviato”.(riproduzione riservata)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


ATTENZIONE: Ci sono giunte comunicazioni di problemi con la visualizzazione dei video. Provate ad aggiornare il vostro mediaplayer da questo indirizzo CLIKKA QUI' e scegliete la versione più adatta alle vostre esigenze. Se il problema persiste contattate il servizio assistenza servicetv@soscomputer.info per una soluzione personalizzata


TelevalloS



siamo sul digitale terrestre
risintonizzate il vostro decoder

TELEVALLO :          CANALE 291
TELEVALLO BABY :  CANALE 683




Cade nelle piscina gonfiabile, muore bimbo di 4 ani

Marsala, 30.07.2014 - Non ce l’ha fatta a sopravvivere il bambino di 4 anni caduto, ieri pomeriggio, all’interno della piscina gonfiabile che si trovava a nella propria abitazione, in contrada Ranna, a Marsala. Il piccolo, che dopo l’incidente era stato trasferito in elicottero all’ospedale Di Cristina di Palermo, è morto questa mattina, dopo il terzo arresto cardiaco subito in meno di 24 ore. Una tragedia immane per i genitori del bambino, soprattutto per la madre che, al momento dell’incidente, si trovava in casa con il figlio. Sull’esatta dinamica di quanto accaduto stanno indagando i carabinieri della compagnia lilibetana, guidati dal comandante Carmine Gebiola. Secondo quanto avrebbe raccontato la madre del piccolo, il bambino sarebbe caduto nell’acqua della piscina approfittando di un momento di distrazione del genitore. Tra le ipotesi, però, ci sarebbe anche quella di un malore. Maggiore chiarezza potrebbe fare un’eventuale autopsia, che il magistrato incaricato di seguire il caso potrebbe disporre. Subito dopo l’incidente, la madre del bambino ha chiamato i soccorsi: sul posto, è arrivata un’ambulanza del 118, che ha, poi, trasportato il bambino al pronto soccorso dell’ospedale Paolo Borsellino, dove i medici hanno deciso il trasferimento in elicottero a Palermo. Un viaggio della speranza conclusosi, purtroppo, negativamente questa mattina.


Mazara, approvato progetto di gemellaggio con Padova

Mazara, 30.07.2014 - Il dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del ministero dello sviluppo economico ha approvato il progetto di gemellaggio tra il comune di Mazara del Vallo, il Politecnico di Milano e il comune di Padova. Lo rende noto l’amministrazione comunale mazarese. Il progetto, si legge in una nota, “consentirà all’amministrazione mazarese di usufruire di esperienze e professionalità sia della città di Padova, che del Politecnico di Milano, per l’attuazione di politiche di innovazione e digitalizzazione”. Il progetto di gemellaggio nasce dalla collaborazione avviata, nel 2011, dal primo cittadino mazarese, Nicola Cristaldi, con l’ex sindaco di Padova, Flavio Zanonato.


Pesca, istituiti 16 uffici territoriali in tutta la Sicilia. Mazara c’è

Palermo, 30.70.2014 - Nascono, in Sicilia, 16 uffici periferici della pesca. A istituirli è stato, ieri, con un apposito decreto il dirigente generale del dipartimento regionale del settore ittico, Dario Cartabellotta. Una novità, in realtà, prevista dalla legge regionale 17 del 2004 ma che, in pratica, è rimasta soltanto sulla carta. Adesso, invece...(leggi tutto)


Castelvetrano, inaugurato parcheggio comunale

Castelvetrano, 30.07.2014 - E’ stato inaugurato a Castelvetrano, questa mattina, il nuovo parcheggio comunale, che si trova in via Piersanti Mattarella, nell’area compresa tra il centro comunale della protezione civile e il palazzetto dello sport. I lavori hanno consentito di effettuare la sistemazione dell’area e la realizzazione del parcheggio, di circa 900 metri, con una quarantina di posti auto e due stalli per disabili. Alla cerimonia d’inaugurazione era presente, tra gli altri, il sindaco Felice Errante.


Pesca, stop alla cattura del tonno rosso fino a fine 2014

Mazara, 30.07.2014 - Stop alla pesca sportiva del tonno rosso fino al 31 dicembre 2014. Lo rende noto la capitaneria di porto di Mazara del Vallo, a seguito del decreto emesso, lo scorso 22 luglio, dal ministero delle politiche agricole. Dunque, non sarà più possibile, almeno fino alla fine dell’anno, pescare, detenere a bordo dei natanti, trasbordare e sbarcare esemplari di tonno rosso. In caso di violazioni, scatteranno le inevitabili sanzioni.(riproduzione riservata)


Erice, nel weekend torna “Cgil incontri”

Erice, 30.07.2014 - Torna anche quest’anno l’ormai consueto appuntamento con “Cgil incontri”, ovvero il ciclo di dibattiti organizzati da sindacato, che verteranno sul lavoro, sullo sviluppo, sulla legalità e così via. Temi sui quali venerdì e sabato prossimi, a Erice, la Cgil trapanese metterà a confronto vari esponenti politici e non solo. All’iniziativa, giunta alla quarta edizione, sarà presente anche la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso. Il primo incontro si terrà, con inizio alle 17,30, in piazza San Domenico, e vedrà la partecipazione del presidente della Regione, Rosario Crocetta, e del presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante.



 





 




 



 



 



 



 



 

 




 

 






 

 

 

  Televallo s.r.l. - P.iva 01454940816