TELEVALLO

Via Antonio Segni 12

 91026 Mazara del Vallo (TP)

Tel./fax 0923 907764 cell. 347 6494279

Redazione: televallo@virgilio.it

  imposta come home page

 

 

 

 

  

 
Notizie

 

 

 

 

Anticorruzione, a Castellammare al via il corso di formazione per impiegati e amministratori comunali

Castellammare, 13.03.2019 - In partenza i corsi di formazione “anticorruzione” rivolti ad amministratori ed impiegati comunali sul nuovo piano anticorruzione adottato dall’Ente e sulle novità legislative della legge denominata “spazzacorrotti”. L’amministrazione comunale, infatti ha deciso di avviare dei veri e propri corsi di formazione per spiegare concretamente cosa prevede la nuova legge che modifica il codice penale integrando i reati alla cui condanna consegue la pena accessoria dell`interdizione perpetua dai pubblici uffici. Il primo incontro con tutti i dipendenti comunali è previsto venerdì 15 marzo, alle ore 12, al teatro Apollo Anton Rocco Guadagno. Interverranno: l’avvocato Giacomo Frazzitta, presidente della camera penale di Marsala ed assessore alla Legalità della giunta guidata dal sindaco Nicola Rizzo, l’avvocato Luigi Cassata, penalista e organo di valutazione del Comune di Castellammare, il dottor Antonio Fresina , consulente esperto in anticorruzione. «Mi auguro che tutti facciano tesoro di quanto ci sarà illustrato dagli esperti sul nuovo piano anticorruzione comunale e sulla legge “spazza corrotti” poiché è necessario che in maniera pratica e concreta si spieghi come bisogna comportarsi nel ruolo e nella funzione che si svolgono- afferma il sindaco Nicola Rizzo-. Gli incontri, curati dal nostro assessore Giacomo Frazzitta, esperto penalista, sono rivolti a tutti noi poiché amministratori ed impiegati devono avere chiare le conseguenze di comportamenti non rispondenti alla propria posizione istituzionale o personale. Ribadisco che i comportamenti etici devono essere alla base dell’azione pubblica ed è bene segnare la linea di demarcazione tra ciò che è lecito e ciò che non lo è. Fatto che appare scontato ma che ad alcuni, mi auguro in buona fede, potrebbe anche sfuggire». Secondo la legge entrata in vigore il 31 gennaio, per l'incensurato condannato con pena superiore a 2 anni, si apriranno le porte del carcere, poiché i reati contro la pubblica amministrazione sono tra quelli che non potranno beneficiare di misure alternative, come l'affidamento in prova o la detenzione domiciliare. La legge modifica il codice penale, integrando il catalogo dei reati alla cui condanna consegue la pena accessoria dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Comunicato stampa



 

 

  Televallo s.r.l. - P.iva 01454940816