TELEVALLO

Via Antonio Segni 12

 91026 Mazara del Vallo (TP)

Tel./fax 0923 907764 cell. 347 6494279

Redazione: televallo@virgilio.it

  imposta come home page

 

 

 

 

  

 
Notizie

 

 

 

 

Dragaggio, verso una seduta straordinaria di consiglio comunale a Mazara

Mazara, 06.11.2018 - Dopo il sindaco Nicola Cristaldi, anche il presidente del consiglio comunale di Mazara del Vallo, Vito Gancitano, torna a puntare il dito sull’impasse dell’iter procedurale inerente il mancato dragaggio del porto canale. E lo fa annunciando l’intenzione di convocare una seduta straordinaria di consiglio dedicata alla prevenzione del rischio idrogeologico e, in particolare, alla mancata escavazione del fiume Mazaro. Anche Gancitano, così come il sindaco, ha preso spunto per tornare a parlare di dragaggio del maltempo che è imperversato in Sicilia nei giorni scorsi. “Visti i danni con vittime e devastazioni che solo per casualità non hanno colpito il territorio di Mazara del Vallo”, sottolinea il presidente del consiglio, “proporrò ai colleghi consiglieri una seduta straordinaria del consiglio comunale dedicata alla prevenzione del rischio idrogeologico e, in particolare, alla vicenda dell’escavazione del porto canale, bloccata da circa 8 anni”. Una vicenda molto complessa, con i lavori del primo stralcio già finanziati e appaltati ma ancora fermi perché a oggi non è consentito portare i fanghi e il materiale di risulta nella colmata B. “Sulla vicenda”, ricorda Gancitano, “gli armatori e operatori portuali hanno avviato una raccolta di firme che condividiamo. Riteniamo che tali lavori siano necessari, oltre che per risollevare le sorti del comparto peschereccio ed economico che ruotano attorno al porto, anche e soprattutto per evitare che episodi di piene e Marrobbio, aggravati dai bassi fondali, creino danni seri a cose e persone”. Da qui, l’intenzione di convocare una seduta straordinaria di consiglio. Un’occasione che consentirà, si spera, di fare chiarezza una volta per tutte su ciò che è accaduto in questi anni e, chissà, di capire come mai, nonostante già nel 2011 l’Ispra avesse messo per iscritto che la colmata B fosse un sito tutelato, in questi anni nessuno abbia mai pensato di trovare un sito alternativo per scaricare i fanghi.(riproduzione riservata)



 

 

  Televallo s.r.l. - P.iva 01454940816