TELEVALLO

Via Salomone 6/e

 91026 Mazara del Vallo (TP)

Tel./fax 0923 907764 cell. 347 6494279

Redazione: televallo@virgilio.it

  imposta come home page

 

 

 

 

  

 
Notizie

 

 

 

 

Operazione “Mare Monstrum”, ecco le accuse a Fazio e Morace. Indagata anche la senatrice Vicari

Trapani, 19.05.2017 - Arresti “eccellenti”, stamattina, a Trapani nell’ambito dell’operazione “Mare Monstrum” condotta dai carabinieri del locale comando provinciale e di Palermo. A Trapani i militari dell’arma hanno tratto in arresto il deputato regionale Mimmo Fazio, che è anche candidato a sindaco del capoluogo trapanese in vista delle elezioni dell’11 giugno, e l’amministratore delegato della società di navigazione “Liberty Lines”, Ettore Morace. A Palermo, invece, le manette sono scattate nei confronti di Giuseppe Montalto, segretario particolare dell’assessore regionale per le infrastrutture, Giovanni Pistorio. L’accusa nei confronti dei tre indagati è, tra le altre cose, di corruzione e verterebbe attorno agli affidamenti da parte della Regione dei servizi di collegamento marittimo da e per le isole minori siciliane. Fazio e Montalto sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, mentre Morace è stato rinchiuso in carcere. Gli arresti sono scattati in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Palermo, su richiesta della locale procura. Le indagini avrebbero consentito di accertare, oltre ai reati di corruzione, anche presunti casi di turbata libertà degli incanti, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, accesso abusivo a sistema informatico, rivelazione del segreto d’ufficio e installazione di apparecchiature atte ad intercettare conversazioni telefoniche. Oltre alle misure cautelari nei confronti di Fazio, Morace e Montalto, il gip ha anche disposto la sospensione dall’ufficio di un dipendente pubblico. Secondo l’accusa, ci sarebbero state gravi irregolarità circa l’affidamento, proprio a favore della Liberty Lines, dei servizi di collegamento a mezzo unità veloci per le Egadi ed Eolie. Nello specifico, gli inquirenti avrebbero accertato un sovradimensionamento della compensazione finanziaria riconosciuta alla società di Morace. Un surplus ottenuto, a quanto sembra, attraverso l’indebita ingerenza delle dirigente regionale Salvatrice Severino e dello stesso Fazio. Nell’inchiesta sarebbe indagata la senatrice siciliana Simona Vicari, attuale sottosegretario, che per favorire gli interessi di Morace e della Liberty Lines si sarebbe, tra le altre cose, fatta promotrice della presentazione e dell’approvazione di un emendamento alla legge di stabilità con il quale veniva ridotta dal 10 al 5% l’Iva per i trasporti su navi veloci. Nell’inchiesta “Mare Monstrum” sono finiti anche altri episodi, tuttora all’esame degli inquirenti.(riproduzione riservata)



 

 

  Televallo s.r.l. - P.iva 01454940816