Alcamo, cordoglio dell’amministrazione per la morte di Turi Simeti

Alcamo, cordoglio dell’amministrazione per la morte di Turi Simeti

Surdi: “In questi anni ho avuto l’onore di conoscerlo e frequentarlo, apprezzando la sua gentilezza, umiltà e amore per la nostra Città”

Dichiara il Sindaco Domenico Surdi “ho appreso con profondo dispiacere della scomparsa del Maestro Turi Simeti. In questi anni ho avuto l’onore di conoscerlo e frequentarlo, apprezzando la sua gentilezza, umiltà e amore per la nostra Città.
Ricordo con viva emozione uno dei nostri primi incontri presso il suo studio milanese tra decine di opere e i racconti dei suoi nuovi progetti.
Non dimenticherò mai la sua felicità nel vedere collocata l’installazione in marmo in Piazza Bagolino raffigurante l’essenza di tutta la sua produzione artistica ‘un ovale marmo perlato su panorama’. Il Maestro è stato e sarà sempre un artista di fama internazionale, un esempio per tutti, soprattutto per i giovani che devono credere in se stessi e perseverare nella realizzazione dei propri sogni”.

Dichiara l’Assessore alla cultura Lorella Di Giovanni “con la morte del Maestro Turi Simeti, l’arte contemporanea perde uno dei suoi esponenti più rappresentativi.
Nelle stanze del MACA di Alcamo, le opere del Maestro rafforzano il ricordo della sua presenza e ci incoraggiano a proseguire le vie dell’arte e della cultura tanto care al nostro compianto concittadino”.

Afferma l’Assessore al decoro urbano Stefano Alessandra “Alcamo piange l’interprete più illustre dell’arte contemporanea. L’esperienza della collocazione della scultura ‘un ovale, marmo perlato su panorama’ ci ha avvicinato umanamente e culturalmente alla straordinaria figura del Maestro Turi Simeti. Una perdita umana e artistica incommensurabile. Ci stringiamo al dolore della famiglia”.

Il MACA ha dedicato a Turi Simeti, artista di fama internazionale che viveva a Milano ma che ha sempre mantenuto un rapporto particolare con la sua Città nativa, uno spazio museale con alcune delle opere che rappresentano la sua cifra stilistica per eccellenza, l’Ovale che trova la sua massima espressione a Piazza Bagolino.

Comunicato stampa