Nuovo ospedale di Alcamo, a che punto siamo?

Nuovo ospedale di Alcamo, a che punto siamo?

Riunione operativa presieduta dal commissario dell’Asp Paolo Zappalà

Lo stato d’avanzamento della procedura per la realizzazione del nuovo Presidio sanitario polivalente di Alcamo, è stato l’argomento al centro di una riunione operativa che si è svolta nei giorni scorsi nella sede dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani.

Tra gli argomenti trattati relativamente all’opera di costruzione del nuovo Presidio Polivalente, che  rientra nell’ambito del piano poliennale di interventi di ristrutturazione e ammodernamento del patrimonio sanitario pubblico con un finanziamento previsto di 21 milioni di euro, anche la necessità di realizzare una nuova struttura polivalente nella quale concentrare i servizi sanitari di punta oggi previsti ad Alcamo a partire dall’attività ospedaliera fino alle attività sanitarie territoriali.

L’obiettivo dell’intervento è il potenziamento dei servizi sanitari erogati sul territorio del Comune di Alcamo, migliorandone la qualità e razionalizzando l’offerta.

Il nuovo Presidio sanitario, così come previsto nel piano regolatore del Comune di Alcamo, sorgerà in un’area periferica di circa 40mila mq, in contrada San Gaetano, destinata ad attrezzature sanitarie, lontana dalle zone di maggiore congestione di traffico ma vicina ai collegamenti autostradali.

“Concretizzare la realizzazione del nuovo presidio di Alcamo rientra tra i punti prioritari dell’attività di questa direzione strategica – ha sottolineato il commissario straordinario dell’Asp di Trapani, Paolo Zappalà – Con questo preciso obiettivo abbiamo definito un cronoprogramma per pianificare l’attività di realizzazione del progetto con una tempistica per  ogni singola fase”.

L’attività prevista nel nuovo Presidio sanitario è quella ospedaliera. Il decreto assessoriale relativo al riordino della Rete Ospedaliera della Regione siciliana classifica l’ospedale di Alcamo quale Presidio ospedaliero di base, dotato delle seguenti discipline: Chirurgia generale; Medicina generale; Ortopedia e Traumatologia; Cardiologia; Psichiatria; Urologia; Lungodegenti; Radiologia; Laboratorio di analisi; Pronto soccorso; Farmacia ospedaliera; Complesso operatorio con 2 sale operatorie.

Il nuovo Presidio polivalente comprenderà inoltre una Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.) per anziani dotata di 20 posti letto, in possesso dei requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi previsti dal Decreto Presidenziale 25/10/1999, e di approvazione di standard strutturali e funzionali delle residenze sanitarie assistenziali per soggetti anziani non autosufficienti e disabili.

All’incontro hanno partecipato il commissario straordinario dell’Asp di Trapani, Paolo Zappalà, il responsabile dell’Unità operativa complessa Gestione Tecnica, Francesco Costa, il responsabile dell’Unità operativa semplice Internazionalizzazione e Ricerca sanitaria, Giuseppe Adragna, l’assessore comunale di Castellammare del Golfo, Vincenzo Abate.
Sono stati presenti alla riunione in videoconferenza i sindaci di Alcamo, Domenico Surdi, di Castellammare del Golfo, Nicolò Rizzo, di Calatafimi-Segesta, Antonino Accardo, e il responsabile dell’ufficio di Gabinetto dell’Assessorato regionale alla Salute, Gaspare Noto.

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Governo, Orlando “Il rischio di incidente è oggettivo”
    by Redazione on 7 Luglio 2022 at 04:46

    ROMA (ITALPRESS) - "Anche se nessuno avesse intenzione di rompere, il rischio che la corda si spezzi è nell'ordine delle cose possibili. La storia ce lo dice: anche non volendo, ad un certo punto le cose possono precipitare. E quindi oggettivamente il rischio dell'incidente esiste, come potevamo prevedere con l'approssimarsi delle elezioni. Da questo punto di vista la gestione politica diventa più complicata e va rafforzata". Lo afferma in un'intervista al quotidiano La Stampa il ministro del Lavoro Andrea Orlando, in merito alla tenuta del Governo."Per quanto siano comprensibili le esigenze di parte o persino l'occhio ai sondaggi - aggiunge -, spero che nelle prossime settimane si tenga conto del vero interesse generale. Questo non significa affatto dover rinunciare al confronto e al conflitto politico anche duro, ma stiamo attenti a collegare questo confronto ai temi reali del Paese. Altrimenti si rischia non solo di mettere a repentaglio la stabilità, ma la credibilità stessa delle istituzioni. Voglio essere chiaro: si può correre il rischio di rompere su una grande questione sociale, ma farlo su questioni simboliche, questo allargherebbe ancora di più il solco tra eletti e opinione pubblica".- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Siccità, Cingolani “Dal Pnrr 4,5 mld per il sistema idrico”
    by Redazione on 6 Luglio 2022 at 18:16

    ROMA (ITALPRESS) - "Nel Pnrr ci sono 4,5 miliardi che andranno utilizzati per potenziare le strutture per le acque reflue, per le opere di messa in sicurezza della rete di acquedotti che perdono il 40 per cento dell'acqua, per infrastrutture irrigue nel settore agricolo". Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ospite di Tg2 Post.Cingolani ha parlato anche di nucleare: "Come ministro non esprimo giudizi. Però in Europa su 27 Stati membri circa la metà ha centrali nucleari. Poi in Italia decideranno i cittadini se e quando ci sarà una scelta da prendere".- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Conte “Cambiare marcia, non abbiamo giurato fedeltà a Draghi”
    by Redazione on 6 Luglio 2022 at 17:11

    ROMA (ITALPRESS) - "Bisogna cambiare marcia, bisogna intervenire con una serie di interventi sociali contro i rincari dell'energia, l'inflazione e il lavoro povero. Noi non abbiamo giurato fedeltà a Draghi, abbiamo giurato fedeltà agli italiani e al Paese. Se non riusciamo a perseguire i nostri obiettivi per gli italiani viene meno la ragione di essere qui". Così il leader del MoVimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, intervenendo all'assemblea congiunta dei gruppi parlamentari dopo l'incontro con il presidente del Consiglio Mario Draghi."Se il governo e il premier Draghi che ha ascoltato con attenzione sceglierà di perseguire gli obiettivi della giustizia sociale, di perseguire la transizione ecologica senza arretramenti - ha aggiunto -, se capirà l'importanza di intervenire adesso per evitare che famiglie e imprese si ritrovino sul lastrico, noi ci saremo, altrimenti faremo le nostre scelte e ce ne assumeremo la responsabilità".- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Nadal in semifinale a Wimbledon, affronterà Kyrgios
    by Redazione on 6 Luglio 2022 at 16:41

    LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) - Rafa Nadal è approdato in semifinale al torneo di Wimbledon, terza prova stagionale del Grande Slam, in scena sui campi in erba dell'All England Club di Londra. Lo spagnolo, numero 2 del tabellone, ha battuto lo statunitense Taylor Fritz in quattro set con il punteggio di 3-6, 7-5, 3-6, 7-5, 7-6 (4) dopo 4h21' di gioco. Nadal si era fermato nel corso del secondo set per un problema fisico, poi aveva ripreso il match. Per un posto in finale, adesso l'iberico affronterà l'australiano Nick Kyrgios (numero 40 Atp), che nel suo match ha battuto in tre set il cileno Cristian Garin con il punteggio di 6-4, 6-3, 7-6 (5). Tra le donne, continua spedita la corsa di Simona Halep. La tennista rumena, numero 18 del mondo e 16 del seeding, ha battuto la statunitense Amanda Anisimova, testa di serie numero 20 del torneo, per 6-2 6-4 approdando in semifinale dove sfiderà Elena Rybakina, 17esima forza del tabellone, che ha sconfitto la australiana Ajla Tomljanovic con il punteggio di 4-6 6-2 6-3. - foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).

  • Ue, Tajani “Nuovo programma Sure per chi aiuta famiglie e imprese”
    by Redazione on 6 Luglio 2022 at 15:56

    STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) - "L'idea di finanziare con il programma Sure quei Paesi che aiutano famiglie e imprese in questo momento di enormi difficoltà va nella giusta direzione". Lo ha detto l'europarlamentare e coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, al Parlamento europeo in merito al programma Sure, lo strumento introdotto dall'Unione Europea per far fronte alla crisi e far ripartire l'economia."A differenza del nucleare e del gas, questa non è una scelta strategica, va cambiata e migliorata ma è un'iniziativa da adottare subito - continua Tajani -. Bisogna pensare ai paesi che stanno pagando un prezzo più alto rispetto ad altri. Polonia, Germania e Italia sono in prima linea e vanno assolutamente tutelate perchè la ricaduta, soprattutto sul costo dell'energia, può danneggiare la loro competitività industriale ed avere conseguenze sociali molto negative".- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).