Campobello, approvato lo schema di massima della variante al Prg

Campobello, approvato lo schema di massima della variante al Prg

Sindaco Castiglione: «Altro traguardo raggiunto. Obiettivo importantissimo per lo sviluppo turistico ed economico del nostro territorio»

«Finalmente, dopo un lunghissimo e farraginoso iter che abbiamo avviato immediatamente dopo il nostro insediamento e che ha subito dei rallentamenti anche a causa delle note controverse vicende legate all’efficacia del Piano paesaggistico varato dalla Regione, è stato approvato lo schema di massima della variante al piano Regolatore Generale. Si tratta di un ennesimo importantissimo risultato che abbiamo raggiunto e che getterà le basi per l’approvazione definitiva della variante al PRG, affrontando anche la problematica della fascia costiera e consentendo per la prima volta alle frazioni di Tre Fontane e Torretta Granitola di trovare una definizione urbanistica. Solo così sarà infatti possibile avviare concretamente, nel rispetto delle norme, quello sviluppo dell’edilizia atteso da anni, capace di fare da volano al più generale sviluppo turistico, socio-culturale ed economico dell’intero territorio anche grazie alle opere di realizzazione della rete fognaria nelle due frazioni che sono state recentemente avviate».
È quanto dichiara il sindaco Giuseppe Castiglione a seguito dell’approvazione, avvenuta il 18 novembre scorso nel Municipio di Campobello dello schema di massima della variante al PRG da parte dell’arch. Donatello Messina, commissario ad acta nominato dalla Regione in sostituzione del Consiglio comunale a seguito della dichiarazione di incompatibilità resa ai sensi dell’art. 176 della L.R. 15/03/1963 e dell’art. 16 della L.R. n. 30 del 23/12/2000.
Si tratta di una procedura che risponde a un interesse pubblico e che deve essere applicata da tutti gli enti locali prima dell’approvazione degli strumenti urbanistici. La norma infatti impone chiaramente agli amministratori comunali l’obbligo di astenersi dal partecipare finanche alla discussione su atti di pianificazione urbanistica nei casi in cui sussista una correlazione immediata e diretta fra il contenuto della deliberazione e specifici interessi propri o di parenti o affini fino al quarto grado, nel rispetto dei principi di legalità, imparzialità e trasparenza che devono caratterizzare l’azione amministrativa.
Il commissario ad acta Messina, in particolare, ha approvato integralmente la presa d’atto dello schema di massima della variante del Piano Regolatore Generale deliberata dalla Giunta comunale guidata dal sindaco Castiglione il 20 febbraio 2019.
Lo schema di massima a è stato redatto dall’Ufficio di Piano del Comune di Campobello con il supporto e la consulenza dell’ing. Giuseppe Trombino, tenendo conto delle risultanze dello studio geologico redatto dal geologo Pietro Stassi e dello studio agricolo-forestale elaborato dall’agronomo Andrea Ferrarella.
Esso attua i contenuti delle direttive generali adottate dalla Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio comunale (deliberazione n.06 del 17 marzo 2014).
Il Piano costituisce una revisione generale del PRG approvato dall’ARTA con il decreto dir. 900/2006, con il quale sono state dettate diverse prescrizioni ed è stato disposto lo “stralcio” di numerose aree, adeguando lo strumento urbanistico alle mutate situazioni dello stato di fatto e di diritto.
Lo schema di massima, in particolare, getta le basi per un modello di sviluppo che punta alla rigenerazione urbana, al recupero e alla migliore utilizzazione del patrimonio edilizio esistente, perseguendo in via prioritaria la riqualificazione della fascia costiera ai fini della sua pubblica fruizione.
Il nuovo strumento urbanistico prevede inoltre la possibilità di edificare nuove abitazioni all’interno di nuovi circoscritti ambiti individuati in parte nel centro urbano e in parte nelle frazioni balneari di Tre Fontane e Torretta Granitola.
Oltre alla valorizzazione a fini turistici degli elementi naturalistici di rilievo presenti nel territorio comunale, lo schema individua altresì una serie di obiettivi relativi al potenziamento della rete viaria e delle strade agricole, alla creazione di nuovi servizi per i giovani e per gli anziani, nonché una serie di azioni volte alla protezione e alla valorizzazione del paesaggio naturalistico, rurale e delle Cave di Cusa.
Dopo l’approvazione dello schema di massima, competerà adesso agli uffici comunali redigere il progetto definitivo del Piano Regolatore Generale, che sarà definito con la massima celerità nel rispetto dell’iter previsto dalla normativa.

Comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Bari e Ascoli ai sedicesimi di Coppa Italia, Verona out
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 16:15

    VERONA (ITALPRESS) - Bari e Ascoli approdano ai sedicesimi di Coppa Italia eliminando rispettivamente Verona e Venezia. I galletti travolgono i gialloblù 4-1 al Bentegodi con tripletta di Cheddira e al prossimo turno affronteranno una tra Salernitana e Parma. Al 16' è Lasagna a sbloccare il risultato. Pareggio al 30': spunto di Cheddira sulla destra e traversone teso in area sul quale si fionda di testa Folorunsho che deposita in rete. Al 44' c'è il vantaggio del Bari a sorpresa. Stavolta fa tutto Cheddira che mette a sedere Gunter e piazza la sfera col mancino in rete. Lo show del classe 1998 non è finito: segna un rigore al 53' e firma la tripletta al 79' beffando ancora Gunter. Verona in 10 dal 69' per rosso di Faraoni. Bella vittoria anche per l'Ascoli di Bucchi che espugna il Penzo di Venezia per 3-2. I bianconeri, dopo essere passati avanti di due reti con Saric e Falzerano, si erano fatti rimontare dai lagunari di Javorcic con i sigilli di Mikaelsson, autore di una doppietta, ma al 92' Fontana regala il successo all'Ascoli che nei sedicesimi sfiderà la Sampdoria. - Foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).

  • Juve punita dall’ex Morata, 0-4 contro l’Atletico Madrid
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 16:05

    TORINO (ITALPRESS) - Al JTC Continassa di Torino è finita 0-4 l'amichevole Juventus-Atletico Madrid che originariamente si sarebbe dovuta disputare a Tel Aviv ma che ieri era stata annullata a causa dell'escalation militare avvenuta negli ultimi giorni lungo la Striscia di Gaza. Grande protagonista di giornata l'ex Alvaro Morata autore di una tripletta: il giocatore, accostato a lungo alla Juventus durante l'intera finestra di mercato estiva, al momento è molto lontano da un nuovo ritorno a Torino e, forse, questi tre gol, per ora gli hanno garantito una maglia da titolare a Madrid. A otto giorni dal debutto nei rispettivi campionati, con la Juve impegnata in casa contro il Sassuolo e l'Atletico in trasferta a Getafe, le due squadre allenate rispettivamente da Massimiliano Allegri e Diego Simeone hanno affinato la condizione in una gara intensa e giocata a buoni ritmi, ma anche avara di di gioco e occasioni da gol per una Juventus che sembra mancare ancora di qualche tassello. Escluso alla vigilia il bianconero Moise Kean, punito dal club per essersi presentato in ritardo all'ultima convocazione, mentre Luca Pellegrini è stato costretto ad alzare bandiera bianca per una contusione al ginocchio destro. A sbloccare la sfida ci ha pensato il già citato Morata che al 10', su filtrante del portoghese Joao Felix, si è infilato tra i due difensori centrali e con un tocco di sinistro ha scavalcato Szczesny. Al 40' i Colchoneros hanno mancato il raddoppio quando il portiere polacco ha respinto il rigore di Joao Felix assegnato per fallo di mano di Alex Sandro su cross dalla sinistra di Saul, ma tre minuti più tardi nulla ha potuto quando ancora Morata con un sinistro sporcato da un tocco di Bremer ha regalato il raddoppio ai suoi. Al 17' della ripresa, terzo gol dell'Atletico Madrid: da una punizione sulla trequarti destra di Lemar, è stato Morata in area a toccare di testa di quel tanto che è servito a spiazzare Perin subentrato a Szczesny e a firmare il tris. Il poker al 46' quando, su una dormita generale della difesa juventina, un tiro di Kondogbia diventato un assist è finito sui piedi di Cunha che non ha dovuto far altro che insaccare a porta vuota. - foto agenziafotogramma.it - (ITALPRESS).

  • Covid, 26.662 nuovi casi e 74 vittime nelle ultime 24 ore
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 12:36

    ROMA (ITALPRESS) - Sono 26.662 i nuovi casi Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, in calo rispetto ai 35.004 registrati ieri. Le vittime sono 74, contro le 158 di ieri. I tamponi processati sono stati 166.481 (ieri 229.180) con il tasso di positività che si attesta al 16%. Per quanto riguarda invece i ricoveri, sono invece 342 i pazienti in terapia intensiva, 6 in più rispetto a ieri, con 25 ingressi giornalieri, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 8.926, 102 in meno rispetto a ieri. La regione con più casi Covid resta la Lombardia con 3.145 contagi, seguita da Veneto (+2.943), Campania (+2.698), Emilia-Romagna (+2.467) e Lazio (+2.461). (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-

  • Letta “Unico alleato possibile per Calenda è Calenda”. E sui Cinquestelle: “Conte ha fatto cadere Draghi. Fatto conclusivo”
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 11:45

    ROMA (ITALPRESS) - "Ho ascoltato Carlo Calenda. Mi pare da tutto quel che ha detto che l'unico alleato possibile per Calenda sia Calenda. Noi andiamo avanti nell'interesse dell'Italia". Lo scrive su Twitter il leader Pd Enrico Letta. E in una intervista al TG1 chiude a ogni possibile ripensamento sui Cinquestelle: "Conte ha fatto cadere Draghi, per noi è un fatto conclusivo". Il leader M5S qualche ora prima lo aveva stuzzicato: "Qualcuno mi chiede: e se ora Letta riaprisse al Movimento? A Enrico rivolgo un consiglio non richiesto: offri pure i collegi che si sono liberati a Di Maio, Tabacci e agli altri alleati". Foto: agenziafotogramma.it (ITALPRESS).

  • Calenda “Non vado avanti con alleanza con il Pd”
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 11:15

    ROMA (ITALPRESS) - "Ho comunicato ai vertici del Pd che non intendo andare avanti con quest'alleanza. Ci ho creduto, forse sono stato ingenuo". Lo ha detto il segretario di Azione, Carlo Calenda, ospite di "Mezz'ora in più" su Rai3. "E' una delle decisioni più sofferte da quando ho deciso di fare politica", ha aggiunto. "Alla vigilia di queste elezioni avevo intrapreso un negoziato col Pd per costruire un'alternativa di Governo. Non ho mai avuto intenzione di distruggerlo. Ho fatto un negoziato con Enrico Letta. Mano a mano che questa negoziazione andava avanti, si aggiungevano pezzi che stonavano. Mi sono trovato al fianco di persone che hanno votato 54 volte la sfiducia a Draghi e persone come gli ex M5s che hanno demolito il lavoro fatto e hanno inquinato il dibattito politico. Mi sono un pò perso", ha aggiunto. "Letta lo sapeva ieri cosa sarebbe accaduto. Lo avevo avvertito. Ho chiesto a Letta perchè a questo punto abbia rotto coi Cinque Stelle, visto che poi ha preso Sinistra Italiana che ha votato la sfiducia a Draghi", ha spiegato. "Sono andato da Letta e gli ho proposto di fare un'alleanza netta, che tutta questa cosa gli italiani non la capiranno e che rinunciavo ai collegi, avrei accettato anche solo il 10%. Lo facciamo insieme solo una volta", ha chiosato. (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-