Coronavirus, il sindaco di Campobello di Mazara riferisce sulla riunione in Prefettura

Coronavirus, il sindaco di Campobello di Mazara riferisce sulla riunione in Prefettura

Il sindaco Castiglione informa la cittadinanza che, oltre alla sospensione delle attività scolastiche, sono sospese sino al 3 aprile anche tutte le manifestazioni pubbliche e private che prevedono la presenza di pubblico

A seguito del nuovo tavolo tecnico tenutosi stamattina in Prefettura, alla presenza di sua eccellenza il prefetto Tommaso Ricciardi, del Questore, del Comandante provinciale dei Carabinieri, del Comandante provinciale della Guardia di Finanza e di tutti i sindaci della provincia di Trapani, con l’obiettivo di adottare misure urgenti al fine di contrastare e contenere il diffondersi del  Coronavirus in ottemperanza al decreto emanato ieri dal Presidente del Consiglio dei Ministri, il sindaco Giuseppe Castiglione informa la cittadinanza che, oltre alla sospensione delle attività scolastiche disposta sino al 15 marzo, sempre in via precauzionale, sono sospese sino al 3 aprile anche tutte le manifestazioni pubbliche e private che prevedono la presenza di pubblico, da svolgersi sia in luoghi chiusi sia all’aperto, quali riunioni, meeting, attività sportive etc. 
«Torno ad invitare tutti i cittadini di Campobello al senso di responsabilità – dichiara il sindaco Castiglione – mettendo in pratica tutti i comportamenti igienico-sanitari suggeriti dal Ministero della Salute al fine di minimizzare eventuali rischi di contagio. Invito, inoltre, le attività private ad attenersi scrupolosamente al decreto emanato ieri dal Presidente del Consiglio dei Ministri, che ritengo opportuno divulgare. Ribadisco, infine, che, allo stato attuale, nella nostra provincia, non vi sono particolari condizioni di allarme, ma che le misure disposte perseguono obiettivi di natura prudenziale. 
Continueremo a essere particolarmente vigili sulla problematica e non mancheremo, come sempre, di tenere opportunamente e tempestivamente informata la cittadinanza delle eventuali evoluzioni relative all’emergenza anche mediante l’uso dei social network». 

Comunicato stampa