Operazione “Ermes” fase tre, la polizia arresta due persone

Nella stessa operazione sono indagate, a vario titolo, 15 persone

All’alba di oggi, la Polizia di Stato ha dato esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP di Palermo a carico di CALCAGNO Giuseppe, 46 anni, di Campobello di Mazara (TP), e MANZO Marco, 55 anni, pregiudicato, di Campobello di Mazara, indagati per associazione di tipo mafioso ed estorsione.

L’operazione è stata condotta dagli uomini della Squadra Mobile di Trapani con l’ausilio degli uomini della Questura, dei Commissariati della provincia e dei Reparti Prevenzione Crimine della Sicilia e della Calabria, e l’impiego di unità cinofile e di elicottero del Reparto Volo di Palermo.

Sono stati impiegati 90 uomini della Polizia di Stato.

Su delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo sono stati notificate informazioni di garanzia ed eseguite perquisizioni nei territori di Marsala, Mazara del Vallo e Castelvetrano nei confronti di 15 indagati a vario titolo per associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi, favoreggiamento della latitanza del boss mafioso Matteo MESSINA DENARO, pure indagato nell’ambito del medesimo procedimento penale per tentata estorsione.

Anche l’abitazione di Castelvetrano, dove risulta la residenzaanagrafica del latitante, è stata sottoposta a perquisizione.  

L’indagine, denominata “ERMES Fase 3”, ha disvelato che i 15 indagati, membri o contigui dei mandamenti mafiosi di Mazara del vallo e di Castelvetrano, si sono adoperati per garantirne gli interessi economici, il controllo del territorio e delle attività produttive da parte dell’associazione e per aver favorito, in passato, la comunicazione riservata con il latitante Matteo MESSINA DENARO. 

Le attività investigative hanno fatto luce sugli interessi economici e sui rapporti fra i sodali del mandamento mafioso di Mazara del Vallo, retto da GONDOLA Vito, deceduto in data 13/07/2017, e sui rapporti che il predetto capo mafia mazarese intratteneva con altri appartenenti alla famiglia mafiosa di Marsala, di Campobello di Mazara e di Castelvetrano. 

Nel corso di incontri riservati e attraverso lo scambio di “pizzini” si decideva il compimento di estorsioni nella compravendita di fondi agricoli e nell’esecuzione di lavori pubblici.

L’indagine ha dimostrato anche l’intestazione fittizia di beni riconducibili a mafiosi e l’intervento dell’organizzazione per risolvere partite di debito/credito fra soggetti vicini alle “famiglie”. 

Le decisioni in merito ad alcune estorsioni venivano assunte su indicazione diretta del latitante MESSINA DENARO Matteo.  

Il ruolo svolto da Giuseppe CALCAGNO ha consentito al reggente del mandamento mafioso di Mazara del Vallo, VitoGONDOLA, l’esercizio delle sue funzioni apicali, eseguendone puntualmente gli ordini. Il CALCAGNO hacostituito un punto di riferimento nel segreto circuito di comunicazioni finalizzate alla veicolazione dei “pizzini” del latitante Matteo Messina Denaro. E’ intervenuto nella risoluzione dei conflitti interni alla consorteria mafiosa o comunque per essa rilevanti; ha partecipato ad incontri e riunioni riservate con altri membri dell’organizzazione mafiosa, anche finalizzati allo scambio di informazioni e hamantenuto contatti con altri esponenti di verticedell’associazione.

Anche la condotta criminale del Marco MANZO è stata finalizzata a favorire l’esercizio della posizione di comando da parte del GONDOLA; ha partecipato a riunioni e incontri con altri membri dell’organizzazione e ha favorito lo scambio di informazioni, anche operative, con membri e vertici delle famiglie mafiose della Provincia di Trapani e di altre province. Il MANZO è anche intervenuto nella risoluzione dei conflitti interni alla consorteria mafiosa e si è imposto nel territorio quale imprenditore del settore di carburanti in posizione dominante in forza dalla sua appartenenza a “cosa nostra”.

Marco MANZO è indagato, in concorso, anche per aver costretto, con l’intimidazione mafiosa, un dipendente di una società per la vendita di carburanti di Campobello di Mazara a rassegnare le proprie dimissioni, rinunciando al pagamento degli stipendi arretrati ed alle altre spettanze economiche derivanti dal suo rapporto di lavoro.

MANZO Marco era stato condannato per aver favorito la latitanza del boss mafioso SINACORI Vincenzo e successivamente per danneggiamento aggravato ai danni dell’abitazione di un uomo politico di Castelvetrano.

La attività investigative hanno dimostrato che l’assoggettamento del territorio e il controllo delle attività economico-imprenditoriali passava attraverso minacce e azioni violente, per la realizzazione delle quali era fondamentale un costante scambio di informazioni fra i vertici delle varie famiglie della provincia.

Sono state documentate le pressioni estorsive esercitate su un agricoltore marsalese, al fine di costringerlo a cedere a un membro dell’associazione un appezzamento di terreno, che invece avrebbe voluto acquistare per sè.

Le indagini hanno fatto luce anche su i contrasti fra uno degli indagati mafiosi e alcuni imprenditori agricoli e allevatori e su gli incontri tra mafiosi finalizzati a ricercare una soluzione.

L’intervento di “cosa nostra” era essenziale anche per risolvere dissidi per l’utilizzo di alcuni fondi agricoli e per il pascolo nelle campagne di Castelvetrano. 

Attraverso le attività tecniche di intercettazione è stato disvelato il tentativo di estorsione nei confronti degli eredi del defunto boss mafioso campobellese Alfonso PASSANANTE, affinchè cedessero la proprietà di un vasto appezzamento di terreno in contrada Zangara di Castelvetrano, appartenuto al boss RIINA Salvatore. Le minacce dalla cosca mafiosa di Campobello, rappresentata dal boss mafioso LA CASCIA Vincenzo, furono avallate anche da una lettera intimidatoria attribuita al latitante Matteo MESSINA DENARO, risalente al 2013.

comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Calenda “Renzi mi ha proposto come leader, grazie per la generosità”
    by Redazione on 11 Agosto 2022 at 17:51

    ROMA (ITALPRESS) - "Renzi mi ha proposto di fare il leader della coalizione. Ringrazio Renzi per la sua generosità. E ora corriamo insieme con un'agenda che è la prosecuzione dell'agenda Draghi e speriamo sia, il terzo polo, la novità vera di queste elezioni. Domani presenteremo il programma...". Lo ha detto, in collegamento con Zona Bianca su Rete4, il leader di Azione Carlo Calenda. "Mai alleato con Renzi? Lo dissi in passato. Molto banalmente, all'epoca, Renzi ha fatto il Governo con l'M5S, io ho un'avversione molto forte per i cinque stelle, non li ho mai voluti vicino. Tra di noi c'è stata una divisione molto netta su questo...". "Mandare a casa l'uomo più illustre che c'è in Italia è stato un errore clamoroso...". Per Calenda: "La prima cosa che c'è da fare è chiudere a chiave dentro Palazzo Chigi Mario Draghi...". E su Letta ha aggiunto: "Letta ha costruito una coalizione eterogenea che dice tutto e il contrario di tutto. È una coalizione che tra l'altro ha una classe dirigente - penso a Luigi Di Maio, Manlio Di Stefano - che io considero la peggior classe dirigente che ha governato l'Italia...". (ITALPRESS). - credit photo agenziafotogramma.it -

  • Conte, “Renzi-Calenda come ‘Una poltrona per 2’, vediamo quanto dura”
    by Redazione on 11 Agosto 2022 at 16:31

    ROMA (ITALPRESS) - L'accordo tra Renzi e Calenda? "Mi verrebbe da commentare con il titolo di quel famoso film 'Una poltrona per duè. Vediamo quanto durerà e se riusciranno ad andare d'accordo almeno in campagna elettorale". Lo ha detto il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, a "Controcorrente" su Rete4. "Girano dei video in cui, qualche giorno fa, Calenda dichiarava che gli faceva orrore far politica e governare con chi ha cercato di sponsorizzare il rinascimento saudita: oggi invece li vediamo affianco", sottolinea.(ITALPRESS).Photo credits: www.agenziafotogramma.it

  • Letta, “Il nostro obiettivo è essere prima lista del Paese”
    by Redazione on 11 Agosto 2022 at 16:01

    ROMA (ITALPRESS) - "Il nostro obiettivo è essere la prima lista del Paese. Questa destra la possiamo battere solo noi". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenuto al comitato dei volontari alla presentazione del simbolo elettorale. "Insieme siamo in grado di arrivare a essere, il 25 settembre, la prima lista del Paese".(ITALPRESS).Photo credits: Ufficio stampa Pd

  • Dai leader del centrodestra via libera al programma elettorale
    by Redazione on 11 Agosto 2022 at 15:41

    ROMA (ITALPRESS) - "I leader dei partiti che compongono il centrodestra hanno condiviso e dato il via libera al programma di governo che la coalizione realizzerà dopo le elezioni del 25 settembre quando, finalmente, l'Italia potrà avere un governo coeso e capace di dare al Paese delle risposte concrete. Un programma che si articola in 15 punti, serio e realizzabile, incentrato sulla tutela dell'interesse nazionale e della Patria, sulla crescita economica e sulla difesa del potere d'acquisto delle famiglie". E' quanto si legge in una nota congiunta dei leader dei partiti del centrodestra."Nel documento, elaborato nelle scorse settimane da un tavolo tecnico composto dai delegati di tutte le forze del centrodestra, vengono ribaditi i nostri valori e la nostra collocazione in Europa, nell'Alleanza Atlantica e in Occidente, la necessità di una profonda riforma fiscale con la Flat Tax, del superamento della legge Fornero con Quota 41, dei Decreti sicurezza, dell'autonomia regionale e del presidenzialismo e di tutti gli altri elementi che sono indispensabili per affrontare i problemi dell'Italia e dare finalmente il via a un rilancio che non può più essere rinviato - prosegue la nota -. Il centrodestra sottolinea anche i temi delle infrastrutture strategiche, delle riforme come quelle della giustizia e della pubblica amministrazione, passando, ovviamente per la necessità di tagliare il carico fiscale a famiglie e imprese".- foto ufficio stampa Fdi -(ITALPRESS).

  • Italia d’argento nella staffetta 4×200 agli Europei di nuoto
    by Redazione on 11 Agosto 2022 at 15:36

    ROMA (ITALPRESS) - L'Italia conquista la medaglia d'argento nella finale della 4x200 uomini agli Europei di nuoto in corso a Roma, al Foro Italico. Marco De Tullio, Lorenzo Galossi, Gabriele Detti e Stefano Di Cola chiudono in 7'06"25 e rimontano nelle ultime due frazioni sino al secondo posto, assestandosi alle spalle dell'Ungheria (oro in 7'05"38) e davanti alla Francia (bronzo). "Una bella staffetta, ci siamo divertiti. Con un Milak così credo si potesse fare poco, Stefano (Di Cola) ha fatto una grande cosa nell'ultima, Marco (De Tullio) ha aperto bene, e Galossi ha coperto", ha dichiarato Detti. "L'ultima gara della stagione si fa sentire ma ho iniziato bene e siamo contenti", ha aggiunto De Tullio ai microfoni della Rai. "Sono molto emozionato - ha ammesso Galossi - so che sarebbe potuta andare meglio ma ho dato tutto la mattina. E' andata bene, non ci credevamo quasi più, quindi bravi tutti". "Una gara bellissima - ha chiuso Di Cola - alla virata del 100 ho sentito anche il pubblico. La finale di Budapest è un ricordo recente e ci siamo riscattati. Siamo giovani e un bel gruppo, continuiamo così". - foto LivePhotoSport - (ITALPRESS).