A Selinunte ritorna alla luce l’agorà, 33mila metri quadrati, la più grande finora scoperta

A Selinunte ritorna alla luce l’agorà, 33mila metri quadrati, la più grande finora scoperta

Gli scavi restituiscono amuleti e gioielli. E uno stampo misterioso


L’agorà più grande del mondo, quasi 33mila metri quadrati. E’ ritornata alla luce a Selinunte dove finalmente è stata delineata secondo le indicazioni degli archeologi. E sono balzati fuori anche gioielli e amuleti, e uno stampo che ha una storia a sé visto che è la seconda parte di un manufatto già scoperto dieci anni fa e che così ritorna perfettamente integro. A cosa serviva? Forse uno scettro, forse un oggetto rituale che non doveva assolutamente essere replicato e dunque lo stampo, diviso in due parti, era stato sepolto nel recinto sacro. Lo sta studiando Clemente Marconi, che guida una missione che vede insieme l’ Institute of Fine Arts della New York University e l’Università degli Studi di Milano in collaborazione con l’Istituto Archeologico Germanico.

Soltanto osservando le immagini realizzate con il drone ci si riesce a rendere conto dell’effettiva ampiezza di quello che doveva essere il cuore dell’antica Selinus, prima della distruzione cartaginese. Ma il mistero la avvolge ancora oggi: perché era così grande? A cosa era dovuta la forma perfettamente trapezoidale (che si può apprezzare meglio dall’alto) che sembra avesse un cuore nell’antica tomba di Pàmmilo, che gli archeologi indicano come fondatore della città? I sondaggi non hanno risolto l’enigma, attorno alla tomba e in profondità, non esiste nessuna struttura o tomba di epoca classica, solo piccole costruzioni posteriori, del periodo punico.

Siamo nel cuore di Selinunte e grazie alle attività di pulizia, predisposte dal direttore del Parco – dice l’assessore regionale ai Beni culturali e Identità siciliana, Alberto Samonà – è possibile avere una visione d’insieme, seppure parziale, di questa immensa agorà. Dà l’idea della magnificenza di questa città e della sua straordinaria essenza, che si comprende anche dai ritrovamenti eccezionali delle missioni archeologiche. Pezzi unici che da venerdì saranno esposti al pubblico all’antiquarium”.

Una conca vuota che impressiona per la sua ampiezza e il suo fitto mistero” dice il direttore del Parco archeologico di Selinunte, Felice Crescente – un primo esempio di musealizzazione su vasta scala che, sfruttando il contrasto  creato dal diverso modo di rilasciare o assorbire la luce naturale della vegetazione diversamente trattata, restituisce un’immagine chiara e con contorni netti dello spazio visivo”.

LA GRANDE AGORÀ. E’ stata necessaria un’imponente operazione di scerbatura, su indicazione degli archeologi della missione dell’Istituto Germanico di Roma, ma alla fine l’antica agorà è riemersa, al centro dell’abitato e circondata da quartieri residenziali ed edifici pubblici; il centro abitato era collegato all’acropoli da una stretta lingua di terra, e si sviluppò in buona parte verso Nord, sovrapponendosi, sembra pacificamente, a un villaggio preesistente di sicelioti. Nell’agorà si concentrava la vita civile della comunità e fungeva da snodo urbanistico tra le diverse parti della città. Si pensa quindi ad un recinto sacro  per il culto degli antenati, con al centro un heroòn, un monumento commemorativo per un personaggio importante, un impianto che ricalca perfettamente – ampliandolo a dismisura, praticamente il doppio – quello di Mégara Hyblaea, cellula “madre” da cui provenivano i coloni greci che fondarono  Selinunte; resti di strutture in pietra e ossa di animali fanno pensare ad altari dove venivano compiuti i riti per sancire i confini dei lotti e la loro ripartizione. Sempre su questo lato dell’agorà, intorno alla metà del VI secolo avanti Cristo, fu eretto un edificio in un unico grande vano, forse un hestiatòrion, una sala per banchetti rituali dove potevano trovare posto nove grandi klìnai, i lettini su cui i greci consumavano i pasti.

In questi mesi il Parco di Selinunte, aperto anche per le visite in notturna, ospita la grande mostra Ars Aedificandi prodotta da MondoMostre, che racconta in scala 1:1 le poderose macchine usate per costruire i templi nell’antichità. Una porzione della mostra è a Cave di Cusa, altro sito straordinario dove venivano scavati i cosiddetti rocchi che trasportati su rulli di pietra, venivano poi usati per erigere i templi. Si stanno definendo in queste ore visite guidate da CoopCulture che condurranno fino alla grande agorà usando le macchinine elettriche in dotazione al parco.

Ma non sono solo queste le ultime scoperte di Selinunte: con una diretta sulla pagina Facebook del Parco Archeologico di Selinunte, ieri sono stati infatti presentati i risultati degli scavi della missione diretta dall’archeologo Clemente Marconi, condotta dall’ Institute of Fine Arts della New York University e dell’Università degli Studi di Milano, con grandi risultati, soprattutto sulle prime due generazioni di vita della colonia greca. La ricerca ha interessato, principalmente, lo spazio tra il Tempio A e il Tempio O, con una trincea che ha visto la collaborazione con l’Istituto Archeologico Germanico. “Si tratta del primo caso di collaborazione tra missioni nella storia della ricerca archeologica a Selinunte e un importante esempio di collaborazione internazionale” scrive Marconi. Lo scopo era quello di datare i due templi, è stata invece individuata una sorgente vicino alle fondazioni del Tempio A: questo fa ragionevolmente ipotizzare che si tratti del primo insediamento in assoluto dei coloni di Megara Hyblaeadi fatto Selinus nasce in questo luogo.  

La seconda e la terza area di scavo hanno riguardato entrambe il settore meridionale del grande santuario urbano: sono stati scoperti muri di argilla mista a cenere, con ogni probabilità recinti rituali, ma anche piastre di cottura d’argilla di tipo greco e una

grande quantità di frammenti di ceramica di Megara Hyblaea, di fatto il più cospicuo finora scoperto.  

DUE SCOPERTE ECCEZIONALI: LO STAMPO DI UNO SCETTRO E DUE GIOIELLI

E’ stata scoperta la seconda porzione di uno stampo che finalmente si ricompone, visto che la prima parte era stata rinvenuta dieci anni fa. Gli archeologi ipotizzano che servisse per uno scettro prezioso, un oggetto unico e infatti lo stampo, dopo la prima e unica fusione, era stato diviso nelle sue due componenti e seppellito nell’area sacra. E’ in programma un’indagine metallografica per comprendere che tipo di metallo (probabilmente bronzo) sia stato utilizzato per la fusione, e replicarlo.

L’ultima scoperta ha avuto luogo in laboratorio: è stato infatti ricomposto perfettamente da frammenti trovati nel 2017 in uno scavo nel Tempio R, un ciondolo in avorio a forma di sirena, databile alla metà del VI secolo avanti Cristo, importata probabilmente dal Peloponneso, e molto simile ad analoghe sculture di Delfi. Rinvenuto anche un piccolo amuleto che raffigura un falcone in pasta di vetro blu, prodotto in Egitto tra la fine del VII e l’inizio del VI secolo avanti Cristo. “È l’immagine del dio Horus (divinità del cielo e del sole) – spiega Marconi -, è uno dei più importanti oggetti di produzione egizia scoperti in Sicilia e dà l’idea della ricchezza delle dediche alla dea del tempio R“.

comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Elezioni, Renzi “Con Calenda ancora no accordo, ci vediamo domani”
    by Redazione on 10 Agosto 2022 at 14:16

    ROMA (ITALPRESS) - "Il terzo polo c'è, la vera domanda e se riusciremo a rappresentarlo in modo serio. Io spero nella compagine più ampia possibile. No non abbiamo concluso. Bisogna capire qual è la prospettiva. Visto il teatrino deludente delle ultime settimane, se dobbiamo fare un accordo bisogna farlo in modo serio e diverso dagli altri". Così il leader di Iv, Matteo Renzi, intervistato a lastampa.it, in merito all'accordo con Calenda per le prossime elezioni. "La domanda è vogliamo fare un polo del buon senso? Sono ottimista e prudente. Penso che domani dobbiamo vederci e decidiamo se si o no", ha aggiunto."La leadership è l'approdo finale, non ho alcun problema ma prima bisogna decidere lo scenario. Uno dei due o tutti e due deve fare un passo indietro, ma i nomi sono l'ultimo problema", ha chiosato.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Samsung, arrivano i nuovi smartphone pieghevoli Galaxy Z Flip4 e Fold4
    by Redazione on 10 Agosto 2022 at 13:06

    MILANO (ITALPRESS) - Samsung Electronics annuncia la nuova rivoluzionaria generazione di smartphone pieghevoli: Galaxy Z Flip4 e Galaxy Z Fold4. Entrambi i dispositivi presentano formati personalizzabili, esperienze su misura e prestazioni ottimizzate. Giunta ormai alla quarta generazione, la serie Galaxy Z continua a rompere le regole per offrire nuove efficaci interazioni che migliorano la vita di tutti i giorni. "I pieghevoli Galaxy di Samsung sono radicati nella filosofia di apertura che ci caratterizza e garantiscono nuove possibilità di personalizzazione completa, sia al proprio interno che esternamente. Nati dalla collaborazione con i nostri eccellenti partner, i nuovi dispositivi foldable offrono esperienze mobile senza precedenti, che soddisfano le esigenze dei nostri utenti più dinamici - afferma TM Roh, President e Head of Mobile eXperience Business di Samsung Electronics -. Grazie alla nostra ostinata determinazione e alla posizione di leader nel settore, l'entusiasmo verso i dispositivi pieghevoli è in costante crescita. Siamo riusciti a trasformare questa categoria da un progetto di nicchia a una lineup di dispositivi mainstream, utilizzati da milioni di persone in tutto il mondo". A conferma dell'attenzione che Samsung dedica all'artigianalità di massimo livello, in entrambi i formati ogni componente è stato scrupolosamente analizzato per offrire un'esperienza davvero ottimizzata di modo che ogni consumatore abbia un dispositivo che risponda alle proprie esigenze. Galaxy Z Flip4 parte dal successo del formato iconico di Samsung, arricchendolo con funzioni chiave, come un'esperienza foto- video ottimizzata, una batteria 1 a lunga durata e possibilità di personalizzazione ampliate, pur mantenendo un design ultracompatto. Galaxy Z Fold4 apre nuove possibilità, offrendo la più completa esperienza smartphone Samsung attualmente disponibile con un design dinamico, schermi immersivi e funzionalità multitasking che richiamano il mondo dei laptop oltre ad un comparto fotografico di livello professionale e un potente processore. Gli auricolari Galaxy Buds2 Pro saranno disponibili nei colori Graphite, White, e Bora Purple a partire da 229 euro. In Italia, gli utenti che acquisteranno Galaxy Buds2 Pro in preordine dal 10 al 25 agosto avranno la possibilità di ricevere gratuitamente un wireless charger, dopo aver registrato il dispositivo sulla piattaforma Samsung Members. Inoltre, Samsung Electronics annuncia l'uscita di Galaxy Watch5 e Galaxy Watch5 Pro, pensati per migliorare le abitudini di salute e benessere dell'utente grazie a insight intuitivi, funzionalità avanzate e potenzialità sempre più ampie. Galaxy Watch5 migliora le funzionalità più usate ogni giorno dai consumatori, mentre Galaxy Watch5 Pro, ultimo arrivato nella line-up, è lo smartwatch Samsung più robusto e ricco di funzionalità di sempre. Con i nuovi dispositivi, Samsung si impegna a offrire agli utenti due validi ausili, Galaxy Watch5 e Galaxy Watch5 Pro, per raggiungere ogni obiettivo e traguardo. "Puntiamo a offrire alla nostra community Galaxy Watch gli strumenti, i dati e le risorse necessari non solo per avere un quadro generale più chiaro del proprio stato di salute e benessere, ma anche per accompagnarli in questo viaggio - ha aggiunto TM Roh -. Il rivoluzionario sensore Samsung BioActive ci consente di offrire agli utenti un quadro estremamente completo e ricco di insight sul loro stato di salute". - foto ufficio stampa Samsung - (ITALPRESS).

  • Lavoro, Orlando firma decreto per bonus 200 euro ad autonomi
    by Redazione on 10 Agosto 2022 at 12:56

    ROMA (ITALPRESS) - Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, ha firmato il decreto che disciplina i criteri e le modalità per la concessione dell'indennità una tantum introdotta dal Dl Aiuti, quale misura di sostegno al potere d'acquisto dei lavoratori autonomi e dei professionisti conseguente alla crisi energetica e al caro prezzi in corso.La misura è finanziata a valere sulle risorse del fondo istituito nello stato di previsione del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con una dotazione finanziaria implementata dal Dl Aiuti bis a 600 milioni per il 2022, che costituisce limite complessivo di spesa. I beneficiari dell'indennità sono i lavoratori autonomi e i professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell'Inps, nonchè i professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza che, nel periodo d'imposta 2021 abbiano percepito un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro. I destinatari della misura una tantum, pari a 200 euro e corrisposta a seguito di presentazione della domanda, devono essere già iscritti alle gestioni previdenziali alla data di entrata in vigore del Dl Aiuti. Devono avere partita Iva e attività lavorativa avviata e devono aver eseguito almeno un versamento, totale o parziale, per la contribuzione dovuta alla gestione di iscrizione per la quale è richiesta l'indennità, con competenza a decorrere dal 2020. Il beneficio non è compatibile con le misure introdotte dagli articoli 31 e 32 del Dl Aiuti. L'indennità è corrisposta sulla base dei dati dichiarati dal richiedente e disponibili all'ente erogatore al momento del pagamento ed è soggetta a successiva verifica.(ITALPRESS).-foto Italpress-

  • Covid, Oggi sono 31.703 i nuovi positivi, 145 le vittime
    by Redazione on 10 Agosto 2022 at 12:31

    MILANO (ITALPRESS) - Sono 31.703 i nuovi positivi al Coronavirus in Italia, su un totale di 201.509 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. E' quanto emerge dal quotidiano bollettino sull'emergenza sanitaria, diffuso dal Ministero della Salute. Il tasso di positività passa al 15,7%. Le vittime sono 145, con il totale delle vittime da inizio pandemia che passa a quota 173.571. In calo i ricoveri ospedalieri, che sono 8.593 (224 in meno di ieri) e le terapie intesive, che sono 321, 10 in meno di ieri. (ITALPRESS).Photo credits: www.agenziafotogramma.it

  • Elezioni, Ilaria Cucchi e Aboubakar Soumahoro candidati con Verdi-Si
    by Redazione on 10 Agosto 2022 at 11:46

    ROMA (ITALPRESS) - La sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, sarà candidata alle elezioni con Verdi-Sinistra italiana. Con lei, sarà candidato anche Aboubakar Soumahoro, sindacalista nato in Costa d'Avorio, che per anni si è occupato della condizione dei lavoratori agricoli e dei braccianti. Lo hanno annunciato il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni e il co-portavoce di Europa Verde Angelo Bonelli. (ITALPRESS).