Cicogna bianca uccisa a Marsala: i carabinieri forestali denunciano due persone

Cicogna bianca uccisa a Marsala: i carabinieri forestali denunciano due persone

L’uccisione dell’animale è avvenuta a settembre del 2021

 

I Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo – Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) con il supporto dei militari del Distaccamento Cites di Trapani, al termine di una lunga e articolata attività di indagine delegata della Procura della Repubblica di Marsala, hanno notificato in data odierna l’avviso conclusione indagini preliminari a carico dei soggetti sospettati di essere gli autori  dell’uccisione, con crudeltà e senza un apparente motivo, di un esemplare di Cicogna bianca (nome scientifico: Ciconia ciconia), specie particolarmente protetta sia dalla normativa italiana, sia da quella comunitaria.

È obbligo rilevare che gli odierni indagati sono, allo stato, solamente indiziati di delitto, pur gravemente, e che la loro posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato, in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di non colpevolezza.

A seguito dell’episodio, avvenuto nel settembre 2021 nel territorio marsalese, i militari dell’Arma forestale hanno prontamente avviato un’attività di indagine che ha permesso di reperire un video che ritraeva il fatto criminoso e sequestrato i bossoli rinvenuti nelle immediate vicinanze del luogo dello sparo. L’analisi delle immagini – effettuata con l’ausilio delle tecnologie messe a disposizione dalla Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale Carabinieri di Palermo – consentiva di giungere all’individuazione di due individui sospetti, possibili responsabili del fatto, che venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di uccisione di animali senza necessità, aggravato dal fatto che lo stesso fosse avvenuto ai danni di una specie protetta ed in giornata di silenzio venatorio.  

Sotto la direzione della Procura Marsalese, le indagini sono continuate, effettuando dapprima una perquisizione domiciliare, che consentiva di rintracciare la probabile arma con la quale i due soggetti, uno dei quali titolare di licenza di porto di fucile uso caccia, avrebbero compiuto l’insensato gesto, oltreagli indumenti indossati dagli stessi il giorno della commissione del reato e l’autoveicolo utilizzato per fuggire dalla scena del crimine.

L’arma sequestrata veniva poi sottoposta agli esami balistici a cura del Reparto Investigazione Scientifiche (R.I.S.) di Messina, il quale forniva la prova che l’arma sequestrata fosse compatibile con quella che aveva sparato lo scorso settembre.

Inoltre, venivano acquisite ed elaborate le celle telefoniche delle utenze cellulari in uso ai sospettati che, anche in questo caso,collocavano i due odierni indagati nelle vicinanzedelluogo dell’evento, in un arco temporale compatibile con il suo accadimento.

Rilevato il quadro probatorio, i militari procedevano pertanto al ritiro cautelare di tutte le armi e munizioni legalmente detenute, nonché della licenza di porto di fucile uso caccia, ritenendo che il soggetto detentore non presentasse più i requisiti di affidabilità per la detenzione delle stesse, anche in ragione del fatto che venivano rinvenute munizioni non denunciate, di tipologia non compatibile con le armi di legittima detenzione,conservate con modalità inidonee. Di quanto sopra veniva informata l’Autorità di Pubblica Sicurezza per l’adozione dell’eventuale provvedimento di revoca della licenza.

La complessità dell’attività della quale trattasi dimostra quanto alta sia l’attenzione dell’Arma dei Carabinieri sui reati ambientali ed in particolare sui reati a danno degli animali. L’approssimarsi della nuova stagione venatoria sarà certamente da stimolo per l’intensificazione dei controlli sul corretto esercizio della pratica venatoria e al contrasto del bracconaggio.

comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Tragedia allo stadio in Indonesia, si riduce a un centinaio il bilancio delle vittime
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 10:35

    GIACARTA (INDONESIA) (ITALPRESS) - E' stato rivisto al ribasso il bilancio delle vittime nei disordini scoppiati allo stadio di Malang. Lo rendono noto le autorità indonesiane secondo cui sono almeno 125 i morti: "Sono state indentificate 124 vittime e un'altra non lo è ancora stata", ha spiegato il vice governatore della regione, Emil Dardak, a Metro TV. In un primo momento si era parlato di 182 vittime, ma alcuni nomi sarebbero stati registrati due volte per errore. Almeno un centinaio i feriti. credit photo agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • Papa “Si giunga subito al cessate il fuoco in Ucraina, si cerchino soluzioni”
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 09:05

    ROMA (ITALPRESS) - "L'andamento della guerra in Ucraina è diventato talmente grave, devastante e minaccioso da suscitare grande preoccupazione". Così Papa Francesco, durante la sua riflessione sulla situazione ucraina, prima della recita dell'Angelus."Questa terribile e inconcepibile ferita dell'umanità, anzichè rimarginarsi, continua a sanguinare sempre di più, rischiando di allargarsi - sottolinea il Pontefice -. Mi affliggono i fiumi di sangue e di lacrime versati in questi mesi. Mi addolorano le migliaia di vittime, in particolare tra i bambini, e le tante distruzioni, che hanno lasciato senza casa molte persone e famiglie e minacciano con il freddo e la fame vasti territori. Certe azioni non possono mai essere giustificate, mai! E' angosciante che il mondo stia imparando la geografia dell'Ucraina attraverso nomi come Bucha, Irpin, Mariupol, Izium, Zaporizhzhia e altre località, che sono diventate luoghi di sofferenze e paure indescrivibili. E che dire del fatto che l'umanità si trova nuovamente davanti alla minaccia atomica? E' assurdo"."Che cosa deve ancora succedere? Quanto sangue deve ancora scorrere perchè capiamo che la guerra non è mai una soluzione, ma solo distruzione? In nome di Dio e in nome del senso di umanità che alberga in ogni cuore, rinnovo il mio appello affinchè si giunga subito al cessate-il-fuoco - aggiunge Papa Francesco -. Tacciano le armi e si cerchino le condizioni per avviare negoziati capaci di condurre a soluzioni non imposte con la forza, ma concordate, giuste e stabili. E tali saranno se fondate sul rispetto del sacrosanto valore della vita umana, nonchè della sovranità e dell'integrità territoriale di ogni Paese, come pure dei diritti delle minoranze e delle legittime preoccupazioni"."Deploro vivamente - prosegue il Papa - la grave situazione creatasi negli ultimi giorni, con ulteriori azioni contrarie ai principi del diritto internazionale. Essa, infatti, aumenta il rischio di un'escalation nucleare, fino a far temere conseguenze incontrollabili e catastrofiche a livello mondiale"."Il mio appello - dice Papa Francesco - si rivolge innanzitutto al Presidente della Federazione Russa, supplicandolo di fermare, anche per amore del suo popolo, questa spirale di violenza e di morte. D'altra parte, addolorato per l'immane sofferenza della popolazione ucraina a seguito dell'aggressione subita, dirigo un altrettanto fiducioso appello al Presidente dell'Ucraina ad essere aperto a serie proposte di pace. A tutti i protagonisti della vita internazionale e ai responsabili politici delle Nazioni chiedo con insistenza di fare tutto quello che è nelle loro possibilità per porre fine alla guerra in corso, senza lasciarsi coinvolgere in pericolose escalation, e per promuovere e sostenere iniziative di dialogo. Per favore, facciamo respirare alle giovani generazioni l'aria sana della pace, non quella inquinata della guerra, che è una pazzia! Dopo sette mesi di ostilità, si faccia ricorso a tutti gli strumenti diplomatici, anche quelli finora eventualmente non utilizzati, per far finire questa immane tragedia. La guerra in sè stessa è un errore e un orrore!".credit photo agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • MotoGp, Oliveira vince in Thailandia e Bagnaia è a -2 da Quartararo
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 08:05

    BURIRAM (THAILANDIA) (ITALPRESS) - Miguel Oliveira ha vinto il Gran Premio di Buriram di MotoGP, diciassetteimo appuntamento in calendario. Il pilota brasiliano ha ingaggiato un lungo duello con Jack Miller che si è dovuto accontentare del secondo posto. Terzo Pecco Bagnaia che ha ridotto ulteriormente il divario da Quartararo, finito fuori dalla zona punti. Ora la distanza del ducatista ufficiale dalla vetta del Mondiale è di soli 2 punti. Da segnalare l'ottimo finale del francese Zarco, quarto, ed il settimo posto di Vinales con l'Aprilia. La gara di MotoGP è iniziata con un'ora di ritardo complice il nubifragio caduto sul circuito poco prima del via previsto. - foto: LivePhotoSport (ITALPRESS).

  • Zelensky “Le bandiere ucraine sventolano nelle zone del referendum farsa”
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 07:35

    KIEV (UCRAINA) (ITALPRESS) - "La Russia ha organizzato una farsa nel Donbass. Una farsa assoluta che ha voluto presentare come referendum. E ora la bandiera ucraina sventola lì, in molti luoghi della regione". Così, dopo il ritiro delle truppe russe da Lyman, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che aggiunge: "La settimana prossima ci saranno ancora più bandiere".Nel messaggio serale di ieri, Zelensky aveva lanciato un duro monito ai russi: "Risolvete il problema rappresentato da Putin altrimenti i soldati impegnati in guerra saranno uccisi uno a uno".credit photo agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • Rovanpera nuovo campione del mondo di Rally, il più giovane di sempre
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 06:40

    AUCKLAND (NUOVA ZELANDA) (ITALPRESS) - Kalle Ròvanpera si laurea campione del mondo di rally ed è il più giovane della storia (22 anni). Il finlandese si aggiudica la gara in Nuova Zelanda e chiude i conti con gli avversari quando mancano due appuntamenti al termine della stagione. L'ultimo connazionale a conquistare il titolo era stato nel 2002 Marcus Gronholm. Il pilota della Toyota ha dominato senza problemi precedendo sul podio il suo compagno ed ex campione Sebastian Ogier e il suo rivale Ott Tànak, su Hyunday i20 N Rally1 Hybrid, vincitore della SS15 e che ha provato fino a quando ha potuto a dar fastidio al neo campione. Con 237 punti, infatti, Ròvanpera è irragiungibile per Tanak che ne ha 173. Il migliore italiano in Nuova Zelanda è stato Lorenzo Bertelli (Ford Puma) che ha chiuso in settima posizione. - foto: LivePhotoSport (ITALPRESS).