“Colde case” a Trapani, un imprenditore arrestato dalla polizia per tentato omicidio

“Colde case” a Trapani, un imprenditore arrestato dalla polizia per tentato omicidio

Si tratta di un 52enne accusato del tentato omicidio del cognato avvenuto nel 2013

Nel marzo del 2013, aveva commissionato l’eliminazione fisica del cognato, demandandone l’esecuzione ad un amico, il noto imprenditore M.B. tratto in arresto questa mattina dagli uomini della Squadra Mobile di Trapani. L’uomo, cinquantaduenne trapanese, molto conosciuto in città, all’epoca dei fatti, trovandosi in difficoltà economiche, sfociate poi anche in una sentenza di condanna per bancarotta, aveva deciso di eliminare il cognato per potersi assicurare tranquillamente il suo cospicuo patrimonio derivante sia da cespiti ereditari sia da un compenso assicurativo milionario pari ad oltre 600 mila euro. In effetti la vittima, nonostante la sua buona fede, aveva intuito che il congiunto gli stesse sottraendo denaro ed a più riprese aveva chiesto sempre più insistentemente spiegazioni sul reale ammontare dell’indennizzo assicurativo e su altre operazioni attinenti la sua sfera patrimoniale, ricevendo solo vaghe indicazioni. Queste le motivazioni alla base della risoluzione criminosa, per la cui esecuzione l’indagato aveva individuato un suo amico, al quale aveva consegnato un fucile a canne mozze detenuto, naturalmente, in maniera illegale. Nonostante due colpi di arma da fuoco avessero attinto la vittima designata in più parti del corpo, provocandogli gravissime ferite, la stessa era riuscita a sopravvivere e l’esecutore materiale, individuato ed arrestato, era stato condannato a 12 anni di carcere. Le motivazioni del gesto non erano state acclarate e si era fatto riferimento solo a generici e pretestuosi dissidi pregressi tra la vittima e la persona incaricata di ucciderla. Dal settembre 2019, a partire da un esposto anonimo, le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Trapani, erano state riavviate. Attraverso la rilettura degli atti processuali pregressi, il riascolto delle intercettazioni dell’epoca con l’ausilio di più recenti tecnologie e nuove attività tecniche erano stati progressivamente raccolti gravi elementi  indiziari. Decisivo il sequestro di una lettera scritta dal carcere dall’autore materiale del delitto al suo mandante, in cui egli si era lamentato di non aver ricevuto il compenso concordato per l’esecuzione del crimine, rimarcando di aver bisogno di un’ adeguata rendita per sua famiglia  come ristoro di quanto era derivato dalla sua carcerazione. Dinanzi alla scoperta di tale evidenza investigativa, il correo aveva poi pienamente collaborato, ricostruendo con dovizia di particolari tutta la vicenda ed offrendo quindi pieno riscontro a quanto già accertato dagli operatori della Squadra Mobile. Oggi l’epilogo della vicenda quando l’uomo è stato tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal locale Giudice per le Indagini Preliminari, con le accuse di tentato omicidio aggravato, detenzione e porto abusivo di arma alterata.    

Comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Jacobs si laurea campione d’Europa nei 100 metri a Monaco
    by Redazione on 16 Agosto 2022 at 19:00

    MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) (ITALPRESS) - Marcell Jacobs ha vinto la medaglia d'oro nella finale dei 100 metri agli Europei di atletica. Il campione olimpico, eguagliando il record dei campionati con il crono di 9"95, ha preceduto i britannici Zharnel Hughes (9"99) e Jeremiah Azu (10"13), rispettivamente argento e bronzo. Ottava piazza per l'altro italiano in gara, Chituru Ali (10"28). "E' stata una stagione outdoor complicata e difficile, portare una medaglia d'oro a casa è qualcosa che mi dà tanta fiducia e mi fa capire che quel poco lavoro fatto funziona - ha detto lo sprinter delle Fiamme Oro a Raisport - Non sono soddisfattissimo della gara - ha aggiunto il campione olimpico, che sarà ai blocchi anche della 4x100 - Vorrei rivederla, in semifinale mi sembra di aver corso meglio e in finale ho sentito un pò di tensione, però siamo arrivati davanti a tutti e questo è l'importante". Prima della semifinale, Jacobs ha avuto un problema al polpaccio: "Per fortuna una semplice contrattura che mi ha permesso di correre". Grande performance anche per Yeman Crippa, che conquista il bronzo nella finale dei 5000 metri maschili. L'azzurro ha concluso la sua prova in 13'24"83, conquistando così l'ultimo gradino del podio. Oro per il norvegese Jakob Ingebrigtsen (13'21"13), argento per lo spagnolo Mohamed Katir (13'22"98); 13esimo l'altro italiano Pietro Riva (13'34"09). "Ho usato una tattica diversa, ho lanciato la volata e sono contento di un bronzo che nei 5000 non era scontato - ha sottolineato Crippa - Volevo dare un segnale sulla mia condizione, nei 10000 ci divertiremo di più". Nei 100 donne, trionfo per la padrona di casa Gina Luckenkemper. La tedesca, con il tempo di 10"99, ha preceduto la svizzera Mujinga Kambundji (10"99) e la britannica Daryll Neita (11"00), rispettivamente argento e bronzo. Settima l'azzurra Zaynab Dosso (11"37). Dario Dester ha chiuso al sesto posto nel decathlon: all'Olympiastadion, l'azzurro ha timbrato il nuovo record italiano con 8218 punti. Oro per il tedesco Niklas Kaul (8454), argento per lo svizzero Simon Ehammer (8468), bronzo per l'estone Janek Oiglane (8346). Basta 2,21 per centrare la finale del salto in alto agli Europei. La qualificazione non sfugge a Gianmarco Tamberi e Marco Fassinotti: il campione olimpico la centra dopo un tentennamento al primo tentativo a questa quota, addomestica soltanto alla seconda prova, di fronte alla bolgia dei 50mila spettatori all'Olympiastadion; l'altro azzurro invece va a bersaglio direttamente al primo assalto. - foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).

  • Martinenghi e Panziera conquistano l’oro agli Europei di nuoto
    by Redazione on 16 Agosto 2022 at 16:35

    ROMA (ITALPRESS) - Nicolò Martinenghi vince l'oro nei 50 rana uomini agli Europei di nuoto in corso a Roma. L'azzurro trionfa con il nuovo record italiano in 26"33, precedendo il connazionale classe 2003 Simone Cerasuolo, argento e staccato di soli 62 centesimi. Chiude il podio il tedesco Lucas Matzerath. Titolo continentale anche per Margherita Panziera: dopo l'oro nei 200 dorso, arriva anche il successo nei 100 con 59"40 davanti alla britannica Medi Harris (50"46) e all'olandese Kira Toussaint (59"53); quinta Silvia Scalia (1'00"12). Argento per Gregorio Paltrinieri nei 1500 sl: il fuoriclasse azzurro termina la sua prova in 14'39"79, battuto solo dall'ucraino Mykhaylo Romanchuk, oro in 14'36"10; bronzo per il francese Damien Joly (14'50"86), quarto l'altro italiano Domenico Acerenza (14'56"15). Kristof Milak conquista invece il titolo nei 200 farfalla. L'ungherese, che detiene il record del mondo della specialità, chiude in 1'52"01 davanti al connazionale Richard Marton, argento in 1'54"78. Sul podio, in terza posizione, c'è Alberto Razzetti che in 1'55"01 conquista il bronzo davanti a Giacomo Carini, quarto in 1'55"17. Bronzo anche per Sara Franceschi nei 200 misti (2'11"38); oro all'israeliana Anastasya Gorbenko (2'10"92) e argento all'olandese Marrit Steenbergen (2'11"14). L'Italia chiude la giornata con un bronzo nella 4x200 stile libero mista. La staffetta tricolore formata da Di Cola, Ciampi, Mizzau e Cesarano finisce al terzo posto con il tempo di 7'31"85, dietro alla Gran Bretagna (oro in 7'28"16) e alla Francia (argento in 7'29"25). - foto LivePhotoSport - (ITALPRESS).

  • Elezioni, Conte “Nessuna lista di fedelissimi”
    by Redazione on 16 Agosto 2022 at 15:15

    ROMA (ITALPRESS) - "Non è questione di fedelissimi: ho proposto questo listino ristretto, una piccola squadra di 15 persone" che "possono contribuire a realizzare le nostre battaglie". Lo ha detto il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, intervistato dal direttore de La Stampa, Massimo Giannini, nella trasmissione "30 minuti al Massimo". Sui rapporti con Beppe rillo dice: "Sono molto buoni, ci sentiamo costantemente. C'era stata effettivamente una incomprensione iniziale, ma ora c'è stata una ricomposizione. C'è stato un momento di scontro vero", ma ora "si è trovato un equilibrio e riusciamo a collaborare". Foto: agenziafotogramma.it (ITALPRESS).

  • Elezioni, Meloni “Priorità della sinistra lontane dalla realtà”
    by Redazione on 16 Agosto 2022 at 14:21

    ROMA (ITALPRESS) - "Lo Ius Soli è uno dei principali obiettivi della sinistra e a ribadirlo è Roberto Speranza, definito un punto di riferimento da Enrico Letta. Le loro priorità rimangono sempre le stesse, lontane dalla realtà e dai bisogni degli italiani. Il 25 settembre avrete la possibilità di invertire la rotta scegliendo Fratelli d'Italia. Noi siamo pronti". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.(ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-

  • Piero Angela, folla in Campidoglio per l’ultimo saluto
    by Redazione on 16 Agosto 2022 at 13:51

    ROMA (ITALPRESS) - Un piccolo dinosauro con la scritta "grazie maestro", un missile e un quadretto con le note dell'Aria sulla quarta corda di Bach, quella che ormai per tante generazioni di italiani è la musica di SuperQuark perchè "sulle note di quest'aria ci ha fatto viaggiare nella conoscenza" e poi tanti piccoli mazzi di fiori accanto alle rose rosse che coprono il feretro e alle corone del Presidente della Repubblica, della Presidenza del Consiglio, della RAI e Mondadori e ai gonfaloni della città metropolitana di Roma Capitale, della città di Torino - sua città natale - e della regione Piemonte oltre che del Comune di Montelupo Fiorentino di cui era cittadino onorario dal 2018. L'omaggio più grande a Piero Angela è quello commosso e silenzioso del suo pubblico. E' un fiume ininterrotto di persone di tutte le età e di ogni provenienza, infatti, quello che da questa mattina sfila per la Piazza del Campidoglio per raggiungere la Sala della Protomoteca, aperta fino alle 19, e rendere omaggio al giornalista e divulgatore scientifico scomparso a Roma sabato scorso, 13 agosto, all'età di 93 anni. La camera ardente è stata aperta alle 11,30 - dopo una breve cerimonia laica - ma già dalle 9 in tanti avevano preso posto nella piazza del Campidoglio per attendere pazientemente il proprio turno di ingresso. Ad accogliere il feretro, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, insieme ai figli di Angela, Alberto e Christine, e alla moglie, Margherita Pastore. Tocca al figlio Alberto, definito da molti l'erede naturale anche rofessionalmente, il compito di ricordare e raccontare il padre e il collega: "le persone che amiamo non vorrebbero mai lasciarci, però accade. Mio padre è riuscito sempre a unire pur mantenendo le sue opinioni. In questi giorni ci hanno sorpreso messaggi, articoli, pieni non di dolore ma di amore, un sentimento che rimane e che si trasforma in valore. E i valori sono eterni". "Ci ha insegnato tante cose, con libri e trasmissioni, ma anche con l'esempio: negli ultimi giorni mi ha insegnato a non aver paura della morte, la sua serenità mi ha davvero colpito. Se ne è andato soddisfatto - ha poi aggiunto Alberto Angela - come quando ci si alza dopo una cena con gli amici. Quando ha capito che era arrivata la fine ha concluso le trasmissioni e il disco jazz, discorso ai familiari e al pubblico e poi il giorno dopo se ne è andato. Sembrava riservato ma dentro aveva un fuoco. Per me continuerà a vivere attraverso i libri, le trasmissioni, i dischi jazz, ma anche in tutti quei ragazzi che hanno speranza nel futuro e cercano l'eccellenza, nei ricercatori che cercano di andare a meta nonostante tutte le difficoltà, in tutte le persone che cercano di unire e non di disunire, nelle persone che cercano la curiosità e le bellezze della natura, quelle che cercano di assaporare la vita. L'eredità che lascia a tutti noi è importante, ed è un'eredità non fisica o di lavoro, ma di atteggiamento nella vita: quello che ci ha detto come ultima cosa è stato 'anche voi fate la vostra partè. E io cercherò di fare la mia". Un discorso accolto da un fragoroso, sentito e prolungato applauso che ha riempito la sala dove per tutto il pomeriggio Alberto è rimasto insieme ai suoi figli a ringraziare i presenti e a stringere la mano di quanti hanno voluto portare ricordi, condoglianze e affetto alla sua famiglia per la scomparsa del padre, di quel Leonardo Da Vinci con cui ha vissuto "come figlio, come collega, come persona normale che si è trovata davanti una mente eclettica, una persona capace di dare la risposta giusta sempre, in qualunque settore, dall'ambito industriale a quello della ricerca con una grande capacità di sintesi e analisi e in modo pacato" e anche per via di quell'aforisma che amava ripetere ("Siccome una giornata ben spesa dà lieto dormire così una vita ben usata dà lieto morire").Tra le personalità che hanno voluto portare il loro saluto al volto televisivo che ha portato per decenni la scienza e la conoscenza nelle case di generazioni di italiani, oltre al sindaco Gualtieri e al presidente della regione, Nicola Zingaretti, anche i vertici RAI (la presidente Marinella Soldi, l'AD Carlo Fuortes, il direttore per il genere Approfondimento, Antonio Di Bella), Renzo Arbore, Dario Franceschini, Enrico Giovannini e Pierferdinando Casini e Enrico Letta. (ITALPRESS)- foto xc5-