Emesso dal Questore il “Daspo urbano” per tre pregiudicati marsalesi

Emesso dal Questore il “Daspo urbano” per tre pregiudicati marsalesi

I tre marsalesi avrebbero svolto l’attività di parcheggiatori abusivi

Il Questore della provincia di Trapani, ha emesso, come già accaduto qualche settimana fa, tre “Daspo Urbano” a carico di altrettanti cittadini marsalesi , tutti pregiudicati, sorpresi, in più occasioni, tanto dalla  Polizia Municipale quanto dall’Arma dei Carabinieri, a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo nelle piazze “Sant’Agostino”  e  “On.le  Giovanni  Genna”. I tre soggetti erano  già stati destinatari di diversi Ordini di allontanamento proprio da tali luoghi,   individuati dal Regolamento di Polizia urbana del comune di Marsala quali zone da tutelare al fine di garantire il decoro urbano ed evitare lo stazionamento e/o l’occupazione da parte di soggetti che limiterebbero ai comuni cittadini l’accessibilità e la fruizione delle predette aree. I tre soggetti, tutti noti alle Forze dell’Ordine, annoverano diversi precedenti di polizia e giudiziari per reati contro il patrimonio, la persona, in materia di stupefacenti ed altro. Ad uno dei tre, che vanta un “curriculum” criminale più nutrito, il provvedimento del divieto di accesso a quelle piazze è stato applicato per la durata di anni due, mentre gli altri due dovranno astenersi dal frequentare quelle zone solamente per il periodo di un anno . L’eventuale violazione di tale disposizione sarà punita con l’arresto da 6 mesi ad 1 anno e con l’eventuale applicazione di una misura di prevenzione prevista dalla vigente normativa.

comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Bianchi “Istruzione fondamentale per una società aperta”
    by Redazione on 30 Giugno 2022 at 13:31

    ROMA (ITALPRESS) - "Una società più equa e più giusta è possibile soltanto se riusciamo ad estendere il diritto all'educazione, promuovendo il superamento delle barriere di genere, sociali ed economiche. Non bastano quindi semplici cambiamenti ma è necessaria una reale trasformazione dei sistemi educativi che permetta a tutte le bambine e tutti i bambini l'accesso al diritto all'istruzione". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, intervenendo al "Transforming Education Pre-Summit" nella sede dell'Unesco a Parigi."La trasformazione dell'educazione è la leva fondamentale di uno sviluppo sostenibile e di una società più aperta. In un momento di forte tensione internazionale come quello che stiamo vivendo è fondamentale ritrovarsi come abbiamo potuto fare qui all'Unesco per rafforzare il dialogo e la cooperazione", ha sottolineato Bianchi.Il vertice, cui hanno partecipato più di 150 ministri, associazioni, studentesse e studenti, è stato organizzato nell'ambito del processo di preparazione dell'appuntamento convocato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antònio Guterres, per l'apertura dell'Assemblea Onu di settembre, con l'obiettivo di mobilitare l'impegno politico e sociale a favore di una nuova visione dell'educazione e dell'istruzione nel mondo.Nel corso del Pre-Summit, il ministro ha illustrato il lavoro che il nostro Paese ha svolto finora nel suo ruolo di co-leader del primo dei 5 action track tematici individuati in vista del vertice autunnale, "Inclusive, equitable, safe and healthy schools"."Parlare di inclusione significa parlare di democrazia. L'impegno necessario per garantire una piena inclusione di ragazze e ragazzi non riguarda dunque solo la scuola ma l'intera società, che si fa comunità intorno alle studentesse e agli studenti", ha aggiunto Bianchi.Il Pre-Summit è stato anche l'occasione per fare il punto sulle rispettive consultazioni nazionali che i Paesi hanno svolto nei mesi scorsi. Il documento italiano, "La scuola di domani", è stato elaborato dalle Consulte studentesche ed è frutto di un processo di confronto anche con il Forum Nazionale delle Associazioni dei Genitori della Scuola (FONAGS), l'Osservatorio permanente per l'inclusione scolastica, l'Osservatorio nazionale per l'integrazione degli alunni stranieri e per l'intercultura e il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI). "La scuola di domani" raccoglie le proposte per una scuola che studentesse e studenti vogliono inclusiva, pienamente accessibile, aperta alla società, partecipata e attenta al benessere di chi la vive.Durante il vertice all'Unesco, il Ministro Bianchi ha avuto l'occasione di confrontarsi a livello bilaterale con gli omologhi di diversi Paesi, tra i quali il ministro dell'Istruzione e della Scienza ucraino Serhiy Schkarlet.- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Letta “Sosteniamo questo Governo, non altri”
    by Redazione on 30 Giugno 2022 at 13:16

    ROMA (ITALPRESS) - "Il governo che è entrato nell'ultimo anno di vita è stato un governo d'eccezione e come tale deve rimanere. Noi sosterremo questo governo fino alle fine se rimane questo governo, altrimenti non saremo più della partita". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, nella relazione alla direzione nazionale del partito. Alle comunali "siamo andati bene perchè siamo stati uniti, inclusivi e scientifici". "Gli altri erano divisi perchè non avevano i luoghi e la voglia di parlarsi. Noi - ha proseguito Letta - siamo stati uniti perchè abbiamo capito che in passato abbiamo pagato troppi prezzi alle nostre divisioni. Siamo stati inclusivi: il Pd - ha aggiunto il segretario dem - è stato generoso, intelligente e lungimirante con i nostri alleati, con le liste civiche, con la costruzione di coalizioni. E scientifici, perchè siamo stati in grado ogni volta di fare la scelta giusta sui candidati. L'unità che dobbiamo preservare non è l'unità di facciata, o l'unità che serve al Segretario. La mia unità - ha concluso Letta - è legata all'idea di una rappresentanza collettiva, globale, e vorrei fosse uno sforzo di tutti".-foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Via libera al decreto contro il caro bollette, 4 mld per stoccaggi gas
    by Redazione on 30 Giugno 2022 at 13:16

    ROMA (ITALPRESS) - Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera in via definitiva a un decreto-legge che introduce misure urgenti per il contenimento dei costi dell'energia elettrica e del gas naturale per il terzo trimestre 2022 e per garantire la liquidità delle imprese che effettuano stoccaggio di gas naturale.In particolare, per ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, per il terzo trimestre 2022 sono annullate le aliquote relative agli oneri generali di sistema per le utenze domestiche e non domestiche in bassa tensione, oltre che per le utenze con potenza disponibile superiore a 16,5 kW (si tratta, in particolare, delle piccole utenze come per esempio negozi, piccole e medie imprese, attività artigianali, commerciali o professionali, capannoni e magazzini), o per usi di illuminazione pubblica o di ricariche pubbliche di veicoli elettrici.Sono inoltre assoggettate all'Iva al 5% le somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali e sono mantenute al livello del secondo trimestre le aliquote relative agli oneri generali di sistema per il gas naturale. E' prevista una ulteriore riduzione degli oneri di sistema per il settore del gas con particolare riferimento agli scaglioni di consumo fino a 5.000 metri cubi all'anno.E' previsto un contributo al contenimento dei prezzi del gas da parte dei soggetti titolari di contratti pluriennali di importazione di gas naturale.E' concesso a Gse un prestito di 4 miliardi per l'acquisto di gas naturale finalizzato agli stoccaggi.Inoltre il decreto prevede che il bonus sociale per l'energia elettrica, in pratica le agevolazioni tariffarie per la fornitura di energia elettrica in favore dei clienti domestici economicamente svantaggiati ed ai clienti domestici in gravi condizioni di salute siano riconosciuti anche per il primo trimestre 2022, quindi i bonus annuali riconosciuti agli aventi diritto decorrono dalla data del 1° gennaio 2022. Le soglie di reddito per accedere ai bonus sono 8 mila euro per il primo trimestre 2022, 12 mila per il secondo e terzo trimestre 2022.- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Covid, 83.274 i nuovi positivi, 59 i decessi nelle ultime 24 ore
    by Redazione on 30 Giugno 2022 at 12:41

    Sono 83.274 i nuovi positivi in Italia, su un totale di 296.030 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. E' quanto emerge dai dati resi noti dal Ministero della Salute nel suo quotidiano bollettino. I decessi sono 59 (ieri 60), con il totale delle vittime da febbraio 2020 che è pari a 168.353. Il tasso di positività, ieri pari al 26,4%, sale al 28,1%. Si registra un aumento delle ospedalizzazioni, con le terapie intensive che sono 13 in più di ieri, per un totale di 261. I ricoveri ordinari sono 338 in più, per un totale di 6.592. Con 12.082 nuovi casi la Lombardia è la regione con il maggior numero di contagi, seguita la Campania (+9.946), Veneto (+8.557), Lazio (+7.756) e Sicilia (+6.723). (ITALPRESS).Photo credits: www.agenziafotogramma.it

  • Nato, Guerini “Decisioni fondamentali per la difesa collettiva”
    by Redazione on 30 Giugno 2022 at 12:21

    ROMA (ITALPRESS) - "Sicurezza, libertà, diritti: non sono dati acquisiti, sono beni da difendere giorno per giorno, anche dalle minacce esterne. A Madrid, con il nuovo Concetto Strategico, abbiamo preso decisioni che assicureranno la nostra difesa collettiva negli anni a venire". Così il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, commentando gli esiti del summit NATO di Madrid, che ha visto l'approvazione del nuovo "Concetto Strategico": il documento programmatico che aggiorna quello precedente, deliberato a Lisbona nel 2010, e definirà gli orientamenti della politica di difesa dell'Alleanza nel presente e nel prossimo futuro. Tra i temi del vertice, anche la prosecuzione del sostegno alla resistenza Ucraina, con il varo di un ulteriore pacchetto di aiuti, nonchè il rafforzamento della capacità di deterrenza e difesa della NATO. In questo ambito, è stato peraltro annunciato l'adattamento della presenza militare statunitense in Europa: aspetto che, per quanto riguarda l'Italia, comporterà lo schieramento - a seguito delle previste procedure di autorizzazione - di 65 unità aggiuntive di personale nonchè di una batteria per la difesa aerea a corto raggio, destinata a consentire la rotazione di analoghe batterie già schierate sul "Fianco Est". Al centro del summit, soprattutto l'ingresso nell'Alleanza di Finlandia e Svezia: scenario verso il quale è stato compiuto un passo importante con la firma del memorandum tra i due Paesi nord-europei e la Turchia."Questo summit è un momento storico", ha aggiunto il Ministro Guerini, "un momento di trasformazione. Evolversi senza perdere la propria identità, adattarsi ai tempi che cambiano: sono i segreti del successo di un'organizzazione difensiva che, in 73 anni di storia, ha saputo rinnovarsi mantenendo intatta la sua missione: difendere i propri membri dalle minacce esterne, senza costituire una minaccia per altri". "Sono particolarmente felice", ha proseguito il Ministro, "che il vertice sia stato la dimostrazione della forte coesione tra Alleati - riaffermata anche dal comune e rinnovato impegno a sostegno della resistenza Ucraina e della lotta per i suoi diritti - e che sia stato compiuto un passo importante verso l'ingresso di Finlandia e Svezia nell'Alleanza".Il Ministro della Difesa si è altresì soffermato sulla centralità attribuita dall'Alleanza al cosiddetto "Fianco Sud", cui oggi è stata dedicata una specifica sessione dei lavori del Consiglio Nord-Atlantico alla quale il Ministro Guerini ha partecipato in rappresentanza del Presidente del Consiglio dei Ministri. "Nella dichiarazione dei Capi di Stato e di Governo, in apertura di vertice", ha dichiarato Guerini, "si è fatto esplicito riferimento a una NATO a 360°. Oggi abbiamo discusso di 'Fianco Sud', ossia di Mediterraneo e aree a esso connesse, di supporto alla stabilità in Africa, dell'importanza di assicurare, anche per il futuro, un'azione preventiva nei confronti di fenomeni tuttora insidiosi come il terrorismo. In questi due giorni abbiamo parlato, inoltre, delle ripercussioni sulla sicurezza dei cambiamenti climatici, di scenari complessi i cui effetti vanno però governati. Sono temi fondamentali per il futuro di tutti, in linea con gli auspici dell'Italia, anticipati dalla recente direttiva sulla Strategia per il Mediterraneo". - foto ufficio stampa Ministero Difesa -(ITALPRESS).