Operazione antidroga dei carabinieri a Pantelleria, scatta un arresto

Operazione antidroga dei carabinieri a Pantelleria, scatta un arresto

Una persona è stata denunciata per non avere comunicato il cambio del luogo di custodia delle proprie armi da caccia regolarmente detenute

Operazione antidroga dei Carabinieri di Pantelleria che hanno tratto in arresto, dopo un opportuno servizio finalizzato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, B.M., 49enne pantesco, ritenuto responsabile dei reati di coltivazione e detenzione, finalizzata allo spaccio di una considerevole quantità di stupefacente. I militari operanti in vari appostamenti, avevano notato diversi soggetti, noti come assuntori di sostanze stupefacenti, recarsi frequentemente presso l’abitazione dell’arrestato. I Carabinieri hanno, quindi, deciso di fare irruzione nella casa dove hanno rinvenuto la droga occultata in alcune stanze e nelle pertinenze dell’abitazione. In particolare, la perquisizione ha permesso di rinvenire 33 piante di canapa indiana, messe a dimora in altrettanti vasi, nonché, oltre un chilogrammo di marijuana, già essiccata e pronta per essere spacciata. L’arrestato, già noto alle Forze dell’Ordine per specifici reati, al termine dell’udienza di convalida svoltasi nella giornata di ieri presso il Tribunale di Marsala, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora con la prescrizione di non uscire di casa dalle ore 20:00 alle 07:00 del giorno successivo. Sempre a Pantelleria i Carabinieri nei giorni scorsi, a seguito di un servizio finalizzato al controllo dei detentori di armi, hanno deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un soggetto che ha omesso di comunicare il cambio del luogo di custodia delle proprie armi da caccia regolarmente detenute. L’attività dei Carabinieri sull’isola di Pantelleria è di particolare rilievo: la locale Stazione rappresenta l’unico presidio di polizia che offre il proprio operato per la prevenzione e la repressione della criminalità, non facendo mai mancare la propria presenza nei momenti di necessità del cittadino, sia sull’isola che nelle acque circostanti, grazie alla Motovedetta d’altura “Maronese”.  Al riguardo, proprio grazie ai Carabinieri dell’isola, è stato possibile rintracciare un anziano affetto da una patologia neurologica che aveva perso l’orientamento, scongiurando ulteriori e più gravi conseguenze.

comunicato stampa