Operazione “Fuoco nell’Ombra”, due imprenditori ai domiciliari per illecita combustione di rifiuti tra Marsala e Mazara

Operazione “Fuoco nell’Ombra”, due imprenditori ai domiciliari per illecita combustione di rifiuti tra Marsala e Mazara

Sequestrati ai due imprenditori beni per oltre un milione e mezzo di euro

Nelle prime ore della mattinata del 12 giugno 2020, in Marsala e Mazara del Vallo (TP), all’esito di un’articolata indagine, condotta nell’ambito dell’attività di contrasto al grave fenomeno della combustione di rifiuti, i Carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale, coadiuvati da personale del Comando Provinciale Carabinieri di Trapani, hanno dato esecuzione, su richiesta della Procura della Repubblica di Marsala a nr. 2 misure cautelari personali agli arresti domiciliari e a numerosi decreti di perquisizione e sequestro, emessi dal G.I.P. del Tribunale di Marsala, su richiesta della locale Procura, a carico di due imprenditori locali, padre, 66enne e figlio 32enne, titolari di una società che opera nel settore dello smaltimento dei rifiuti.

La Procura della Repubblica di Marsala procede per i reati di combustione illecita di rifiuti, realizzazione di discariche abusive, getto pericoloso di cose e inquinamento ambientale in concorso.

I provvedimenti in questione traggono origine da una complessa e puntuale attività investigativa, convenzionalmente denominata “FUOCO NELL’OMBRA”, condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Palermo e avviata a seguito del fenomeno, particolarmente diffuso, degli incendi di rifiuti speciali pericolosi e non, nelle aree rurali delle contrade “Borgo Rinazzo” di Marsala e “Borgo Montalto” di Mazara del Vallo.

Le complesse indagini, condotte anche con l’ausilio di mezzi tecnici e avviate nel mese di gennaio 2020 a seguito di una serie di denunce in cui si descriveva lo stato di grave inquinamento ambientale, per la presenza di rifiuti combusti disseminati lungo tutto il territorio, hanno consentito di individuare nr. 4 porzioni di aree agricole, interamente coltivate a vigneti, ricadenti nei Comuni di Marsala e di Mazara del Vallo ove, periodicamente e sistematicamente (con una cadenza di 2 volte per settimana), venivano smaltiti rifiuti speciali pericolosi e non (in prevalenza rifiuti derivanti da cantieristica navale, attività industriali, plastica, gomma, ecc.) attraverso la loro combustione sul terreno, con conseguente emissione di sostanze gassose nell’ atmosfera, che persistevano anche per più giorni consecutivi. 

Gli indagati, padre e figlio, con l’ausilio di un loro collaboratore di nazionalità rumena, erano soliti, con il favore delle tenebre, effettuare le operazioni di illecito smaltimento dei rifiuti, solo dopo preventivi e accurati sopralluoghi delle aree individuate, finalizzati a verificare la presenza, in loco e lungo il tragitto, delle Forze dell’Ordine. Gli stessi automezzi che trasportavano i rifiuti erano preceduti da una staffetta, che si preoccupava di verificare l’assenza di qualsivoglia pericolo.

Per ben 19 volte, gli eco criminali, con l’uso di liquido infiammabile, hanno combusto i rifiuti, quantificati in circa 380 tonnellate, con un illecito profitto, derivante dal risparmio dei costi da sostenere in caso di corretto smaltimento degli stessi, pari a 800.000 Euro circa.

Nel corso delle operazioni, i militari del NOE di Palermo hanno, inoltre, sottoposto a sequestro preventivo :

  • nr. 2 impianti di trattamento e recupero rifiuti;
  • l’automezzo utilizzato per il trasporto dei rifiuti;
  • l’autovettura utilizzata, quale staffetta, per il controllo del territorio;
  • nr. 4 aree interessate dagli illeciti smaltimenti e dalla successiva combustione dei rifiuti;
  • alcuni beni di proprietà degli indagati (capannoni e carri gru per la movimentazione dei rifiuti).

Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro ammonta a circa 1.650.000,00 Euro.

Il video dell’operazione https://youtu.be/h-2EZGCxbzk

Comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Bari e Ascoli ai sedicesimi di Coppa Italia, Verona out
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 16:15

    VERONA (ITALPRESS) - Bari e Ascoli approdano ai sedicesimi di Coppa Italia eliminando rispettivamente Verona e Venezia. I galletti travolgono i gialloblù 4-1 al Bentegodi con tripletta di Cheddira e al prossimo turno affronteranno una tra Salernitana e Parma. Al 16' è Lasagna a sbloccare il risultato. Pareggio al 30': spunto di Cheddira sulla destra e traversone teso in area sul quale si fionda di testa Folorunsho che deposita in rete. Al 44' c'è il vantaggio del Bari a sorpresa. Stavolta fa tutto Cheddira che mette a sedere Gunter e piazza la sfera col mancino in rete. Lo show del classe 1998 non è finito: segna un rigore al 53' e firma la tripletta al 79' beffando ancora Gunter. Verona in 10 dal 69' per rosso di Faraoni. Bella vittoria anche per l'Ascoli di Bucchi che espugna il Penzo di Venezia per 3-2. I bianconeri, dopo essere passati avanti di due reti con Saric e Falzerano, si erano fatti rimontare dai lagunari di Javorcic con i sigilli di Mikaelsson, autore di una doppietta, ma al 92' Fontana regala il successo all'Ascoli che nei sedicesimi sfiderà la Sampdoria. - Foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).

  • Juve punita dall’ex Morata, 0-4 contro l’Atletico Madrid
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 16:05

    TORINO (ITALPRESS) - Al JTC Continassa di Torino è finita 0-4 l'amichevole Juventus-Atletico Madrid che originariamente si sarebbe dovuta disputare a Tel Aviv ma che ieri era stata annullata a causa dell'escalation militare avvenuta negli ultimi giorni lungo la Striscia di Gaza. Grande protagonista di giornata l'ex Alvaro Morata autore di una tripletta: il giocatore, accostato a lungo alla Juventus durante l'intera finestra di mercato estiva, al momento è molto lontano da un nuovo ritorno a Torino e, forse, questi tre gol, per ora gli hanno garantito una maglia da titolare a Madrid. A otto giorni dal debutto nei rispettivi campionati, con la Juve impegnata in casa contro il Sassuolo e l'Atletico in trasferta a Getafe, le due squadre allenate rispettivamente da Massimiliano Allegri e Diego Simeone hanno affinato la condizione in una gara intensa e giocata a buoni ritmi, ma anche avara di di gioco e occasioni da gol per una Juventus che sembra mancare ancora di qualche tassello. Escluso alla vigilia il bianconero Moise Kean, punito dal club per essersi presentato in ritardo all'ultima convocazione, mentre Luca Pellegrini è stato costretto ad alzare bandiera bianca per una contusione al ginocchio destro. A sbloccare la sfida ci ha pensato il già citato Morata che al 10', su filtrante del portoghese Joao Felix, si è infilato tra i due difensori centrali e con un tocco di sinistro ha scavalcato Szczesny. Al 40' i Colchoneros hanno mancato il raddoppio quando il portiere polacco ha respinto il rigore di Joao Felix assegnato per fallo di mano di Alex Sandro su cross dalla sinistra di Saul, ma tre minuti più tardi nulla ha potuto quando ancora Morata con un sinistro sporcato da un tocco di Bremer ha regalato il raddoppio ai suoi. Al 17' della ripresa, terzo gol dell'Atletico Madrid: da una punizione sulla trequarti destra di Lemar, è stato Morata in area a toccare di testa di quel tanto che è servito a spiazzare Perin subentrato a Szczesny e a firmare il tris. Il poker al 46' quando, su una dormita generale della difesa juventina, un tiro di Kondogbia diventato un assist è finito sui piedi di Cunha che non ha dovuto far altro che insaccare a porta vuota. - foto agenziafotogramma.it - (ITALPRESS).

  • Covid, 26.662 nuovi casi e 74 vittime nelle ultime 24 ore
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 12:36

    ROMA (ITALPRESS) - Sono 26.662 i nuovi casi Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, in calo rispetto ai 35.004 registrati ieri. Le vittime sono 74, contro le 158 di ieri. I tamponi processati sono stati 166.481 (ieri 229.180) con il tasso di positività che si attesta al 16%. Per quanto riguarda invece i ricoveri, sono invece 342 i pazienti in terapia intensiva, 6 in più rispetto a ieri, con 25 ingressi giornalieri, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 8.926, 102 in meno rispetto a ieri. La regione con più casi Covid resta la Lombardia con 3.145 contagi, seguita da Veneto (+2.943), Campania (+2.698), Emilia-Romagna (+2.467) e Lazio (+2.461). (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-

  • Letta “Unico alleato possibile per Calenda è Calenda”. E sui Cinquestelle: “Conte ha fatto cadere Draghi. Fatto conclusivo”
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 11:45

    ROMA (ITALPRESS) - "Ho ascoltato Carlo Calenda. Mi pare da tutto quel che ha detto che l'unico alleato possibile per Calenda sia Calenda. Noi andiamo avanti nell'interesse dell'Italia". Lo scrive su Twitter il leader Pd Enrico Letta. E in una intervista al TG1 chiude a ogni possibile ripensamento sui Cinquestelle: "Conte ha fatto cadere Draghi, per noi è un fatto conclusivo". Il leader M5S qualche ora prima lo aveva stuzzicato: "Qualcuno mi chiede: e se ora Letta riaprisse al Movimento? A Enrico rivolgo un consiglio non richiesto: offri pure i collegi che si sono liberati a Di Maio, Tabacci e agli altri alleati". Foto: agenziafotogramma.it (ITALPRESS).

  • Calenda “Non vado avanti con alleanza con il Pd”
    by Redazione on 7 Agosto 2022 at 11:15

    ROMA (ITALPRESS) - "Ho comunicato ai vertici del Pd che non intendo andare avanti con quest'alleanza. Ci ho creduto, forse sono stato ingenuo". Lo ha detto il segretario di Azione, Carlo Calenda, ospite di "Mezz'ora in più" su Rai3. "E' una delle decisioni più sofferte da quando ho deciso di fare politica", ha aggiunto. "Alla vigilia di queste elezioni avevo intrapreso un negoziato col Pd per costruire un'alternativa di Governo. Non ho mai avuto intenzione di distruggerlo. Ho fatto un negoziato con Enrico Letta. Mano a mano che questa negoziazione andava avanti, si aggiungevano pezzi che stonavano. Mi sono trovato al fianco di persone che hanno votato 54 volte la sfiducia a Draghi e persone come gli ex M5s che hanno demolito il lavoro fatto e hanno inquinato il dibattito politico. Mi sono un pò perso", ha aggiunto. "Letta lo sapeva ieri cosa sarebbe accaduto. Lo avevo avvertito. Ho chiesto a Letta perchè a questo punto abbia rotto coi Cinque Stelle, visto che poi ha preso Sinistra Italiana che ha votato la sfiducia a Draghi", ha spiegato. "Sono andato da Letta e gli ho proposto di fare un'alleanza netta, che tutta questa cosa gli italiani non la capiranno e che rinunciavo ai collegi, avrei accettato anche solo il 10%. Lo facciamo insieme solo una volta", ha chiosato. (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-