Operazione “Phimes”, a Calatafimi Segesta 2 arresti e 5 indagati

Ai domiciliari con l’accusa di corruzione sono finiti un imprenditore e un ispettore della polizia municipale

Nelle prime ore della giornata di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Alcamo, al termine di una prolungata attività di indagine iniziata nell’agosto 2018, hanno eseguito due misure cautelari,emesse dalla Procura della Repubblica di Trapani, sottoponendo agli arresti domiciliari per il reato di corruzioneISCA Francesco, un imprenditore edile e CRAPAROTTA Salvatore, Ispettore della Polizia Municipale di Calatafimi Segesta in servizio fino al dicembre 2019; contestualmente sono stati notificati cinque informazioni di garanzia ad altrettanti indagati: gli altrii reati contestati, a vario titolo, sono favoreggiamento, abuso d’ufficio, omissione d’atti d’ufficio e falsità materiale ed ideologica in atti pubblici.

Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di dimostrare l’esistenza di un patto corruttivo tra l’imprenditore e l’Ispettore della Polizia Municipale, il quale, sfruttando il proprio ruolo,utilizzava indebitamente gli strumenti in suo possesso per agevolare l’attività economica e incentivare gli introiti dalla societàche gestisce l’area adibita a parcheggio servente il Parco Archeologico,riconducibile all’imprenditore, multando con assiduità gli automobilisti che parcheggiavano le loro auto fuori dal parcheggio a pagamento lungo la strada che conduce al tempio.

Comunicato stampa