Faceva il meccanico abusivo e percepiva il reddito di cittadinanza, denunciato a Calatafimi

Faceva il meccanico abusivo e percepiva il reddito di cittadinanza, denunciato a Calatafimi

La scoperta è stata fatta dalla guardia di finanza di Alcamo

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trapani hanno denunciato un soggetto che beneficiava del reddito di cittadinanza pur continuando a svolgere, in maniera del tutto abusiva, l’attività di manutenzione e riparazione di autoveicoli.
L’attività ispettiva posta in essere dalla Tenenza di Alcamo trae origine da uno dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio, durante il quale i finanzieri hanno individuato una proprietà immersa nelle campagne di Calatafimi Segesta, evidentemente disabitata, ma
interamente adibita ad autofficina, come dimostravano le numerose strumentazioni e attrezzature presenti.
I successivi servizi di osservazione e controllo hanno permesso anche di rilevare la presenza, all’interno e nelle immediate adiacenze della proprietà, di autovetture ogni giorno diverse, appartenenti a soggetti residenti nel paese di Calatafimi.
Dall’escussione del titolare dell’autoricambi presso il quale il meccanico abusivo si riforniva,
è emerso che quest’ultimo era solito acquistare, con cadenza quasi settimanale, ricambi per diversi tipi di autovetture. Anche alcuni proprietari delle autovetture rinvenute, sentiti in atti, hanno confermato che in Paese si sapeva che il soggetto in questione svolgeva lavori di riparazione e manutenzione di veicoli.
Per il meccanico abusivo sono scattate sanzioni amministrative da 5.000 a 15.000 euro per aver svolto l’attività di autoriparatore in assenza delle necessarie autorizzazioni e
comunicazioni preventive previste dalla normativa di settore e da 1000 a 8000 euro per non aver istituito e tenuto i libri e i registri obbligatori.
Per impedire la prosecuzione dell’attività, si è, inoltre, proceduto al sequestro amministrativo di tutte le attrezzature da lavoro.
Ulteriori e più mirati accertamenti, effettuati nei confronti del calatafimese, hanno permesso
di scoprire poi che lo stesso, da novembre 2019, percepisce indebitamente, nella misura di
500 euro mensili, il cd “reddito di cittadinanza”, avendo attestato falsamente nella domanda
di ammissione al beneficio, di essere “non occupato” pur conseguendo redditi da lavoro autonomo derivanti dall’esercizio abusivo dell’attività di meccanico.
Il soggetto è stato, dunque, denunciato all’Autorità Giudiziaria competente e la sua posizione
segnalata all’INPS per la sospensione e revoca del beneficio, unitamente al recupero delle somme indebitamente percepite, ad oggi pari a 6.000 euro.
Proseguono i controlli in materia di spesa pubblica condotti delle Fiamme Gialle trapanesi volti alla verifica di una corretta destinazione delle risorse pubbliche, con particolare
riferimento a quelle misure di politica sociale varate in aiuto dei cittadini.
L’attività di servizio conferma il fondamentale ruolo di polizia economico-finanziaria affidato
al Corpo della Guardia di Finanza, a contrasto di coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di bisogno.