Il Distretto Turistico Sicilia Occidentale, in questo difficile momento, è al fianco degli operatori del settore HO.RE.CA e del mondo dell’intrattenimento

Il Distretto Turistico Sicilia Occidentale, in questo difficile momento, è al fianco degli operatori del settore HO.RE.CA e del mondo dell’intrattenimento

Il Distretto chiede un intervento del Governo regionale e nazionale capace di approntare delle misure specifiche per lenire lo stato di sofferenza di migliaia di lavoratori ed imprese

 Il Distretto Turistico Sicilia Occidentale fa suo lo stato di preoccupazione degli operatori del settore HO.RE.CA e del mondo dell’intrattenimento, ed esprime solidarietà alle imprese e ai lavoratori, che stanno vivendo un momento di difficoltà economica che perdura ormai da più di due mesi. «Quella del Distretto Turistico, dei componenti del Consiglio di Amministrazione, dei Comuni aderenti, e la mia personale – afferma il Presidente del Distretto Rosalia D’Alì – è una posizione comune e condivisa. Abbiamo grande considerazione della preoccupazione degli operatori del nostro territorio e abbiamo deciso di stare accanto a loro in questo difficile momento. Auspichiamo e chiediamo degli interventi forti al Governo nazionale e regionale, con delle misure importanti per questo comparto, non generiche, ma specifiche e tese ad accompagnare chi è impegnato a creare un valore aggiunto per l’economia del territorio».

Il settore HO.RE.CA per ripartire, non soltanto dovrà scontare una ripresa in negativo derivante dalla fisiologica contrazione del numero di visitatori preoccupati dal Coronavirus, ma dovrà affrontare anche tutta una serie di costi straordinari legati all’adozione delle misure di igiene e sanificazione dei locali, che impatteranno in misura importante sui costi aziendali. Le restrizioni e le limitazioni imposte per motivi di sicurezza sanitaria peseranno non poco sulla ripresa delle attività, ed è per questo che le misure da adottare dovranno essere mirate. Anche il settore dell’intrattenimento, come quello legato ai locali di pubblico spettacolo, i cinema, i lidi balneari, oltre a tutte le imprese che lavorano nell’indotto, sono rimasti pesantemente coinvolti dalla diffusione del contagio da Covid-19, ed anche per questo comparto gli interventi dovranno essere tempestivi e mirati.

Al grido d’allarme lanciato dagli operatori del settore il Distretto, per bocca del Presidente D’Alì, chiede l’applicazione di tutta una serie di misure che si possono sintetizzare sostanzialmente in cinque punti: 

– una proroga dell’attuale termine di cassa integrazione in deroga; 

– riapertura prima possibile delle attività ristorative e di intrattenimento nel rispetto delle norme di sicurezza e salute;

– sblocco della mobilità interna alla regione Sicilia anche per motivi di vacanze o svago;
– maggiori sgravi fiscali e contributivi per le imprese;

– una forte iniezione di liquidità per ripartire nell’immediato e per poter affrontare i costi di adeguamento alle misure di igiene e sanificazione dei locali. 

Alcuni dati possono dare meglio di altri la dimensione della crisi economica che si potrebbe prospettare per l’intero settore turistico della Sicilia occidentale. Prendendo in considerazione il settore alberghiero, secondo i dati di Federalberghi Trapani, nel territorio provinciale operano oggi, circa 300 aziende alberghiere e 600 strutture extra-alberghiere per un totale di circa 35mila posti letto. Si tratta di una realtà economica che dà occupazione a circa 7/8 mila persone. Le stesse difficoltà varrebbero anche per tutti gli operatori e le imprese che orbitano, a vario titolo, attorno al turismo. 

L’iniziativa che vedrà il 28 aprile, alle 21.00, i movimenti degli imprenditori del mondo HO.RE.CA e dei locali di pubblico spettacolo del territorio trapanese, accendere le luci delle insegne delle loro attività per alludere simbolicamente all’ultima sera, e la mattina successiva andare davanti ai loro Comuni a consegnare le chiavi dei propri locali ai Sindaci, dimostra quanto il malcontento per le probabili e ancora incerte misure che saranno adottate dal Governo per l’eventuale riapertura di ristoranti, bar, pizzerie, pasticcerie, discoteche e lidi balneari, sia forte. Il timore è che le misure che saranno stabilite non siano adeguate per la gestione ordinaria di un locale ed economicamente insopportabili.

Il Distretto si schiera in maniera forte accanto agli operatori del settore consapevole del fatto che lo sviluppo turistico del territorio, per il quale tanto si è lavorato, non può prescindere da un tessuto imprenditoriale e lavorativo sano, e in grado di essere nelle condizioni di poter accogliere al meglio i turisti che vorranno visitarlo. Un settore attualmente fiaccato dalla spirale negativa causata dalla pandemia, richiede uno sforzo comune e condiviso, ed è per questo che il Distretto sta ufficialmente dalla parte degli operatori e richiede alla autorità governative misure adeguate alla gravità del momento.

Comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Von der Leyen “Creeremo un tribunale ad hoc per i crimini russi”
    by Redazione on 30 Novembre 2022 at 07:31

    BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) - "La Russia deve pagare per i suoi orribili crimini. Collaboreremo con la Corte penale internazionale e contribuiremo alla creazione di un tribunale specializzato per giudicare i crimini della Russia". Lo scrive su Twitter la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. "Con i nostri partner, faremo in modo che la Russia paghi per la devastazione che ha causato, con i fondi congelati degli oligarchi e i beni della sua Banca centrale", aggiunge. - foto agenziafotogramma.it - (ITALPRESS).

  • A Ischia si continua a scavare, ancora 4 persone disperse
    by Redazione on 30 Novembre 2022 at 07:06

    ISCHIA (NAPOLI) (ITALPRESS) - Si continua a scavare a Ischia. Proseguono, senza sosta, le operazioni di soccorso sull'isola, dopo la frana avvenuta all'alba del 26 novembre. Si cercano ancora 4 persone disperse. E si cerca di fare in fretta perchè per il fine settimana sono attese forti piogge e temporali, che renderebbero ancora più complicate le operazioni di individuazione dei corpi. La Procura, intanto, va avanti nelle indagini per ora contro ignoti, acquisendo documentazione oltre che continuando nei rilievi. Nella lista dei dispersi ci sono Valentina Castagna e Gianluca Monti, i giovani genitori dei tre fratelli già trovati, Salvatore Impagliazzo, compagno di Eleonora Sirabella, la prima vittima ufficiale della sciagura, ed un'altra persona.Domani, alle 11.30, il ministro per la Protezione civile e le Politiche del Mare, Nello Musumeci, terrà una informativa al Senato sulla catastrofe. E' quanto emerso al termine della Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama.Foto ufficio stampa Vigili del Fuoco (ITALPRESS).

  • Filonazismo e pedopornografia su Telegram, 3 arresti a Genova
    by Redazione on 30 Novembre 2022 at 06:41

    GENOVA (ITALPRESS) - La Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Genova, sta eseguendo misure cautelari nei confronti di tre giovani accusati di far parte di un gruppo Telegram avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e religiosi nonchè di apologia di gravi crimini anche di tipo terroristico (come omicidi e stragi) oltre che di diffusione di materiale pedopornografico. Due persone sono finite in carcere e una ai domiciliari. Le indagini sono state condotte dalla Digos di Genova e dal Servizio per il contrasto all'estremismo e terrorismo interno della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione della Polizia di Stato, unitamente a personale del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica Liguria e del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.foto ufficio stampa Polizia di Stato(ITALPRESS).

  • Sanità, Schillaci “Stipendi migliori a chi passa più ore in corsia”
    by Redazione on 30 Novembre 2022 at 06:36

    ROMA (ITALPRESS) - E' necessario far lavorare di più i medici, in cambio di aumenti economici, per rispondere ai bisogni di pazienti oncologici e cronici. Lo afferma in un'intervista al quotidiano "La Repubblica" il ministro della Salute, Orazio Schillaci. "L'assistenza va assicurata a tutti, non solo a chi può permettersi di andare nel privato", sottolinea spiegando che il problema delle liste di attesa "più che altro è organizzativo, nel senso che comunque gli organici dei medici, al di là di alcune discipline che sono in difficoltà, non sono inferiori a quelli di altri Paesi. Comunque, non è che da un giorno all'altro possiamo trovare più dottori, visto che come tutti sanno ci vuole tempo per formarli. Bisogna così incentivare, economicamente, la presenza in ospedale dei professionisti per più ore. In generale, sarà necessario procedere a una rivalutazione del trattamento economico di tutto il personale medico e sanitario". A chi dice che nella Finanziaria c'è troppo poco per la sanità, Schillaci replica che "chi si lamenta oggi, tra il 2013 e il 2019, quando c'è stato un definanziamento della sanità, a vario titolo stava nel governo. Comunque, non voglio fare polemiche. Dico solo che l'anno prossimo ci saranno 4 miliardi e 200 milioni in più per la sanità. I due che ha messo Roberto Speranza e i nostri e in più noi, per il 2024, abbiamo anche previsto ulteriori 2,4 miliardi. Un segnale di inversione di tendenza. So che la gran parte degli aumenti saranno impegnati per l'energia, ma speriamo che si riescano a mettere anche altre risorse sulla sanità. L'importante è che quella pubblica sia al centro dell'agenda del governo". Secondo il ministro "quello dell'inappropriatezza è un tema molto importante, da affrontare con calma. Superiamo questa fase di crisi, recuperiamo il tempo e le attività perdute per i pazienti cronici e oncologici e poi lo analizzeremo con attenzione. Si possono recuperare risorse anche dall'eliminazione delle prestazioni che non servono". - foto agenziafotogramma.it - (ITALPRESS).

  • Pulisic manda gli Usa agli ottavi, Mondiale finito per l’Iran
    by Redazione on 29 Novembre 2022 at 20:21

    DOHA (QATAR) (ITALPRESS) - La partita più tesa e attesa di questa fase del Mondiale si è conclusa con la vittoria e la qualificazione degli Usa. La compagine statunitense ha trionfato 1-0 contro l'Iran nel match dell'Al Thumama Stadium di Doha: decisiva la rete siglata da Pulisic nel primo tempo. Definito dunque il quadro dei primi due ottavi: Weah e compagni sfideranno l'Olanda sabato 3 dicembre alle 16; mentre l'Inghilterra (prima nel girone B) se la vedrà col Senegal.Partita tesa e combattuta quella tra iraniani e statunitensi, soprattutto nel primo tempo. Tanta intensità, ma pochissime occasioni, nella prima frazione è successo davvero poco: il primo squillo è stato di Musah, con una conclusione sparata in curva. Si è giocato però a una sola porta, con la squadra di Berhalter a trazione anteriore soprattutto nella parte finale. Al 38' è arrivata la giocata che ha deciso il match: l'apertura di McKennie a centrocampo ha pescato Dest sulla corsia destra, abile a servire di testa Pulisic, che in anticipo sulla difesa asiatica ha trovato la rete dell'1-0. In pieno recupero Weah ha trovato la rete del 2-0, ma l'azione è stata annullata per una posizione irregolare. Nella ripresa la nazionale di Queiroz ha espresso un gioco differente, l'entrata di Ghoddos (al posto di Azmoun) ha cambiato la manovra offensiva: due le occasioni non sfruttate dal numero 14, con la seconda conclusione di prima intenzione uscita per questione di centimetri. Finale tesissimo in cui gli iraniani hanno chiesto un calcio di rigore per un tocco di Carter-Vickers in area su Taremi, ma Lahoz ha lasciato correre anche dopo una revisione al VAR. Fanno festa gli Stati Uniti, alla loro terza qualificazione agli ottavi in quattro Mondiali. Finisce la corsa dell'Iran e di una Nazionale che merita comunque tanti complimenti.- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).