Covid-19, il Comune di Salemi chiede lo stato di calamità

Covid-19, il Comune di Salemi chiede lo stato di calamità

“Servono interventi per imprese e fasce deboli”

Garantire interventi economici a sostegno delle imprese e di tutte quelle persone che a causa dell’emergenza coronavirus si trovano in uno stato di indigenza. Questo il senso della delibera varata dalla giunta comunale di Salemi, in provincia di Trapani, che chiede il riconoscimento dello stato di calamità. Tra le richieste del Comune, trasmesse allo Stato e alla Regione “ciascuno per i propri ambiti di intervento”, l’applicazione di “istituti e strumenti di garanzia e sostegno per prestiti e mutui” contratti da privati e aziende. “Nessuno sia lasciato solo – afferma il sindaco, Domenico Venuti -. Accanto al contenimento puntuale e rigoroso dell’emergenza epidemiologica riscontrata in città bisogna far partire un’azione altrettanto energica di contrasto alla crisi economica che purtroppo è già in atto. Serve unità d’intenti da parte di Stato e Regione, ma serve anche celerità nelle decisioni in favore delle popolazioni più colpite dal virus”.
Dal Comune anche la richiesta di “azzeramento”, per tutta la durata della fase emergenziale, dei costi delle utenze dei servizi pubblici per le attività e i professionisti fermati dalle disposizioni governative di contrasto al Covid-19: lo stesso provvedimento viene chiesto per le persone fisiche residenti a Salemi con redditi inferiori alla soglia di povertà calcolata dall’Istat, per i disoccupati e per chi vedrà il proprio reddito abbassarsi perché derivante “esclusivamente” da proventi di attività economiche sospese a causa dell’emergenza. La Giunta, inoltre, chiede per il Comune, le aziende, e i professionisti “di ogni comparto economico-produttivo” benefici, contributi e agevolazioni, oltre che “il differimento dei termini” e il “sostegno” riguardo agli interessi su mutui, prestiti e finanziamenti, ma anche “facilitazioni e garanzie per l’accesso a fondi e finanziamenti statali, regionali e comunitari”. Il documento approvato dall’Amministrazione è stato condiviso dal presidente del Consiglio comunale, Lorenzo Cascio, e dai capigruppo consiliari in un incontro preliminare. “Tutte le forze politiche stanno dando prova di grande coesione e in questi giorni sono state accanto all’Amministrazione nella battaglia per la salute e per l’economia della città”, afferma Cascio che ringrazia la Giunta “per l’impegno a tutela di Salemi” e tutti i consiglieri comunali “per la grande prova di unità”. I provvedimenti chiesti attraverso la delibera di Giunta si aggiungono ai primi interventi varati dall’Amministrazione facendo ricorso a risorse comunali: l’attivazione di buoni spesa settimanali da 30 e 50 euro in favore delle famiglie indigenti e di un servizio di assistenza psicologica telefonica che aiuti ad affrontare paure e incertezze dovute alle restrizioni per il contrasto al coronavirus. Avviata anche una interlocuzione per ampliare le forniture del Banco alimentare, mentre è in corso l’elaborazione di strumenti di sostegno alle fasce deboli in collaborazione con le associazioni di volontariato.

Comunicato stampa