Festa del Lavoro: il messaggio di Cgil, Cisl e Uil Trapani

Festa del Lavoro:  il messaggio di Cgil, Cisl e  Uil Trapani

Lanciato anche un appello alle istituzioni nazionali, regionali e locali che dovranno programmare la ripresa nel territorio

“Solo con la garanzia della sicurezza può ripartire il nostro territorio”. E’ questo il messaggio lanciato in occasione del Primo maggio, dai segretari generali di Cgil Trapani Filippo Cutrona, Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana e Uil Trapani Eugenio Tumbarello. Una Festa del Lavoro, molto particolare quest’anno senza manifestazioni a causa dell’emergenza sanitaria, ma oggi più che mai, una ricorrenza importante per il Paese. “Anche se in modo diverso, evitando il contatto con i lavoratori, per noi il Primo maggio resta un’occasione importante per ribadire la centralità del Lavoro, unica strada per rilanciare il Paese. La provincia di Trapani – spiegano i tre segretari – sta pagando un prezzo altissimo legato alla crisi economica a cui si è aggiunto anche il lockdown. Bisogna attivare tutte le misure di sostegno possibili per sostenere le piccole e medie imprese, che compongono buona parte del nostro tessuto economico. I costi della ripresa saranno senza dubbio altissimi e di certo non possono ricadere sui lavoratori”. L’emergenza sanitaria Covid 19, affermano Cgil Cisl Uil Trapani, ha confermato quanto i lavoratori siano il motore del Paese. “Ringraziamo i tanti, tantissimi lavoratori dei servizi essenziali, gli operatori sanitari, le forze dell’ordine che hanno garantito la sopravvivenza dei nostri territori in questa crisi senza precedenti, alcuni anche a scapito della propria vita come medici e infermieri” commentano Cutrona, La Piana e Tumbarello. “Il lavoro e la sicurezza in vista della fase 2, devono essere le priorità nell’agenda delle istituzioni oggi più che mai. Se prima dell’emergenza Covid, a Trapani la disoccupazione soprattutto giovanile sfiorava il 50 per cento, le conseguenze dello stop di tutte le attività temiamo farà salire questa percentuale. Bisogna dare una risposta ai nostri giovani che oggi temono di veder allontanare sempre di più, le proprie speranze per il futuro. Rivolgiamo un appello a chi come, le istituzioni nazionali regionali e locali dovranno programmare la ripresa, bisogna porre al centro dell’azione dei prossimi mesi il Sud  con adeguate e specifiche politiche economiche, che diano una sferzata ai territori con un piano straordinario di investimenti”. Dal commercio, l’edilizia, la cantieristica navale, il turismo, l’agroalimentare, i tanti settori in crisi richiedono uno sforzo maggiore da parte delle istituzioni. “Non c’è dubbio che siamo davanti a un periodo straordinario che mai avremmo pensato di vivere, ma dobbiamo trovare insieme la strategia migliore per far rinascere Trapani partendo dai settori cruciali per il suo sviluppo”. Le politiche sociali restano fondamentali ancor più in questa fase. “Non bisogna lasciare indietro nessuno – aggiungono Cutrona, La Piana e Tumbarello -, le misure contro la povertà finora messe in campo non possono bastare, ancor meno se si pensa ai tempi troppo lunghi dalle richieste di sussidi, ammortizzatori, all’arrivo delle somme nelle tasche delle famiglie. Intanto la disperazione cresce, così come le disuguaglianze sociali e con questa il numero degli emarginati, di coloro che non hanno alcun sostegno economico”. Per Cgil Cisl Uil Trapani bisogna pensare al rilancio delle zone industriali, alcune delle quali ormai quasi desertiche;  puntare sulle eccellenze come ad esempio il turismo, l’agroalimentare, ma per farlo è necessario creare le infrastrutture e trasporti adeguati, senza i quali non può esserci la rinascita economica. Ma è la sicurezza il tema cruciale di questi giorni e della Festa del lavoro di quest’anno. “Le aziende devono tornare a essere produttive su questo non c’è dubbio, ma ogni passo va fatto con i giusti tempi e con il sostegno adeguato. La sicurezza dei lavoratori è precondizione essenziale dello sviluppo e della ripartenza e su questo bisogna concentrare risorse e azioni concrete, controlli sul rispetto delle regole, contro il lavoro nero. Si ricostruisce solo se la lotta contro la diffusione del contagio, si arresta. Solo il lavoro sicuro può garantire la ripartenza”, concludono i tre segretari generali di Cgil Cisl Uil Trapani.

Comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Manovra, Salvini “Anche se criticata aiuta chi non ce la fa”
    by Redazione on 8 Dicembre 2022 at 10:01

    MILANO (ITALPRESS) - "La manovra economica, criticata da Confindustria, Bankitalia e Cgil è giusta perchè aiuta le pensioni minime, chi ha degli stipendi che non superano i 1500 euro al mese, aiuta le partite Iva e chi non ce la fa a pagare le bollette". Così il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, a margine di una visita al quartiere Gratosoglio di Milano.(ITALPRESS). Photo Credits: www.agenziafotogramma.it

  • Prysmian, il cablaggio delle reti base della transizione energetica
    by Redazione on 8 Dicembre 2022 at 09:56

    ROMA (ITALPRESS) - "Le infrastrutture di rete, le reti di trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica sono imprescindibili per agevolare la transizione energetica e l'elettrificazione di impianti, semplicemente perchè le energie rinnovabili, che siano solari o eoliche, vanno generate e prodotte dove c'è sole e vento, per cui in luoghi necessariamente lontani dalle geografie del consumo". Lo ha sottolineato in un'intervista all'Italpress Lorenzo Caruso, Vice President Communications & Public Affairs di Prysmian, azienda italiana specializzata nella produzione di cavi per applicazioni nel settore dell'energia e delle telecomunicazioni e di fibre ottiche: "Per esempio, in questo momento siamo impegnati nel cablaggio dei parchi eolici in fase di realizzazione nel Mare del Nord - ha aggiunto Caruso, raccontando delle ultime iniziative - Centinaia di turbine installate che vanno collegate alla costa nord della Germania per poi portare attraverso i corridoi elettrici tedeschi 4.000 km di nuove linee elettriche che forniscono energia rinnovabile in tutti i territori della Germania, sapendo bene che le zone più industrializzate e abitate della Germania non sono al nord". La sostenibilità ambientale e la realizzazione e installazione di cavi per interconnettere territori e strutture vanno dunque di pari passo: "La rete è imprescindibile, perchè in sintesi consente di produrre energia dove è più economicamente vantaggioso e più sostenibile per l'ambiente - ha ricordato - Questi processi di transizione energetica ed elettrificazione sono globali, sono partiti da poco anche gli Usa sotto l'amministrazione Biden con l'obiettivo di installare impianti per energia eolica offshore, l'unica fonte di generazione di energie rinnovabili che ha equiparato i costi del fossile. Questo è il futuro, in particolare la costruzione di parchi eolici lontani dalla costa, in modo tale che non abbiano un impatto ambientale neanche dal punto di vista paesaggistico". L'azienda, con sede a Milano, opera in tutto il mondo ed è titolare della flotta di navi posacavi più grande a livello internazionale: "La sfida è di portare energia rinnovabile sulla terra ferma e poi nelle case di ognuno, con navi che servono per posare questi cavi. Stiamo completando il cablaggio del primo grande parco eolico su larga scala degli Stati Uniti tra Rhode Island e Massachussets, fornirà energia pulita nel New England", ha spiegato Caruso. "La domanda di mercato è talmente forte che a meno di un anno dal varo della nave posacavi più grande al mondo costruita per noi da Fincantieri, abbiamo dovuto affidare loro un nuovo appalto per la costruzione di una nuova nave. Il progetto - ha sottolineato Caruso - più avveniristico in questo momento al mondo è produrre energia solare nel deserto australiano con un cavo lungo 4.000 km e collegarlo fino a Singapore, levereggiando sullo spread tra i bassi costi del generare energia nel deserto australiano e i costi alti a Singapore. Con questo si finanziano le infrastrutture".- foto Italpress -(ITALPRESS).

  • Al via dal 12 dicembre gli Open Days dell’Università di Milano-Bicocca
    by Redazione on 8 Dicembre 2022 at 08:36

    MILANO (ITALPRESS) - Informarsi per arrivare preparati al momento della scelta del proprio percorso di studi. L'Università di Milano-Bicocca apre le porte alle studentesse e agli studenti delle scuole superiori che stanno per decidere a quale corso di laurea iscriversi: dal 12 al 17 dicembre sono in programma gli Open Days con presentazioni dei corsi di laurea, laboratori ed incontri per scoprire l'offerta formativa e i servizi dell'Ateneo, ma anche per acquisire maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità e delle proprie aspirazioni attraverso la Life Design Psy-Lab, la Consulenza Pedagogica, i Lab'ò e altre attività artistico/espressive. La possibilità di conoscere da vicino Milano-Bicocca non è rivolta solo alle ragazze e ai ragazzi delle scuole superiori, ma anche alle loro famiglie. Durante gli Open Days, saranno infatti presentati i nuovi servizi di Consulenza Psicologica e Pedagogica per i genitori. Alle iniziative si può partecipare in presenza, previa iscrizione obbligatoria e fino ad esaurimento dei posti, o seguendo in streaming. Gli Open Days rientrano in un più ampio piano di attività che Milano-Bicocca garantisce durante tutto l'Anno accademico per l'orientamento di quanti sono chiamati a scegliere l'ateneo a cui iscriversi. Per le ragazze e i ragazzi delle scuole superiori sono numerose le occasioni di confronto con un'università multidisciplinare come Milano-Bicocca, che forma professionisti nel campo economico-statistico, giuridico, scientifico, medico, sociologico, psicologico e delle scienze della formazione. Tra queste rientrano i Walking Tour, durante i quali si possono scoprire i principali luoghi di interesse all'interno del campus, accompagnati dalle studentesse e dagli studenti dell'Ateneo, e la "Primavera in Bicocca: prova il tuo futuro" per vivere alcuni giorni da matricole. Le attività di orientamento, inoltre, consentono di avere un quadro completo delle prospettive che l'Ateneo apre attraverso il suo lavoro in stretta sinergia con il sistema produttivo territoriale e la possibilità di partecipare a programmi di studio e di ricerca all'estero. L'Università di Milano-Bicocca offre anche a chi è già iscritto una vasta gamma di servizi di orientamento gratuiti come, ad esempio, il tutorato matricole, il servizio B.Inclusion per il supporto degli studenti con disabilità o con disturbi specifici dell'apprendimento, ma anche il nuovo servizio di Consulenza Didattica che aiuta ad adottare un metodo di studio adeguato per affrontare lo studio universitario. Accanto ai servizi nel corso di tutto l'anno accademico sono previste iniziative di orientamento pensate sia per i diplomandi che per chi già frequenta un corso di studio di Milano-Bicocca. Tra le novità di quest'anno, il Laboratorio di Teatro-Scienza riservato agli iscritti degli ultimi tre anni di studio delle scuole superiori: i ragazzi, divisi in gruppi e guidati da un ricercatore o un professore della Scuola di Scienze dell'Ateneo, potranno approfondire un concetto scientifico di proprio interesse e rielaborarlo per comunicarlo attraverso una performance teatrale. "L'attività di orientamento, rivolta alle studentesse e agli studenti delle scuole superiori che a chi è già iscritto al nostro Ateneo, è fondamentale per dar vita ad una comunità universitaria davvero inclusiva, nella quale ciascuno possa coltivare le proprie ambizioni ed esprimere al meglio i propri talenti. La combinazione di attività classiche con altre di tipo innovativo ci aiuta a coinvolgere davvero tutti", afferma la rettrice Giovanna Iannantuoni. "L'Orientamento è una cosa seria e la Bicocca - spiega Maria Grazia Riva, Pro-Rettrice per l'Orientamento - ha costruito molte opportunità per offrire una vasta gamma di servizi e iniziative rivolte ai giovani e alle giovani, assumendosi pienamente il compito istituzionale di valorizzare le loro potenzialità, risorse, sogni ma anche ascoltando le incertezze e le fragilità per aiutarli a superarle. A questo obiettivo rispondono anche i nuovi percorsi di orientamento organizzati dagli atenei nell'ambito del decreto nazionale Pnrr".(ITALPRESS).Photo Credis: www.agenziafotogramma.it

  • Meloni, Conte “Chi ci accusa di fomentare odio fa sciacallaggio”
    by Redazione on 8 Dicembre 2022 at 06:36

    MILANO (ITALPRESS) - "Chi ci accusa è in malafede. E' una polemica strumentale. Con il Movimento cerchiamo di interpretare il disagio delle persone e di offrire delle risposte. Il reddito di cittadinanza nasce da questa consapevolezza della necessità di un sistema di protezione sociale". Lo dice il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, intervistato dal Corriere della Sera in edicola oggi, reagendo alle polemiche nate dopo le minacce apparse sui social nei confronti della premier Giorgia Meloni. A proposito invede del Reddito di Cittadinanza, Conte ha spiegato che "smantellarlo significa aggravare la difficoltà, la frustrazione delle persone. Accusare noi di fomentare un clima d'odio è un'azione di sciacallaggio che non ha neppure nessun fondamento logico". "Meloni durante la mia presidenza usò parole insultanti e forti nei miei confronti, lo stesso Crosetto le usa adesso. Meloni nei miei riguardi si è espressa con un labiale che non è mai stato chiarito. Veniamo insultati e addirittura ci vogliono imputare delle minacce. Mi sembra un meccanismo completamente capovolto" dice ancora l'ex premier. A proposito infine di un ipotetico incontro con Giorgia Meloni sulla manovra, Conte ha chiarito "Io incontro tutti, però mi sembra che questo governo abbia definito questa manovra e che sia orgogliosamente convinto di questi interventi, che ci porteranno in recessione. Non mi sembra ci siano finestre di dialogo".(ITALPRESS). Photo credits: www.agenziafotogramma.it

  • Tredici minuti di applausi per il Godunov alla Scala, ovazione per Mattarella
    by Redazione on 7 Dicembre 2022 at 20:01

    MILANO (ITALPRESS) - Tredici minuti di applausi finali per il "Boris Godunov" di Modest P. Musorgskij diretto dal Maestro Riccardo Chailly e interpretato dal basso Ildar Abdrazakov, che questa sera ha aperto la stagione lirica 2022/23 del Teatro alla Scala di Milano. Prima del tributo all'allestimento firmato dal regista danese Kasper Holten, il pubblico ha tributato 5 minuti di applausi, una standing ovation e ringraziamenti a gran voce, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella al momento del suo arrivo nel palco reale del teatro milanese in compagnia della figlia Laura. Accanto a lui, nello stesso palco, la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, quello del Senato Ignazio La Russa, il sindaco di Milano Beppe Sala e il Governatore della Lombardia Attilio Fontana. Tante le personalità della politica, della cultura e dello spettacolo che hanno assistito alla Prima della Scala. Tra queste i ministri della Cultura Gennaro Sangiuliano, dell'Università e della ricerca Anna Maria Bernini, delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e la senatrice a vita Liliana Segre. Presenti al Piermarini anche l'etoile Roberto Bolle, i ballerini Nicoletta Manni e Timofej Andrijashenko, lo scrittore Alessandro Baricco, gli attori Fabrizio Gifuni e Sonia Bergamasco, Stefano Accorsi, Rocio Munoz Morales e Alessandra Mastronardi e lo chef Massimo Bottura. Trasmesso in diretta da Raiuno, il "Boris Godunov" è stato preceduto dall'inno italiano e da quello europeo eseguiti dall'Orchestra della Scala. Prima ancora alcune proteste hanno preso di mira la scelta di aprire la stagione con un'opera russa che, però, con il "Macbeth" di Verdi di un anno fa e il "Don Carlo", dello stesso compositore italiano, che inaugurerà la prossima stagione, era stata antecedente all'invasione russa. Di fatto l'opera di Musorgskij, rappresentata stasera al Piermarini nella sua versione originale del 1869, è una critica feroce del potere e delle sue conseguenze. Il suo primo allestimento scaligero risale al 1909 per volontà di Arturo Toscanini, da allora l'opera che mette in scena l'ascesa al trono degli zar del boiardo Boris Godunov e la sua morte causata dai sensi di colpa per aver ordinato l'omicidio dello zarevic Dimitri per carpirgli il trono, è stata allestita 25 volte. ufficio stampa Teatro alla Scala(ITALPRESS).