Ginecologia e ostetricia a Mazara. L’ Asp: “Nessuna notizia di criticità nel reparto”

Ginecologia e ostetricia a Mazara. L’ Asp: “Nessuna notizia di criticità nel reparto”

A seguito della chiusura del punto nascita dell’ospedale di Marsala per l’emergenza Covid-19, parte dell’utenza è stata presa in carico dal reparto mazarese

Cosa sta accadendo nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Abele Ajello di Mazara del Vallo? L’interrogativo sorge spontaneo dopo ciò che si legge sul social network Facebook, dove l’ex consigliere comunale Francesco Foggia ha lanciato l’allarme sulla presunta mancanza di personale medico sufficiente, in particolare ostetrico, e ha chiesto alle istituzioni di intervenire. Un grido di allarme social seguito stamattina anche da un comunicato stampa. Praticamente, a seguito della chiusura del punto nascita dell’ospedale Paolo Borsellino di Marsala per l’emergenza Coronavirus, parte dell’utenza ovviamente è stata “presa in carico” dal reparto mazarese. Un incremento rispetto al quale, però, non avrebbe avuto seguito, sempre secondo Foggia, una adeguata riorganizzazione del personale medico nell’ospedale mazarese, con ulteriore forza lavoro per dare man forte all’Abele Ajello. Così, per di più, sostengono alcune ostetriche in servizio nel nosocomio mazarese, che hanno detto la propria sempre su Facebook e confermato, sostanzialmente, quanto denunciato da Foggia. Una situazione che, se confermata, sarebbe grave e non garantirebbe, affermano le stesse ostetriche, condizioni “rassicuranti né per gli operatori né tantomeno per l’utenza”. Ovviamente, stamattina abbiamo contattato l’ufficio stampa dell’Asp di Trapani per chiedere come stanno effettivamente le cose. La risposta è stata che l’attività nel reparto mazarese è tuttora regolare con l’arrivo di due ginecologi e di un’ostetrica dall’ospedale marsalese e che finora all’Asp non è mai arrivata alcuna notizia circa presunte criticità in atto nel reparto in questione.(riproduzione riservata)