Apertura Blue Sea Land, in videoconferenza l’Ambasciatore italiano a Tripoli sulla vicenda dei pescatori sequestrati

Apertura Blue Sea Land, in videoconferenza l’Ambasciatore italiano a Tripoli sulla vicenda dei pescatori sequestrati

La nona edizione si è aperta oggi online

La nona edizione di Blue Sea Land è iniziata oggi con un collegamento in rete tra il Presidente del Distretto della Pesca, Nino Carlino, il Sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e l’Ambasciatore italiano a Tripoli, Giuseppe Buccino. La questione dei pescatori mazaresi trattenuti a Tripoli al centro dei colloqui. All’incontro ha preso parte anche la signora Anna, parente di uno dei marittimi che attualmente si trovanoin Libia. L’Ambasciatore Buccino ha risposto alle sollecitazioni dei presenti rappresentando quanto segue: “Per prima cosa – ha detto l’Ambasciatore – voglio rassicurare tutti sullo stato di salute dei pescatori mazaresi trattenuti a Bengasi. Stanno tutti bene. Non è la prima volta che si verifica una situazione così complessa. Ricordo – ha continuato Buccino – di avere trattato in passato diversi casi. Alcuni si sono risolti in tempi brevi, altri in tempi un po’ più lunghi. Detto questo, io resto assolutamente fiducioso per quanto riguarda la soluzione della vicenda. Cercheremo di fare in modo che possa essere più rapida possibile. Sono assolutamente fiducioso sull’esito della vicenda. Desidero esprimere tutta la mia solidarietà a tutti i marittimi e alle loro famiglie.” Il Presidente Carlino ha poi chiesto all’Ambasciatore Buccino se fossero stati già avviati degli atti formali che potessero far pensare ad un processo in Libia per i pescatori siciliani. “Al momento non ci sono conferme in questo senso – ha risposto l’Ambasciatore Giuseppe Buccino – occorre aspettare e vedere ciò che succederà”

comunicato stampa