Mazara, deceduta Narduzza Gallo. Una vita dedicata alle mamme in difficoltà

  • In MAZARA
  • 1 Febbraio 2022
  • 475 Views
Mazara, deceduta Narduzza Gallo. Una vita dedicata alle mamme in difficoltà

I funerali si svolgeranno domani a San Francesco

Leonarda Gallo, dai mazaresi detta “Narduzza”, nasce a Mazara del Vallo il 6 febbraio del 1927, primogenita di tre sorelle. Dopo un periodo di indifferenza nei confronti della fede, convertitasi ad una visione nuova della vita secondo la spiritualità evangelica, si dedica con entusiasmo e passione all’apostolato e al servizio verso gli altri. Superato il Concorso Magistrale, si inserisce nel campo scolastico dove per diversi anni profonde le migliori energie. Milita nell’Azione Cattolica e dal 1949 al 1966 riveste incarichi di responsabilità nella Giunta Diocesana nella qualità di Presidente della Gioventù Femminile. Aderisce all’ AIMC, Associazione Italiana Maestri Cattolici e ne diventa Presidente diocesana. Grazie al suo contributo creativo e al suo impegno coinvolgente, l’Associazione registra in quegli anni un notevole incremento di iniziative e di adesioni. L’amore per gli altri e per il suo territorio la spinge ad una fattiva presenza anche in campo politico. In un momento turbolento della vita politica locale, viene eletta Consigliere Comunale tra le fila della Democrazia Cristiana e, come tale, si spende molto per riportare la politica nell’alveo della corretta dialettica democratica. Nell’ Ottobre del 1966 compie una scelta di vita ancora più radicale: messasi in aspettativa dall’insegnamento, parte missionaria laica in Algeria, rispondendo all’appello dei Vescovi che chiedevano collaborazione per la soluzione dei tanti problemi economici, sociali e culturali in cui si era venuto a trovare il popolo algerino all’indomani dell’indipendenza. Rientrata in Italia negli anni ‘70, riprende con rinnovata energia l’insegnamento e l’impegno nel volontariato. Sentiamo le parole di Narduzza sulla nascita del Movimento per la vita a Mazara: “Avevo ancora viva nel cuore l’esaltante esperienza degli anni di volontariato in Algeria, dove alla scuola dei poveri ho imparato più che in tutti gli altri anni della mia vita, quando una sera della primavera del 1981, ascoltando distrattamente il telegiornale, appresi la notizia del referendum sull’aborto. In quel tempo avevo interrotto ogni attività per assistere mio padre gravemente ammalato. Ma quella notizia non mi lasciò indifferente. La mattina dopo, come se fossi sollecitata a farlo, mi recai dal Vescovo per sapere se in diocesi era iniziata una mobilitazione in difesa della vita: volevo anch’io dare una mano. Il Vescovo, piuttosto amareggiato, mi disse che fino a quel momento nessuno si era fatto avanti e paternamente mi esortò a prendere io l’iniziativa. Io esitai, sia per la mia situazione familiare, sia perché non mi sentivo capace. Alla fine mi arresi, uscendo dal vescovado ebbi la sensazione di essermi imbarcata in un’avventura che non avrebbe avuto più fine. E fu così”. Leonarda, si mette subito in contatto con il nascente Movimento per la Vita Italiano, e partecipa alle numerose attività e fa parte per un periodo del direttivo nazionale. A Mazara del Vallo si prodiga per formare la prima associazione siciliana del Movimento per la Vita. La sua azione si indirizza sia a costruire una cultura di vita, intervenendo soprattutto a favore delle mamme in attesa confuse, mal consigliate, lasciate sole in un momento di difficoltà, sia a contrastare la dilagante cultura di morte che nega ad un bambino il diritto a venire alla luce. Narduzza diventa il “motore” che convince, conquista, “arruola”. Il suo progetto si concretizza il 6 novembre del 1983 con la nascita ufficiale a Mazara del Vallo del Movimento per la Vita, ad opera di 50 soci che ne sottoscrivono l’atto normativo. Il MpV inizialmente, non aveva una sede propria e si riuniva ora nello studio del Presidente, ora in qualche casa. Ed ecco che Narduzza vende il suo appartamento e con i proventi ricavati, compra e ristruttura un immobile in via Abate Calia, ereditato insieme alle due sorelle.  Qui trasferirà il suo domicilio, qui avranno sede il Movimento per la Vita, il CAV (Centro di aiuto alla vita) che, operante già nel 1987, si costituirà ufficialmente il 26 novembre del 1991 e la Casa di accoglienza per ragazze-madri, rifiutate dalla famiglia o abbandonate dal partner. Tutto l’immobile viene successivamente donato alla fondazione “Vita Nova”, opera del Movimento per la Vita Italiano che li concede in comodato d’uso al Centro di Aiuto alla Vita di Mazara. In 30 anni di attività il CAV di Mazara del Vallo ha aiutato centinaia di mamme offrendo loro amicizia, solidarietà, aiuto economico, assistenza specialistica e ha contribuito a far nascere più di 600 bambini. Per espressa volontà di Narduzza non è stato mai chiesto alcun finanziamento pubblico: Movimento, CAV e Casa di accoglienza si autofinanziano con le generose offerte in denaro e con l’impegno dei volontari, dei numerosi amici e simpatizzanti.  

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Ddl Concorrenza, ok del Cdm a porre la questione di fiducia
    by Redazione on 19 Maggio 2022 at 16:01

    ROMA (ITALPRESS) - Il Consiglio dei Ministri dà l'assenso a porre la questione di fiducia sul ddl Concorrenza. Nel corso delle sue comunicazioni in Cdm, il Presidente del Consiglio ha informato i ministri sull'iter del ddl Concorrenza ricordando che - sulla base degli impegni assunti con il Pnrr - entro dicembre 2022 è necessario approvare non solo la legge delega, ma anche i relativi decreti delegati. Dopo aver ripercorso la cronistoria dei vari passaggi in Senato del ddl, Draghi ha segnalato la necessità "nel pieno rispetto delle prerogative parlamentari", di porre in essere tutte le iniziative per richiedere un'iscrizione in Aula del provvedimento entro la fine di maggio, in modo da pervenire a una rapida approvazione e procedere alla trasmissione alla Camera. "Il mancato rispetto di questa tempistica - ha aggiunto il Presidente Draghi - metterebbe a rischio, insostenibilmente, il raggiungimento di un obiettivo fondamentale del Pnrr, punto principale del programma di Governo".-foto agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • Webuild, collegati i due lotti della galleria di base del Brennero
    by Redazione on 19 Maggio 2022 at 15:56

    ROMA (ITALPRESS) - Dal portale sud di Fortezza al Brennero corre oggi un tunnel lungo 24,1 chilometri, un tratto considerevole dei 64 chilometri che collegheranno l'italiana Fortezza con l'austriaca Innsbruck dando vita alla Galleria di Base del Brennero, ovvero al sistema ferroviario sotterraneo più lungo al mondo. Questo traguardo è stato raggiunto con l'abbattimento del diaframma di separazione tra il lotto H71 sottoattraversamento Isarco (realizzato da Webuild) e il Lotto Mules 2-3 (realizzato da Webuild, in collaborazione con Ghella), sul versante italiano della galleria di base del Brennero. Oltre alla canna principale dove correrà la linea ad alta velocità/alta capacità, il progetto prevede la costruzione di 230 chilometri di gallerie, di cui 151 chilometri già scavati. Una fitta e complessa rete sotterranea che, nel suo punto più profondo, correrà a 1.700 metri sotto la cima della montagna collegando Fortezza, in Italia, con Innsbruck, in Austria, consentendo il passaggio di treni ad alta velocità/alta capacità ad una velocità fino a 250 chilometri orari per i passeggeri e fino a 160 chilometri all'ora per le merci. Una vera rivoluzione per la mobilità e i trasporti europei che permetterà di ridurre i tempi di percorrenza di quasi il 70%, passando dagli attuali 80 minuti a 25 minuti. Nel corso della cerimonia ufficiale di breakthrough, che si è tenuta nel cuore della montagna, un escavatore ha abbattuto l'ultimo diaframma che separa i lotti. L'opera è strategica per la creazione della rete TENT-T, la rete europea ad alta velocità/alta capacità europea, capace di trasportare persone e merci in tutto il continente, e destinata ad accrescere la mobilità sostenibile tra i Paesi membri, riducendo così notevolmente le emissioni di CO2. In aggiunta ai due lotti sul versante italiano interessati dal breakthrough di oggi, Webuild sta anche lavorando al lotto H41 Gola del Sill-Pfons e ha già completato il lotto Tulfes-Pfons, entrambi sul versante austriaco. In aggiunta, Webuild è impegnato anche nella realizzazione delle tratte d'accesso sud alla galleria di base del Brennero, tra Fortezza e Ponte Gardena. (ITALPRESS).-foto ufficio stama Webuild-

  • Covid, 30.310 casi e 108 decessi nelle ultime 24 ore
    by Redazione on 19 Maggio 2022 at 14:16

    ROMA (ITALPRESS) - Sono 30.310 i casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia, 108 i decessi. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del Ministero della Salute. I dimessi/guariti sono 90.017, mentre gli attualmente positivi sono 59.403 in meno per un totale che scende a 893.175. -foto agenziafotogramma.it-(ITALPRESS).

  • Acqua Lete main sponsor Fijlkam per il prossimo quadriennio
    by Redazione on 19 Maggio 2022 at 13:26

    ROMA (ITALPRESS) - Acqua Lete diventa main sponsor della Federazione italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali per il prossimo quadriennio. "Siamo orgogliosi di abbinare il nostro marchio a quello della Fijlkam, una Federazione dall'indiscusso prestigio internazionale che vanta una storia ultracentenaria fatta di grandi successi e fra le principali in Italia per numero di tesserati e praticanti" commenta il Presidente di Acqua Lete Nicola Arnone. "Le discipline della federazione trasmettono valori importanti come rispetto, passione, sacrificio, rigore, fair play e desiderio di non arrendersi mai, pienamente condivisi con la nostra visione aziendale. Le tante discipline sotto l'egida Fijlkam sono in grande crescita e appassionano milioni di sportivi facendo crescere sempre più il movimento nazionale". La costante presenza di Acqua Lete nel mondo dello sport non è casuale, ma strettamente legata alle caratteristiche di prodotto. Come attestano importanti studi clinici - si legge in una nota -, Lete è l'acqua ideale per chi pratica sport. Grazie all'azione combinata tra i bicarbonati e il calcio, è vincente non solo per il recupero muscolare durante e dopo l'attività sportiva ma anche per una perfetta reidratazione. "Avere Acqua Lete come nostro partner ci soddisfa molto - è il commento del Presidente Fijlkam Domenico Falcone - data l'attenzione costante che tale marchio riserva al mondo dello Sport. Ma non solo: sono molti i punti in comune tra la Fijlkam ed il marchio Acqua Lete in termini valoriali e di cultura della salute. Infatti i nostri sport del Judo, della Lotta, del Karate e delle Arti Marziali non mirano solo al raggiungimento dei risultati sportivi, ma anche alla crescita del campione in ogni suo aspetto ponendo estrema cura alla sua salute ed al suo benessere. Ecco perchè la scelta di Acqua Lete si rivela per noi vincente e reciprocamente importante". - foto ufficio stampa Acqua Lete - (ITALPRESS).

  • Consumi, Linkontro analizza i trend di acquisto degli italiani
    by Redazione on 19 Maggio 2022 at 13:11

    CAGLIARI (ITALPRESS) - "In questo momento fare delle previsioni su futuri scenari è difficile. Tra i dati meno piacevoli del primo semestre del 2022 però c'è l'inflazione. Se io comprassi gli stessi prodotti di un anno fa, pagherei il 4,8% in più. Una tempesta così non era mai capitata, la previsione è di andare oltre i 5 punti nel secondo semestre". Così l'amministratore delegato di NielsenIQ Italia, Luca De Nard, aprendo la tre giorni di Linkontro, la manifestazione che da oltre 35 anni si occupa di analizzare il largo consumo. Dopo due anni di forzata assenza, l'evento avrà nuovamente luogo al Forte Village Resort di Santa Margherita di Pula. I trend positivi del settore del largo consumo registrati nel biennio della pandemia hanno subito una scossa a seguito dell'aumento dell'inflazione e del rallentamento della crescita economica, dovuti all'attuale scenario geopolitico. La combinazione di questi elementi sta creando un panorama del tutto nuovo per il settore della grande distribuzione in Italia, che avrà un impatto profondo sui comportamenti e le abitudini d'acquisto degli italiani e delineerà nuovi scenari di consumo. "In uno scenario tanto complesso quanto drammatico - spiega De Nard - le diverse realtà operanti nel settore del largo consumo, come retailer e manufacturer, devono collaborare per poter delineare delle linee guida e delle strategie da seguire. Fare network e indirizzare gli sforzi congiunti del mercato e del governo è quanto mai fondamentale per supportare consumi sempre più polarizzati e consumatori meno fidelizzati, in cerca del prezzo più vantaggioso per attutire il colpo". I dati del primo trimestre per il largo consumo confezionato (LCC) hanno registrato uno stabile declino fino al mese di marzo, tuttavia, grazie anche al contributo positivo della Pasqua (aprile +8%) la crescita si attesta di oltre 1 punto nei primi quattro mesi del 2022. L'alterazione delle dinamiche competitive in atto, differenzia la performance dei canali di vendita. Stando ai dati di NielsenIQ, crescono e-commerce e discount, mentre i supermercati non ha riscontrato variazioni di rilievo. Dall'analisi effettuata da NielsenIQ, si evince che i consumatori stanno iniziando a mettere in pratica delle strategie di risparmio, cambiando il mix di prodotti nel carrello e facendo più attenzione a selezionare i prezzi più bassi. Questa tendenza fa emergere una polarizzazione delle fasce di consumatori: una parte delle famiglie sarà costretta a modificare maggiormente i propri stili di consumo perchè vedrà diminuire ulteriormente il proprio potere di acquisto. "L'ipotesi più probabile per la seconda parte del 2022 è un consolidamento del discount, mentre l'e-commerce si è consolidato, ma non cresce più ai livelli degli ultimi anni", ha aggiunto Romolo De Camillis, Retailer Service Director di NielsenIQ. (ITALPRESS).-foto Italpress-