Mazara, “Il Duemila” chiede quartieri con più aree verdi

  • In MAZARA
  • 9 Dicembre 2020
  • 202 Views
Mazara, “Il Duemila” chiede quartieri con più aree verdi

L’istituto mazarese chiede la piantumazione di alberi nella via Castelvetrano e nella via Bessarione

La Mazara futura sarà green ,molti ne parlano,lo desiderano,ma finora nessun atto completo. Piantarci, molti alberi non uno, o due,come accade in alcune ricorrenze , un modo di incidere sulla qualità di vita di cittadini e cittadine . Bisogna incominciare dall’oggi . E’ sfida, è priorità ,la lotta all’inquinamento atmosferico e allo stoccaggio dell’anidride carbonica (CO2) ,solforica. Un intervento, da realizzarsi in maniera veloce, è la piantumazione di alberi nella via Castelvetrano,nella via Giovanni Bessarione Vescovo e Cardinale della nostra Diocesi che rischiò di essere eletto Papa in un Concilio. Lunghe strade, estese e rese abitate dal dopo guerra ad oggi specialmente durante il furore costruttivo del boom economico. Indicato del team di giovani del Duemila, e la piantumazione Via Castelvetrano ,nel quartiere Nordest della città , e via Giovanni Bessarione nel quartiere Trasmazzaro-Tonnarella, il più popolato della città. Le due lunghe strade alberate combinano estetica,bellezza,colori ,salute .Il look di verde si riverbera anche sulle case e i quartieri diventano sempre più vivibili. Elementi di orgoglio e principi di identità cittadina. Abbiamo bisogno di riflessione e di bellezza in questo momento delicato che stiamo vivendo. E’ il messaggio de Il Duemila per realizzare le prospettive di cambiamento e di ripresa di Mazara. Per superare il grosso deficit strutturale di verde il lavoro Culturale Progettuale del Duemila dell’ Avv. Vella ex Sindaco,punta alla creazione di tre grandi parchi-verdi 1° area demaniale all’ingresso del Lungomare Fata Morgana.2° area comunale nella via Padre Pio di Pietralcina, 3° ed ex vasto giardino privato, da acquistare, in via Unità d’Italia. Per un grande polmone verde, la città madre si capovolge ,nel suo territorio, riprendendosi il ruolo programmatore e pianificatore dell’assetto urbano onde incidere sulla qualità di vita dell’intera popolazione.

comunicato stampa