Mazara, il terremoto politico che non ti aspetti. E adesso?

Mazara, il terremoto politico che non ti aspetti. E adesso?

Valanga di reazioni dopo la decisione del sindaco Quinci

Un pasticcio mazarese ancora tutto da incorniciare nella valanga di reazioni, dubbi ed interrogativi che da ieri pomeriggio è piombata sulla città di Mazara del Vallo dopo l’annuncio ufficiale della rimodulazione di giunta decisa dal sindaco Salvatore Quinci.

E sono arrivate ancora oggi in serata reazioni, dubbi ed interrogativi che si sono addirittura aggravati dopo gli ultimi passaggi di giornata di una vicenda che ha tenuto banco nei corridoi politici cittadini, sulla stampa e  sui social con commenti e considerazioni tutt’altro che edificanti.

In ogni caso, comunque la si vuole vedere ed interpretare, sicuramente qualcosa di mai accaduto nella storia politica ed amministrativa della città di Mazara del Vallo e le cui tappe si possono così sintetizzare : rimodulazione della giunta con le dimissioni “volontarie” degli assessori Giacalone e Norrito e la revoca dell’assessore D’Angelo e con l’ingresso dei tre assessori Grillo, Torrente e Casale.

Tutto liscio come l’olio? Manco per sogno!

Subito dopo infatti un vero  e proprio tsunami sembra abbattersi sulla vicenda con tantissimi segnali di una tempesta da bollino rosso, con il rifiuto all’incarico assessoriale degli appena nominati Grillo e Mauro, con l’assordante silenzio del partito democratico mazarese e come ciliegina sulla torta l’uscita di Forza Italia dalla maggioranza consiliare.

Ultimo atto il giuramento alle ore 18.00 della nuova giunta composta solamente da cinque assessori ed il sindaco Quinci che ha trattenuto per se la delega alle Finanze e Tributi

Tanta carne sul fuoco quindi. Resta ora da vedere se alla fine quella carne risulterà cotta a puntino o se invece è destinata a bruciacchiarsi al punto da risultare immangiabile per alcuni partiti (leggi PD e F.Italia) poco avvezzi al ruolo di usa e getta.

 

 

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Tragedia allo stadio in Indonesia, si riduce a un centinaio il bilancio delle vittime
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 10:35

    GIACARTA (INDONESIA) (ITALPRESS) - E' stato rivisto al ribasso il bilancio delle vittime nei disordini scoppiati allo stadio di Malang. Lo rendono noto le autorità indonesiane secondo cui sono almeno 125 i morti: "Sono state indentificate 124 vittime e un'altra non lo è ancora stata", ha spiegato il vice governatore della regione, Emil Dardak, a Metro TV. In un primo momento si era parlato di 182 vittime, ma alcuni nomi sarebbero stati registrati due volte per errore. Almeno un centinaio i feriti. credit photo agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • Papa “Si giunga subito al cessate il fuoco in Ucraina, si cerchino soluzioni”
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 09:05

    ROMA (ITALPRESS) - "L'andamento della guerra in Ucraina è diventato talmente grave, devastante e minaccioso da suscitare grande preoccupazione". Così Papa Francesco, durante la sua riflessione sulla situazione ucraina, prima della recita dell'Angelus."Questa terribile e inconcepibile ferita dell'umanità, anzichè rimarginarsi, continua a sanguinare sempre di più, rischiando di allargarsi - sottolinea il Pontefice -. Mi affliggono i fiumi di sangue e di lacrime versati in questi mesi. Mi addolorano le migliaia di vittime, in particolare tra i bambini, e le tante distruzioni, che hanno lasciato senza casa molte persone e famiglie e minacciano con il freddo e la fame vasti territori. Certe azioni non possono mai essere giustificate, mai! E' angosciante che il mondo stia imparando la geografia dell'Ucraina attraverso nomi come Bucha, Irpin, Mariupol, Izium, Zaporizhzhia e altre località, che sono diventate luoghi di sofferenze e paure indescrivibili. E che dire del fatto che l'umanità si trova nuovamente davanti alla minaccia atomica? E' assurdo"."Che cosa deve ancora succedere? Quanto sangue deve ancora scorrere perchè capiamo che la guerra non è mai una soluzione, ma solo distruzione? In nome di Dio e in nome del senso di umanità che alberga in ogni cuore, rinnovo il mio appello affinchè si giunga subito al cessate-il-fuoco - aggiunge Papa Francesco -. Tacciano le armi e si cerchino le condizioni per avviare negoziati capaci di condurre a soluzioni non imposte con la forza, ma concordate, giuste e stabili. E tali saranno se fondate sul rispetto del sacrosanto valore della vita umana, nonchè della sovranità e dell'integrità territoriale di ogni Paese, come pure dei diritti delle minoranze e delle legittime preoccupazioni"."Deploro vivamente - prosegue il Papa - la grave situazione creatasi negli ultimi giorni, con ulteriori azioni contrarie ai principi del diritto internazionale. Essa, infatti, aumenta il rischio di un'escalation nucleare, fino a far temere conseguenze incontrollabili e catastrofiche a livello mondiale"."Il mio appello - dice Papa Francesco - si rivolge innanzitutto al Presidente della Federazione Russa, supplicandolo di fermare, anche per amore del suo popolo, questa spirale di violenza e di morte. D'altra parte, addolorato per l'immane sofferenza della popolazione ucraina a seguito dell'aggressione subita, dirigo un altrettanto fiducioso appello al Presidente dell'Ucraina ad essere aperto a serie proposte di pace. A tutti i protagonisti della vita internazionale e ai responsabili politici delle Nazioni chiedo con insistenza di fare tutto quello che è nelle loro possibilità per porre fine alla guerra in corso, senza lasciarsi coinvolgere in pericolose escalation, e per promuovere e sostenere iniziative di dialogo. Per favore, facciamo respirare alle giovani generazioni l'aria sana della pace, non quella inquinata della guerra, che è una pazzia! Dopo sette mesi di ostilità, si faccia ricorso a tutti gli strumenti diplomatici, anche quelli finora eventualmente non utilizzati, per far finire questa immane tragedia. La guerra in sè stessa è un errore e un orrore!".credit photo agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • MotoGp, Oliveira vince in Thailandia e Bagnaia è a -2 da Quartararo
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 08:05

    BURIRAM (THAILANDIA) (ITALPRESS) - Miguel Oliveira ha vinto il Gran Premio di Buriram di MotoGP, diciassetteimo appuntamento in calendario. Il pilota brasiliano ha ingaggiato un lungo duello con Jack Miller che si è dovuto accontentare del secondo posto. Terzo Pecco Bagnaia che ha ridotto ulteriormente il divario da Quartararo, finito fuori dalla zona punti. Ora la distanza del ducatista ufficiale dalla vetta del Mondiale è di soli 2 punti. Da segnalare l'ottimo finale del francese Zarco, quarto, ed il settimo posto di Vinales con l'Aprilia. La gara di MotoGP è iniziata con un'ora di ritardo complice il nubifragio caduto sul circuito poco prima del via previsto. - foto: LivePhotoSport (ITALPRESS).

  • Zelensky “Le bandiere ucraine sventolano nelle zone del referendum farsa”
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 07:35

    KIEV (UCRAINA) (ITALPRESS) - "La Russia ha organizzato una farsa nel Donbass. Una farsa assoluta che ha voluto presentare come referendum. E ora la bandiera ucraina sventola lì, in molti luoghi della regione". Così, dopo il ritiro delle truppe russe da Lyman, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che aggiunge: "La settimana prossima ci saranno ancora più bandiere".Nel messaggio serale di ieri, Zelensky aveva lanciato un duro monito ai russi: "Risolvete il problema rappresentato da Putin altrimenti i soldati impegnati in guerra saranno uccisi uno a uno".credit photo agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • Rovanpera nuovo campione del mondo di Rally, il più giovane di sempre
    by Redazione on 2 Ottobre 2022 at 06:40

    AUCKLAND (NUOVA ZELANDA) (ITALPRESS) - Kalle Ròvanpera si laurea campione del mondo di rally ed è il più giovane della storia (22 anni). Il finlandese si aggiudica la gara in Nuova Zelanda e chiude i conti con gli avversari quando mancano due appuntamenti al termine della stagione. L'ultimo connazionale a conquistare il titolo era stato nel 2002 Marcus Gronholm. Il pilota della Toyota ha dominato senza problemi precedendo sul podio il suo compagno ed ex campione Sebastian Ogier e il suo rivale Ott Tànak, su Hyunday i20 N Rally1 Hybrid, vincitore della SS15 e che ha provato fino a quando ha potuto a dar fastidio al neo campione. Con 237 punti, infatti, Ròvanpera è irragiungibile per Tanak che ne ha 173. Il migliore italiano in Nuova Zelanda è stato Lorenzo Bertelli (Ford Puma) che ha chiuso in settima posizione. - foto: LivePhotoSport (ITALPRESS).