Ponte Arena: riunione ieri presso l’assessorato regionale alle Infrastrutture

  • In MAZARA
  • 25 Gennaio 2023
  • 61 Views
Ponte Arena: riunione ieri presso l’assessorato regionale alle Infrastrutture

Potrebbero arrivare nel tardo pomeriggio di oggi alcune novità

Potrebbero arrivare nel tardo pomeriggio di oggi alcune novità sul fronte del ponte Arena di Mazara del Vallo. Ieri, infatti, si è tenuta una riunione ad hoc a Palermo, presso l’assessorato regionale per le infrastrutture, per affrontare tale problematica che, ormai, tiene in ostaggio la città di Mazara da ben 16 mesi. Lavori infiniti la cui fine non si intravvede ancora e che, al momento, hanno portato l’ex Provincia a emettere una ordinanza di chiusura totale al traffico veicolare e pedonale per consentire, si spera, nel più breve tempo possibile il completamento dell’intervento. All’incontro di ieri, presieduto dall’assessore regionale Alessandro Aricò, hanno preso parte il presidente del comitato “Ponte Arena”, Alessandro Culicchia, il sindaco di Mazara, Salvatore Quinci, il deputato regionale Nicola Catania e, in rappresentanza dell’ex Provincia, il direttore dei lavori. Assente alla riunione, invece, la ditta che sta eseguendo i lavori. La ditta stessa entro oggi dovrebbe fornire alcuni chiarimenti e solo dopo dovrebbe essere presa una decisione sul da farsi, quantomeno per consentire una soluzione temporanea e parziale nelle more che i lavori vengano portati a termine. Una soluzione che sarebbe già stata individuata ma che il presidente del comitato Culicchia ha già bollato come eventualmente “insoddisfacente” per la cittadinanza mazarese.

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Lesioni alla spalla, buone risposte dalle tecniche mini-invasive
    by Redazione on 30 Gennaio 2023 at 08:51

    MILANO (ITALPRESS) - Una caduta sul braccio oppure uno sforzo eccessivo sono spesso le cause della lesione dei tendini della cuffia dei rotatori, uno dei più comuni problemi che colpisce la spalla. La cuffia dei rotatori è un complesso formato da quattro tendini e dai rispettivi muscoli che costituiscono una vera e propria cuffia che circonda la testa dell'omero. Oltre agli eventi traumatici, la lesione può essere conseguenza di un assottigliamento dei tendini causato dall'età. In questo caso, il dolore non è acuto e improvviso ma di intensità variabile e spesso notturno. Nei pazienti al di sotto dei 30 anni, invece, il problema alla spalla più comune è la cosiddetta instabilità gleno-omerale che può portare anche alla lussazione, spesso conseguenza di un trauma. Questo è uno dei temi affrontati da Alessandro Castagna, responsabile di Ortopedia della spalla dell'Istituto clinico Humanitas di Rozzano (Milano), intervistato da Marco Klinger, per Medicina Top, il nuovo format tv dell'agenzia di stampa Italpress."La spalla - ha spiegato Castagna - è un'articolazione che può fare male, anche molto. Quando succede ce ne accorgiamo perchè questo condiziona la qualità della vita. Il dolore tipicamente è localizzato a livello della zona del deltoide, quando c'è questo sintomo deve venire qualche sospetto per andare ad approfondire l'argomento". Per Castagna "quando il dolore comincia a durare più di qualche giorno, si ripresenta, disturba il riposo notturno e limita la funzione è opportuno approfondire senza perdere troppo tempo. Se abbiamo una perdita di funzione molto significativa, un dolore che impedisce di condurre una vita normale - ha aggiunto - si corre subito per un consulto e un parere"."La spalla - ha evidenziato - è un sistema molto complesso ed è un'articolazione molto mobile. Questo fa sì che sia anche poco stabile. Circa il 3% della popolazione di sana e robusta costituzione si lussa la spalla nella sua vita e negli atleti di contatto si arriva al 15-16%".Sulla lesione dei tendini della cuffia dei rotatori, ha spiegato: "Sono i tendini dei quattro muscoli che partono dalla scapola, avvolgono come una cuffia la testa dell'omero e lo muovono nello spazio sui vari piani. Sono quattro - ha proseguito - ma basta che uno o uno e mezzo si rompano e immediatamente la funzione decade e il dolore aumenta molto".Per Castagna "una lesione di piccole e medie dimensioni e recente può essere trattata brillantemente con tecniche mini-invasive con ottimi risultati". Quando si aspetta troppo, però, si può arrivare "al punto che noi chirurghi - ha spiegato - diciamo di non operarsi perchè non avrebbe alcun beneficio".C'è anche la riabilitazione. "La buona riabilitazione - ha sottolineato - è di grande aiuto alla spalla: sia per quella che viene operata per recuperare la funzione sia per quella che non viene operata, la fisioterapia è importante. I muscoli che agiscono attorno alla spalla quando muoviamo l'arto superiore sono 21. Questo significa che abbiamo un margine molto ampio di compenso funzionale".C'è una predisposizione ad avere danni di questo genere? "Esistono - ha affermato - condizioni costituzionali come la lassità e una patologia del collagene nel suo insieme ma, senza arrivare a questi estremi, generalmente è l'usura che porta al consumo delle strutture e al loro cedimento".Il responsabile di Ortopedia della spalla dell'Istituto Humanitas si è soffermato anche sull'artroscopia. "Ci permette - ha spiegato - di vedere le strutture, oggi ad alta definizione e a colori, con un piccolo tubicino di fibre ottiche dentro l'articolazione, fare un bilancio articolare, una diagnosi e decidere un trattamento chirurgico. Non tutte le chirurgie possono essere eseguite in artroscopia ma è uno strumento meraviglioso per capire la patologia e per trattarla".Cosa fare per prevenire i problemi alla spalla? "Per chi fa sport esiste una preparazione specifica per la spalla", ha evidenziato, parlando di "prevenzione" ma anche di "un uso che tenga sempre conto che esistono dei limiti di progetto delle articolazioni oltre i quali non dovremmo spingerci".- foto Italpress -(ITALPRESS).

  • Sanremo, Amadeus e Morandi svelano i duetti da Fiorello
    by Redazione on 30 Gennaio 2023 at 08:50

    ROMA (ITALPRESS) - Amadeus e Gianni Morandi svelano in diretta collegandosi con il programma condotto da Fiorelllo, "Viva Rai2", la lista completa dei duetti del Festival di Sanremo, in programma nella serata di venerdì. Anna Oxa con il deejay iLjard Shava canterà "Un'emozione da poco"; Ariete con Sangiovanni "Centro di gravità permanente" di Franco Battiato; gli Articolo 31 con Fedez un medley degli Articolo 31; Colapesce Dimartino con Carla Bruni "Azzurro" di Adriano Celentano; i Colla Zio con Ditonellapiaga "Salirò" di Daniele Silvestri; Coma_Cose con i Baustelle proporranno "Sarà perchè ti amo" dei Ricchi e Poveri; Elodie con BigMama "American Woman"; Gianluca Grignani con Arisa "Destinazione Paradiso" dello stesso Grignani; Gianmaria con Manuel Agnelli "Quello che non c'è" degli Afterhours; Giorgia con Elisa "Luce" e "Di sole e d'azzurro"; i Cugini di Campagna con Paolo Vallesi un medley tra "La forza della vita" e "Anima mia", dai rispettivi repertori.Lazza con Emma e Laura Marzadori "La fine" di Tiziano Ferro; Leo Gassmann con Edoardo Bennato e il Quartetto Flegreo un medley dello stesso Bennato; Levante con Renzo Rubino "Vivere" di Vasco Rossi; Madame con Izi "Via del Campo" di Fabrizio De Andrè; Mara Sattei con Noemi "L'amour toujour" di Gigi D'Agostino; Marco Mengoni con il Kingdom Choir "Let it be" dei Beatles; i Modà con Le Vibrazioni "Vieni da me" de Le Vibrazioni; Mr. Rain con Fasma "Qualcosa di grande" dei Lunapop; Olly con Lorella Cuccarini "La notte vola" della stessa Cuccarini; Paola & Chiara con Mark & Kremont un medley di Paola & Chiara; Rosa Chemical con Rose Villain "America" di Gianna Nannini; Sethe con Bnkr44 "Charlie fa il surf" dei Baustelle; Shari con Salmo un medley di Zucchero Fornaciari; Tananai con Don Joe "Vorrei cantare come Biagio" di Simone Cristicchi; Ultimo con Eros Ramazzotti un medley di Eros Ramazzotti. -foto agenziafotogramma.it-(ITALPRESS).

  • Ucraina, Crosetto “Faremo di tutto per fare finire le guerra”
    by Redazione on 30 Gennaio 2023 at 06:56

    ROMA (ITALPRESS) - "Spero che gli scontri fisici si evitino, che il sangue cessi di chiamare altro sangue. Ciò detto, solo se l'Ucraina reggerà l'impatto di un nuovo attacco può darsi che si creino le condizioni per provare finalmente a sedersi e a dialogare. Ma il dialogo sarà difficile, la Russia non ha intenzione di lasciare i territori ucraini che ha occupato". Così il ministro della Difesa, Guido Crosetto, in un'intervista al Corriere della Sera, aggiungendo che "la verità è che nessuno la vuole la guerra e l'obiettivo del Governo e fare di tutto tutto per farla finire. Dobbiamo spiegare all'opinione pubblica che sono i russi a volere l'escalation, per non lasciar passare la menzogna che siano gli altri, cioè tutti noi, a non cercare la pace. Se nessun carro armato russo avesse varcato il confine dell'Ucraina non si troveranno in questa situazione". Secondo Crosetto "dobbiamo trattare la vicenda come la stiamo trattando, aiutando l'Ucraina a difendersi e a ripristinare il diritto internazionale sul suo territorio. Ma penso anche che sia sbagliato trattare tutto il popolo russo come fosse un nemico. Dobbiamo lasciare dei canali di dialogo aperti". (ITALPRESS). -foto Italpress-

  • Pedopornografia, blitz in tutta Italia: 5 arresti e 26 denunce
    by Redazione on 30 Gennaio 2023 at 06:50

    FIRENZE (ITALPRESS) - Operazione in tutta Italia contro la pedopornografia. Il Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica della Polizia Postale per la Toscana, diretto dal gruppo reati informatici della Procura di Firenze, ha arrestato cinque persone per detenzione di ingente quantità di materiale pedopornografico e ne ha denunciate altre 26. L'attività si inserisce nella più ampia operazione "Dictum" - supportata operativamente dal Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale ed originata da un'indagine del C.O.S.C. della Polizia Postale per la Lombardia - che ha visto coinvolti oltre 1.700 utenti residenti in Italia, 31 dei quali in Toscana, che si procacciavano materiale pedopornografico attraverso un noto servizio di cloud storage estero. Gli elementi emersi nel corso dell'attività investigativa, curata dalla Sezione specializzata del C.O.S.C. della Polizia Postale per la Toscana, hanno permesso alla Procura di Firenze di emettere provvedimenti di perquisizione informatica a carico di tutti i 31 utilizzatori degli account individuati in ambito regionale. "Le sofisticate tecniche di analisi utilizzate dagli investigatori del C.O.S.C. della Polizia Postale per la "Toscana" sui dispositivi informatici sequestrati agli indagati - sottolineano gli inquirenti - hanno consentito di accertare che molti di loro si servivano della navigazione anonima su internet per non essere rintracciati. Il materiale illecito scaricato da internet veniva catalogato in base alla tipologia, per poter essere rapidamente individuato, per soddisfare il desiderio del momento o per condividerlo con altri utenti". Ulteriore tratto comune è dato "dallo svolgimento di attività lavorativa o extra-lavorativa che consentiva contatti quotidiani con bambini in tenera età. Ad esempio, uno degli arrestati era autista di scuolabus, un altro catechista, mentre altri due avevano rapporti con figli o parenti di fascia di età tra 1 e 8 anni". Per cinque degli indagati, "oltre alla gravità del fatto, desumibile dalla detenzione di migliaia di immagini e video raffiguranti bambini, anche in tenera età, coinvolti in atti sessuali con adulti o con altri minori, oltre che in atti di autoerotismo", è stata accertata anche la pericolosità, in quanto, concludono gli inquirenti, "stabilmente dediti alla raccolta e allo scambio di materiale pornografico realizzato con l'impiego di minori degli anni 18". - foto ufficio stampa Polizia di Stato - (ITALPRESS).

  • Il Napoli non si ferma più, battuta 2-1 la Roma
    by Redazione on 29 Gennaio 2023 at 21:01

    NAPOLI (ITALPRESS) - Il Napoli batte la Roma 2-1 in casa grazie ai gol di Osimhen e Simeone e vola in fuga a +13 sull'Inter, seconda nella classifica della Serie A. La rete del momentaneo 1-1 di El Shaarawy illude i giallorossi ma nel finale è l'argentino ex Verona a regalare i tre punti agli uomini di Spalletti. Dopo il forfait con la Salernitana, il tecnico di Certaldo ritrova Kvaratskhelia dal primo minuto. Il neo sessantenne Mourinho deve invece fare a meno dello squalificato Celik e torna a schierare dall'inizio Spinazzola, a tre mesi dall'ultima volta, il 23 ottobre in occasione proprio del match di andata con i partenopei. Rispetto a quel primo confronto, però, i giallorossi, orfani oggi anche del "dissidente" Zaniolo, sono andati più vicini a fare punti. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto per quanto visto nei 90 minuti di gioco.Il primo squillo è di Kvaratskhelia, al 5': solito movimento dentro al campo e conclusione sul primo palo, Rui Patricio è attento. Al 12' però il Napoli rischia di combinarla grossa: su uno spiovente di Pellegrini, Kim non sente l'uscita di Meret e tenta un retropassaggio di testa che non si tramuta in autorete per una questione di centimetri.A scacciare la paura ci pensa il solito duo: al 17' Kvaratskhelia, liberato da Mario Rui, crossa in area, Osimhen stoppa col petto in mezzo a Ibanez e Spinazzola e, dopo un controllo di coscia, scarica un missile sotto la traversa per l'1-0 azzurro. Nel recupero del primo tempo la Roma va vicina al gol: dopo un recupero alto di Dybala, Pellegrini scarica per Spinazzola ma sul tiro dell'esterno giallorosso c'è la risposta di Meret in angolo. All'intervallo Mourinho cambia proprio il terzino della Nazionale e si gioca la carta El Shaarawy. Doppia occasione per la Roma al 62'. Prima su calcio d'angolo, con Cristante che di testa sul primo palo chiama il miracolo di Meret. Poi, nella stessa azione, Ibanez calcia a botta sicura ma Di Lorenzo si immola. Sul ribaltamento di fronte il Napoli arriva al tiro in ripartenza tre contro due: Lozano è egoista e calcia dal limite, Rui Patricio alza in corner. Al 73' Abraham si ferma per infortunio muscolare e scatta il turno di Belotti. E due minuti dopo arriva il pareggio con la firma di El Shaarawy: Zalewski crossa dal lato opposto, l'esterno italoegiziano scappa a Lozano e mette in rete in caduta. Anche Spalletti però indovina il cambio. Ed è Simeone a regalare i tre punti all'86': stop a seguire in area e conclusione col mancino all'incrocio. E il Napoli vola sempre più in vetta alla classifica.- foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).