Reintegro dipendenti Srr, pubblicate le motivazioni della sentenza

  • In MAZARA
  • 29 Luglio 2021
  • 169 Views
Reintegro dipendenti Srr, pubblicate le motivazioni della sentenza

Nessuna prova certa è stata fornita dalla Srr Trapani Provincia Sud che comprovasse la diretta responsabilità dei tre dipendenti a suo tempo licenziati

Nessuna prova certa è stata fornita dalla Srr Trapani Provincia Sud che comprovasse la diretta responsabilità dei tre dipendenti a suo tempo licenziati con l’accusa di avere inserito nel gestionale sulla Tari dei pagamenti mai effettivamente eseguiti, pagamenti che avrebbero riguardato la loro posizione tributaria. Ovvero, gli elementi  presentati dalla società a fondamento del licenziamento sono stati ritenuti dal giudice del lavoro del tribunale di Sciacca assolutamente insufficienti a giustificare un tale provvedimento. E nelle 15 pagine delle motivazioni contenute nella sentenza si smontano punto per punto tutte le accuse poste in essere nei confronti dei tre dipendenti, con una ricostruzione alquanto puntuale e meticolosa da parte del giudice che fissa in alcuni suoi passaggi essenziali e determinanti alcuni tratti di una vicenda che in verità, sin dal suo nascere, anche al più disattento osservatore, era apparsa alquanto paradossale. Del resto, come scrive il giudice del lavoro, e così com’è emerso nel corso del processo e così come hanno affermato in aula gli stessi rappresentanti del comune mazarese, erano non solo quei tre dipendenti ad avere le password per potere entrare all’interno del sistema gestionale, ma quelle password erano nella diponibilità di altri dipendenti. E’ emerso anche che chiunque avrebbe potuto entrare nel sistema ed operare per così dire su posizioni altrui. Financo la stessa perizia tecnica di parte operata dalla Delisa ha confermato che non era possibile verificare con certezza la paternità delle operazioni in questione, perizia informatica tra l’altro effettuata solamente nei confronti di Vito Di Giovanni, Castelli e Impastato e non anche nei confronti di altre persone.(riproduzione riservata)