Scrive un cittadino: “Mazara mia, non ti riconosco più”

Scrive un cittadino: “Mazara mia, non ti riconosco più”

Altra lettera alla nostra redazione dopo quella del turista toscano

Dopo il turista toscano venuto in vacanza a Mazara, un altro cittadino scrive alla nostra redazione. Un palermitano in pensione che da anni passa le vacanze nella città del Satiro. Ecco cosa pensa della situazione attuale a Mazara:

“Sono appena rientrato a Palermo , dopo le mie consuete vacanze a Mazara ; da 6 anni ormai , da pensionato felice, dal 5 al 30 luglio sono a Mazara in un luogo che amo con tutto me stesso.
Che tristezza però notare come questa città sia ormai abbandonata a se stessa. Mi hanno raggiunto nel fine settimana amici palermitani e si chiedevano cosa sia successo a questa perla del Mediterraneo.
Mazara non è stata mai cosi sporca , all’entrata della circonvallazione lo scempio mi si è presentato davanti agli occhi e lo spettacolo è continuato sino ad arrivare allo slargo (pieno di spazzatura , di insegne cadute su quel terreno e non tolte) di fronte ad un mobilificio ( ma nessuno ha mai pensato di far diventare quel triangolo un’area verde con fiorellini e piante ?), dulcis in fundo la Viale Africa , importante via di comunicazione che porta al lungomare e che in passato era sempre stata pulita e curata era piena di spazzatura ed erbaccia . Ho raggiunto i miei parenti che hanno casa al lungomare con una rabbia e tristezza infinita .
Mi aspettavo di ritrovare almeno quest’anno quell’allegro trenino che permetteva di spostarsi(visto che a Mazara non esistono mezzi pubblici) e di rendere Mazara una città più turistica ,ma mi dicono che questa amministrazione non l’ha voluto.
Nel pomeriggio il senso di frustrazione non mi abbandonava e ho fatto un giro nel vecchio un quartiere arabo un tempo meta di turisti , grazie all’opera di riqualificazione del centro storico , ma ho trovato solo tante saracinesche abbassate e tanta desolazione.
L’indomani mattina ho raggiunto la spiaggia di San Vito e anche lì la spazzatura era la protagonista principale.
Degli amici milanesi volevano trascorrere le ferie a Mazara, ma credo sia il caso di dissuaderli , non mi pare sia proprio il caso mostrare loro il degrado in cui versa l’ amata città che ha dato i natali ai miei nonni.
Ho girato il mondo nei miei 69 anni di vita e continuo a ribadire che Mazara del Vallo per clima , spiagge, mare, cucina, arte dovrebbe vivere di turismo . I nostri giovani non avrebbero bisogno di abbandonare l’isola se, come in altre realtà , le spiagge fossero fruibili da maggio a ottobre , se si tornasse a puntare sul centro storico , se si prestasse attenzione alla pulizia delle strade , se l’ufficiale sanitario controllasse i bagni dei vari bar e intervenisse pesantemente quando questi mancano di minime condizioni igieniche, se i vari ristoratori non guardassero ai turisti come a polli da spellare ma come a una fonte di guadagno anche per gli anni futuri, se i gestori tenessero personale in grado di servire i clienti masticando un minimo di inglese, se i tavolini fossero puliti tempestivamente dopo un cambio cliente , se i negozi per lo shopping fossero aperti nelle ore serali ( e invece chiudono addirittura con saracinesca e tengono luci spente), se si investisse in cultura, sport , spettacolo.
Ricordo la Mazara che ha ospitato artisti del calibro di Tiziano Ferro, Claudio Baglioni, Antonello Venditti, I Pooh, Francesco de Gregori. Adesso nemmeno una kermesse popolare .
Cefalù, Taormina,Marzamemi e 1000 altre località hanno capito come operare e le entrate economiche sono da capogiro. Perché non attivare cuore e cervello e lavorare in quella direzione?
In Settembre andrò ,come ogni anno , a Tropea dai suoceri ma lì è un’altra storia , i lidi sono funzionanti sino ad ottobre inoltrato e le spiagge vengono regolarmente pulite anche in Settembre, amici tedeschi mi hanno chiesto se dal 15 al 30 settembre a Mazara troveranno spiagge pulite e lidi funzionanti nella zona della spiaggia di San Vito , che dire ? Che troveranno giornate fantastiche di sole ma che qui ai primi di settembre si smonta tutto e non si pulisce più la spiaggia perché non si vuole investire sul turismo?
Tornerò la prossima estate e chissà io non possa ritrovare la mia Mazara bella , pulita e vestita a festa”.

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • La Roma batte il Feyenoord e vince la Conference League
    by Redazione on 25 Maggio 2022 at 19:06

    TIRANA (ALBANIA) (ITALPRESS) - Fa festa la Roma, che grazie a una rete di Zaniolo nel primo tempo supera in finale il Feyenoord per 1-0 conquistando così la prima Conference League della storia. E dire che le cose non erano iniziate bene, con Mourinho che al quarto d'ora deve già rinunciare al rientrante Mkhitaryan a causa di un nuovo guaio muscolare. Dopo una prima mezz'ora quasi soporifera, i giallorossi sbloccano il match al 32'. Mancini effettua un lancio millimetrico che scavalca la testa di Trauner e trova Zaniolo, che con un dolce tocco mancino supera Bijlow in uscita firmando l'1-0. Sarà il gol partita. In avvio di ripresa partono però meglio gli olandesi. Al 2', Mancini colpisce il palo della porta difesa da Rui Patricio nel tentativo di anticipare Trauner e sul rimpallo è Til a calciare con il destro, ma il portiere portoghese è attento e salva in corner. Rui Patricio è ancora decisivo al 5', quando devia prima sul palo e poi in angolo un bel sinistro dal limite di Malacia. Due minuti dopo, sul fronte opposto, Abraham viene prima smarcato da un disastroso Trauner e poi trattenuto da Senesi, ma l'arbitro non fischia. Pellegrini e compagni resistono alle sfuriate iniziali degli avversari e tornano a guadagnare metri. Al 28' è il neo entrato Veretout a provarci dal limite con un destro velenoso che costringe Bijlow alla parata in tuffo. Al 41' è invece Pellegrini a concludere con il sinistro, ma Bijlow para in tuffo. Nel finale, il Feyenoord non riuscirà più a impensierire Rui Patricio e il risultato non cambierà più. Al triplice fischio dell'arbitro può scattare la festa per la Roma, che può così alzare al cielo il tanto ambito trofeo. Mourinho diventa così il terzo allenatore a vincere almeno una volta tutte e 3 le coppe continentali in carriera dopo Trapattoni e Lattek. L'Italia, invece, torna a sollevare un trofeo europeo a 12 anni di distanza dall'ultima volta.- foto Image -(ITALPRESS).

  • Nuova MC20 Cielo, la super sportiva Maserati diventa spyder
    by Redazione on 25 Maggio 2022 at 16:36

    MODENA (ITALPRESS) - La super sportiva MC20 adesso è anche spyder. Maserati, infatti, presenta MC20 Cielo, una vettura unica nel suo genere, capace di esprimere le performance da vera supersportiva, unite ad un piacere di guida olistico ed immersivo, come mai prima d'ora. MC20 Cielo rivela le sue peculiarità già dal nome: MC è l'acronimo di Maserati Corse; 20 fa riferimento al 2020, anno in cui è iniziata la nuova Era del Brand; Cielo sottolinea che si tratta di un modello votato al piacere di guida "open air", pur mantenendo tutte le prerogative della coupè.Equipaggiata con il rivoluzionario motore V6 Nettuno, la Cielo offre un perfetto mix di sportività e lusso grazie ad un dettaglio unico nel segmento: l'innovativo tetto in vetro retrattile. La nuova spyder è, infatti, l'incontro tra l'audacia Maserati e l'infinità del cielo, caratterizzata dal particolare "sky feeling".Il modello è dotato di un vetro elettrocromatico all'avanguardia, che con il solo tocco di un tasto touch sullo schermo centrale, si trasforma istantaneamente da trasparente a opaco, grazie alla tecnologia PDLC (Polymer Dispersed Liquid Crystal). Il tetto è best in class anche per isolamento termico e per velocità di apertura e chiusura (soli 12 secondi).Grazie a questa massima espressione di tecnologia, MC20 Cielo regala una esperienza di guida multisensoriale: è totalizzante con il tetto chiuso ed opaco, unica nella luce all'interno dell'abitacolo grazie al tetto trasparente e olistica con il tetto aperto. Sviluppata presso il Maserati Innovation Lab e prodotta nello storico stabilimento di Viale Ciro Menotti, la spyder è 100% made in Italy e 100% made in Modena, come la versione coupè. MC20 Cielo è progettata per la perfezione. Infatti, pesa appena 65 kg in più rispetto alla coupè, grazie a un meticoloso e preciso lavoro in fase progettuale della vettura. Oltre all'ottimo rapporto peso-potenza, il telaio in carbonio (lo stesso per tutte le tre configurazioni previste. Coupè, spyder e futura versione elettrica) garantisce, inoltre, una rigidità torsionale senza compromessi che permette di coniugare una guidabilità straordinaria in strada e in pista. La nuova spyder è una vettura dal design elegante e sportivo al tempo stesso. Ha un carattere e una personalità che non passano inosservate grazie alla purezza delle sue forme e all'aerodinamica raffinata studiata a 360° in galleria del vento, sia quando il tetto è aperto, sia quando è chiuso. Nel design non c'è nulla di superfluo, tutto è funzionale.L'unica concessione ad un effetto sorpresa sono le porte Butterfly, come per la supersportiva MC20.La portiera "a farfalla" permette un'entrata e un'uscita dall'abitacolo molto più comoda e confortevole, ma nello stesso tempo consente di ammirare il cockpit in carbonio e la ruota anteriore completamente libera. Dal punto di vista estetico la versione di lancio è caratterizzata da un nuovo colore tri-strato metallizzato denominato Acquamarina, disponibile all'interno del programma di personalizzazione Maserati Fuoriserie.Un colore che interagisce con la luce, svelandosi in modo sorprendente. La base è un grigio pastello di ispirazione racing, che richiama il DNA sportivo di MC20, al quale viene però accostata una mica cangiante acquamarina capace di rendere la tonalità viva ed eccezionale. Il nuovo modello aggiunge anche numerosi Sistemi di Sicurezza Attivi. Oltre ai sensori di parcheggio, alla camera posteriore e al blind spot monitoring già presenti su MC20 dal MY22, sulla spyder vengono introdotte l'autonomous emergency brake, il traffic sign information e una nuova camera a 360°. MC20 Cielo è dotata di un sistema optional audio High Premium Sonus faber. Il sistema di MC20 coupè, vincitore del premio EISA come miglior impianto audio in-car 21-22, è stato ottimizzato ad hoc per l'abitacolo della spyder sia nell'acustica che nel posizionamento dei suoi 12 speakers per offrire il caratteristico Natural Sound che contraddistingue gli impianti audio Sonus faber.Infine, l'esperienza a bordo è gestita dal sistema Multimediale MIA (Maserati Intelligent Assistant), e da Maserati Connect. - foto ufficio stampa Maserati -(ITALPRESS).

  • Fognini si ritira al secondo turno al Roland Garros
    by Redazione on 25 Maggio 2022 at 15:21

    PARIGI (FRANCIA) (ITALPRESS) - Fabio Fognini è stato costretto al ritiro durante il match di secondo turno del Roland Garros maschile, secondo Slam stagionale in corso sulla terra rossa parigina. Il 35enne di Arma di Taggia, n.51 Atp, dopo aver regolato in tre set all'esordio l'australiano Alexei Popyrin, n.102 del ranking, ha dato il via libera all'olandese Botic Van der Zandschulp, n.29 Atp e 26esima testa di serie, lasciando il campo sul 6-4 7-6(2) 3-2 in favore del suo avversario, dopo due ore e 1 minuto di partita. L'azzurro è rimasto vittima di un problema muscolare al polpaccio destro durante il secondo parziale e, nonostante l'intervento del terapista ed una fasciatura, non è più riuscito a muoversi in scioltezza, ritirandosi così nel terzo set. Il tennista ligure, che ha festeggiato il compleanno martedì, giocava il Roland Garros per la 15esima volta, vantando come miglior risultato i quarti del 2011, quando non potè nemmeno scendere in campo contro Novak Djokovic perchè infortunato (ha raggiunto poi gli ottavi nel 2018 e nel 2019, l'anno dell'ingresso in top ten).- foto Image - (ITALPRESS).

  • Ucraina, per un italiano su tre il nostro Paese è in guerra
    by Redazione on 25 Maggio 2022 at 14:26

    ROMA (ITALPRESS) - Sono passati ormai tre mesi dall'inizio di quella che doveva essere, nelle -sole- intenzioni della Russia, un'operazione militare lampo e che, invece, si è trasformata in una vera e propria guerra. Ad oggi, dopo 90 giorni di combattimenti in terra Ucraina, poco più della metà degli italiani (56,2%) non si ritiene coinvolto direttamente in questo conflitto e ritiene che il nostro Paese non sia in guerra. Una percezione che si fa ancora più forte nella fascia di popolazione più giovane. E' importante evidenziare, però, come 1 italiano su 3, soprattutto a causa dell'invio di armi all'Ucraina, ritiene l'Italia praticamente in guerra (34,6%). Le conseguenze di questo scontro si sono registrate anche a livello economico con un aumento generale dei prezzi e, in particolare, di gas e petrolio, con un rischio concreto di una prossima crisi energetica che potrebbe investire tutta l'Europa. Per affrontare questo problema, quindi, poco più di 1/3 degli italiani, ritiene necessaria l'implementazione di strategie prese in accordo tra la maggioranza degli stati membri, mentre per 1 su 4, per renderli efficaci, questi accordi dovranno essere presi all'unanimità.Dati Euromedia Research - Realizzato il 24/05/2022 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne(ITALPRESS).

  • Buitrago vince la 17^ tappa del Giro, Carapaz resta in rosa
    by Redazione on 25 Maggio 2022 at 13:41

    LAVARONE (ITALPRESS) - Santiago Buitrago Sanchez vince la diciassettesima tappa del Giro d'Italia 2022, la Ponte di Legno-Lavarone, di 168 chilometri. Il 22enne corridore colombiano della Bahrain Victorius riesce a staccare l'olandese Gijs Leemreize (Jumbo-Visma) a pochi chilometri dal traguardo e a trionfare. Completa il podio il ceco Jan Hirt (Intermarchè-Wanty-Gobert Materiaux). L'ecuadoriano Richard Carapaz (Ineos-Grenadiers), arrivato davanti a Jai Hindley e Mikel Landa, mantiene la maglia rosa di leader della classifica generale. Distacchi dal gruppo dei primi sia per Vincenzo Nibali che per Joao Almeida. Da segnalare il ritiro durante la frazione di Simon Yates: il britannico della BikeExchange, vincitore della cronometro di Budapest, ha abbondato la corsa mentre occupava il ventunesimo posto nella generale. Prossimo appuntamento domani con la diciottesima tappa, la Borgo Valsugana-Treviso, di 156 chilometri. - foto LivePhotoSport -(ITALPRESS).