Stangata Tari, la giunta Quinci mette una pezza anche per le utenze domestiche

Stangata Tari, la giunta Quinci mette una pezza anche per le utenze domestiche

La giunta ha dato il via libera alle agevolazioni per le utenze non domestiche con l’abbattimento della quota variabile del tributo

Dopo la “rivolta” dei cittadini mazaresi contro la stangata Tari per il 2021 approvata dall’amministrazione comunale del sindaco Salvatore Quinci, a Palazzo dei Carmelitani si sta cercando di mettere una pezza al sontuoso aumento della tariffa rifiuti rispetto al 2020, con aumenti medi del 70-80% e anche di più. Nei giorni scorsi la giunta comunale, su proposta dell’assessore Giacomo Mauro, ha dato il via libera alle agevolazioni per le utenze non domestiche con l’abbattimento della quota variabile del tributo. Adesso, l’amministrazione comunale ha deciso di ridurre la Tari anche per le utenze domestiche. In che modo? Attraverso un abbattimento della quota variabile in base all’Isee familiare. Nel dettaglio, la giunta proporrà al consiglio comunale una modifica al regolamento che prevede un abbattimento dell’80% della quota variabile per le famiglie con Isee inferiore a tremila euro, un abbattimento del 70% per le famiglie con Isee compreso tra tremila e seimila euro e, infine, un abbattimento del 40% per le famiglie con Isee compreso tra seimila e 12 mila euro. Le entrate minori derivanti da tale riduzione o agevolazione il comune le prenderà dal cosiddetto fondo di solidarietà alimentare del decreto Sostegni Bis. Per ottenere tale agevolazione si dovrà fare apposita domanda. Per i dettagli bisognerà attendere il relativo avviso pubblico.(riproduzione riservata)