Coronavirus, il Sindaco di Petrosino Giacalone fa il punto della situazione

Coronavirus, il Sindaco di Petrosino Giacalone fa il punto della situazione

Il Comune di Petrosino ha partecipato alla riunione di stamattina tenutasi in Prefettura

Il Comune di Petrosino ha preso parte stamattina in Prefettura, a Trapani, allincontro convocato dal Prefetto per fare il punto della situazione sul Coronavirus alla luce del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministrifirmato ieri sera. Ecco di seguito le dichiarazioni del Sindaco Gaspare Giacalone. 

Cari cittadini, vi aggiorno sull’incontro che stamattina abbiamo avuto in Prefettura assieme agli altri Sindaci dei Comuni della provincia di Trapani sulla situazione Coronavirus. Alla luce del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri firmato ieri sera sono sostanzialmente sospese sul territorio comunale tutte le attività pubbliche e private che prevedono presenza di pubblico o persone, come convegni, congressi, riunioni pubbliche, eventi e manifestazioni. Per i riti religiosi, invece, si possono celebrare le funzioni in forma privata che non prevedano assembramento eccessivo di pubblico. E comunque seguendo le cautele igieniche sanitarie già note. Allo stesso tempo ho predisposto la sanificazione di tutti gli edifici scolastici e degli edifici pubblici, nonché dei mezzi di trasporto scolastico, che verrà eseguita la prossima settimana. I servizi comunali continueranno aessere erogati regolarmente, allo stesso modo il ricevimento dal pubblico da parte degli uffici comunali. Contemporaneamente ho dato disposizioni ai dirigenti del comune di incoraggiare, laddove è possibile e senza causare inconvenienti per la cittadinanza, il lavoro remoto per i nostri dipendenti. Ricordo di osservare tutte le norme comportamentali e igienico-sanitarie consigliate dal Ministero della Salute che vi allego. Aggiungo che non sarà tollerata qualsiasi forma di discriminazione o emarginazione, alimentando infondati sospetti di contagio su singolo e gruppi di persone. Fino a prova contraria nessuno può limitare le libertà deglialtri, farlo sarebbe un reato grave. Sarà severamente vietata e perseguita a norma di legge la diffusione di notizie false che procurino allarme infondato tra la popolazione. Pertanto, invito tutta la cittadinanza ad affrontare questo difficile momento con cautela, buon senso e scrupolo. Dobbiamo restare uniti senza allarmismi inutili. L’Italia si rialzerà, ognuno faccia la propria parte.

Comunicato stampa