Ponte Arena, lettera del consigliere comunale Randazzo

Ponte Arena, lettera del consigliere comunale Randazzo

Il consigliere Randazzo ha scritto al presidente Musumeci e al sindaco Quinci

La Politica nasce e si candida ad amministrare una comunità con lo scopo di migliorare le condizioni di vita di ogni singolo cittadino. Essa ha l’obbligo morale, in virtù del mandato affidatagli dal corpo elettorale, di ascoltare le esigenze della comunità che si governa , a maggior ragione se “legittime”, e di dare le adeguate risposte ai problemi senza nascondersi dietro il “gioco” delle responsabilità e delle competenze.

Non è tollerabile assistere a ciò che sta accadendo a Mazara del Vallo, centinaia di famiglie alle quali è stato negato di “vivere” la propria Città perché separati dalla chiusura del Ponte di C.da Bocca Arena per via di unprovvedimento del Commissario del Libero Consorzio comunale di Trapani Dott. Cerami. Si è in attesa dei lavori di manutenzione ordinaria programmati da anni e che forse partiranno a breve come se quello che è

accaduto fosse ordinarietà e non un evento “straordinario”, dati i disagi di queste famiglie costretti ad un percorso alternativo lungo una decina di km in mezzo a strade di campagna dissestate , senza illuminazione e con nemmeno l’ombra della decenza di un Paese civile. Può la Politica limitarsi ad ascoltare il disagio delle

assemblee aperte organizzate dai residenti ? Può un qualsiasi amministratore arrendersi alla burocrazia ottenendo un debole e timido impegno dell’impresa aggiudicataria ad effettuare i lavori anche con turni notturni senza alcun contratto o provvedimento che li obbliga ad andare oltre i termini contrattuali dettati dall’appalto ? Credo che tutto questo vada contro la ragione stessa dell’esistenza della Politica. Il Libero Consorzio di Trapani “commissariato” non può affrontare un problema di tale portata con il “ritmo”

dell’ordinarietà e il Comune di Mazara del Vallo non può limitarsi all’ascolto del disagio della popolazione.

Per queste ragioni, pur nutrendo forti “dubbi” circa le motivazioni tecniche, i tempi di chiusura e

l’incompatibilità tra lavori di manutenzione e parziale percorribilità dello stesso, si chiede al Presidente

della Regione Siciliana On. Nello Musumeci:

1. L’immediata rimozione del Commissario straordinario attuale;

2. Che il Libero Consorzio comunale con “somma urgenza” provveda urgentemente alla messa in

sicurezza del Ponte al fine di un immediata riapertura in quanto il rispetto della tempistica ordinaria

non è compatibile con le esigenze del territorio e della cittadinanza;

Altresì si chiede al Sindaco di Mazara del Vallo Dott. Salvatore Quinci:

1. Provvedimenti di somma urgenza per la messa in sicurezza delle arterie di competenza del Comune;

2. L’immediata convocazione di tutte le imprese locali che si occupano di trasporti di persone, i titolari

di Licenza TAXI e NCC, al fine di dotare di giusti collegamenti il quartiere di Bocca Arena e il resto

della Città riducendo al minimo il traffico veicolare;

3. Di farsi “politicamente” carico di una responsabilità che è regionale (data l’abolizione delle

Province) , ma che ha chiari riferimenti politici nella nostra Città e nello specifico nella Sua Giunta

comunale;

IL CONSIGLIERE COMUNALE

 Giorgio Randazzo