Coronavirus, a Mazara il primo caso di variante sudafricana

Coronavirus, a Mazara il primo caso di variante sudafricana

Lo ha reso noto il sindaco Quinci

«In questi giorni è stato riscontrato nella nostra città il primo caso in Sicilia di variante sudafricana. Una mutazione pericolosa del virus la cui presenza nei nostri territori deve metterci in allarme in quanto può mettere a repentaglio tutti i sacrifici fatti in questi mesi. Siamo contenti di essere passati in zona gialla e di riassaporare un po’ di libertà. Essere in zona gialla però, non significa poter fare quello che vogliamo. I nostri comportamenti devono essere responsabili e corretti, e occorre evitare passi indietro nella lotta al Virus. Dobbiamo provare a convivere con il virus e l’unico modo per farlo è rispettando le regole. Usiamo la mascherina ovunque siamo e ovunque andiamo, manteniamo le distanze, evitiamo baci ed abbracci e usiamo il gel per le mani. Faccio appello al senso di responsabilità di ciascuno di voi, agli adulti, ai tanti giovani che in questi giorni stanno ritrovando il più che legittimo gusto delle relazioni e dello stare assieme. Tutti noi possiamo ammalarci ed essere potenziale veicolo di contagio. Ognuno di noi è chiamato a fare il proprio dovere individualmente e in gruppo. So bene che abbiamo tutti bisogno di tornare a vivere, a lavorare, ad avere relazioni sociali vere, ma se non faremo tesoro dell’esperienza fatta e prenderemo questa fascia gialla come un “liberi tutti”, questo traguardo sarà più difficile da raggiungere».

Lo dichiara il Sindaco Salvatore Quinci, in merito al primo caso in Sicilia di variante sudafricana riscontrato a Mazara del Vallo.

comunicato stampa