Politica, Galvagno eletto presidente dell’Ars

Politica, Galvagno eletto presidente dell’Ars

Si apre la 18^ legislatura

Gaetano Galvagno è il nuovo presidente dell’Ars. Il neo presidente è stato eletto alla seconda votazione, che si è tenuta oggi, seduta d’insediamento, con 43 voti.«Al nuovo presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gaetano Galvagno, vanno le mie congratulazioni e felicitazioni nella convinzione che saprà gestire i lavori d’aula con equilibrio e imparzialità. Sono certo che lavoreremo insieme nell’esclusivo interesse della Sicilia e dei siciliani». Lo dice il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani.

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • E’ morto Nick Bollettieri, il maestro di Agassi e Seles
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 09:51

    ROMA (ITALPRESS) - E' morto Nick Bollettieri. Lo storico allenatore di tennis statunitense, figlio di immigrati italo-americani, fondatore della "Nick Bollettieri Tennis Academy" (Nbta), è scomparso all'età di 91 anni. Nella sua lunga carriera ha "cresciuto" diversi grandi campioni. Fra questi una ventina circa sono arrivati ai vertici delle classifiche mondiali sia Atp che Wta. Si ricordano, passati per periodi più o meno lunghi nella sua Academy: Agassi, Becker, Courier, Sampras e Rios tra gli uomini; Capriati, Seles, Jankovic, Hingis, Sharapova e le sorelle Venus e Serena Williams tra le donne.A metà novembre la figlia Angelique Anne, sui social, aveva scritto: "Papà è prossimo al passaggio a un altro luogo. Vi prego di tenerlo nei vostri pensieri per una partenza serena e un viaggio meraviglioso. Ti vogliamo bene papà".Fra i primi a salutare, via web, Bollettieri è stato il tedesco Tommy Haas: "Grazie per il tempo, la conoscenza, l'impegno, la competenza, la disponibilità e l'aver condiviso le tue capacità".- foto Image -(ITALPRESS).

  • Le figlie “Pelé è in cura, non è a rischio”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 09:51

    SAN PAOLO (BRASILE) (ITALPRESS) - Pelé "è in cura, non è a rischio". A rassicurare i tanti tifosi di O Rei, sparsi in Brasile e nel resto del Mondo, ci hanno pensato due delle sue figlie, che hanno smentito le notizie allarmanti circa le condizioni fisiche del padre. "E' malato, è anziano, al momento è ricoverato in ospedale per un'infezione polmonare. Quando starà meglio tornerà a casa", ha dichiarato Kely Nascimento, ai microfoni del canale tv Globo. "Papà non è nel reparto di terapia intensiva: si trova in una stanza normale. E' in cura, non è a rischio", ha spiegato poi la sorella Flavia Arantes. Tanto il bollettino medico diffuso sabato dall'ospedale Albert Einstein, quanto ora due sue figlie hanno, quindi, smontato la notizia diffusa dal quotidiano "Folha de Sao Paulo", che aveva parlato di un Pelé che non rispondeva più al trattamento chemioterapico, trasferito nel reparto di terapia intensiva e sottoposto a curve palliative. - foto Image - (ITALPRESS).

  • Gestionali nelle Pmi italiane, una crescita decisa
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 08:50

    MILANO (ITALPRESS) - Il 93% delle PMI italiane ha adottato almeno un software gestionale. Questo ha fatto crescere il settore del 16% a raggiungere i 20 miliardi di euro di fatturato. Lo afferma la ricerca "Il software gestionale in Italia: il percorso di trasformazione di PMI e PA" a cura degli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con AssoSoftware.Il dato è ampiamente positivo perchè certifica come le PMI nostrane abbiano compreso l'importanza dell'adozione di strumenti digitali a supporto dei processi industriali e organizzativi, oggi sempre più integrati nell'ottica dell'interconnessione dei dati.Molti però sono ancora i freni culturali alla completa maturazione delle competenze digitali sia in ambito PMI, come anche nella PA.Proprio in quest'ottica, Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia ha sviluppato un nuovo modulo del suo gestionale principe, Arca EVOLUTION, partendo proprio dalla semplicità d'uso e universalità di adozione offrendo alla platea delle PMI uno strumento ideale anche nell'alveo di Industry 4.0.Il nuovo modulo consente il dialogo automatizzato a due vie tra il gestionale e le macchine o gli impianti di produzione e logistici. L'automatizzazione del dialogo tra macchinari di produzione o impianti di movimentazione e stoccaggio con il gestionale è un passo avanti nell'ottimizzazione dell'industria manifatturiera e della logistica. Velocità, precisione e completezza sono le prerogative che la nuova soluzione apporta al processo di dialogo tra l'ERP Arca EVOLUTION e la produzione generalmente intesa.Industry 4.0 basa i suoi principi sulla propensione dell'automazione industriale ad inserire nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro, creare nuovi modelli di business, aumentare la produttività degli impianti e migliorare la qualità dei prodotti. L'innovativo modulo di Arca Evolution, grazie alla automatizzazione del dialogo da e verso il gestionale, si inserisce nell'architettura produttiva 4.0 e contribuisce all'approvvigionamento dei dati che, una volta analizzati ed elaborati, rendono possibile il miglioramento e la velocizzazione dei processi. Pierfrancesco Angeleri, Managing Director di Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia, commenta la presentazione di questa innovazione tecnologica sottolineando l'attenzione dell'azienda al mondo della produzione industriale: "La trasformazione digitale è un processo continuo ed inarrestabile nelle strutture produttive e logistiche del nostro Paese. Industry 4.0 riflette le logiche e le necessità di digitalizzazione dei processi e Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia, già ben presente con il suo ERP Arca EVOLUTION, fa compiere un ulteriore passo in avanti alla logica del dialogo digitale e alla necessità di automatizzare scambi che solo poco tempo fa erano manuali. L'efficienza operativa si ottiene anche attraverso l'acquisizione automatizzata dei dati che emergono dall'interconnessione di macchine e impianti di produzione e il sistema gestionale. Il mondo dei dati, che Arca EVOLUTION contribuisce a gestire, segna sempre più il progresso valoriale del mondo produttivo".-foto ufficio stampa Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia -(ITALPRESS).

  • Ucraina, Papa Francesco “Con la guerra siamo tutti sconfitti”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 08:35

    ROMA (ITALPRESS) - "La guerra in Ucraina, già alla vigilia del suo inizio, ha interrogato ciascuno di noi. Perchè è arrivato l'orrore di questo conflitto insensato e blasfemo, come lo è ogni guerra? Possiamo parlare con sicurezza di una guerra giusta? Possiamo parlare con sicurezza di una guerra santa? A quante altre tragedie dovremo assistere prima che tutti coloro che sono coinvolti in ogni guerra comprendano che questa è unicamente una strada di morte che illude soltanto alcuni di essere i vincitori? Perchè sia chiaro: con la guerra siamo tutti sconfitti. Anche coloro che non vi hanno preso parte e che, nell'indifferenza vigliacca, sono rimasti a guardare questo orrore senza intervenire per portare la pace. Tutti noi, in qualsiasi ruolo, abbiamo il dovere di essere uomini di pace. Nessuno escluso". Così Papa Francesco nell'introduzione al libro "Un'enciclica sulla pace in Ucraina", di cui il Corriere della Sera pubblica uno stralcio. "Mentre continuiamo a pregare insistentemente per la pace in Ucraina, non dobbiamo abituarci a questa come a nessun'altra guerra. Non dobbiamo, per nessuna ragione al mondo, assuefarci davanti a tutto ciò, quasi dando per scontata questa terza guerra mondiale a pezzi che è drammaticamente diventata, sotto i nostri occhi, una terza guerra mondiale totale. Preghiamo per la pace! Lavoriamo per la pace!", conclude il Santo Padre. (ITALPRESS). -foto-agenziafotogramma.it-

  • Covid, Schillaci “Non rimetteremo l’obbligo vaccinale”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 07:20

    ROMA (ITALPRESS) - "Non ho mai messo in dubbio l'utilità dei vaccini nè ho mai detto che andasse tolto l'obbligo delle mascherine negli ospedali. Sono medico e uomo di grande prudenza. Negli ultimi tre anni si è parlato solo di Covid, perchè il virus ha sconvolto il mondo. Oggi però l'epidemia è cambiata. Si dovrebbe iniziare a parlare di Covid 23 anzichè di Covid 19, per far capire a tutti che ormai la malattia è profondamente diversa da quella originaria. La forma attuale è meno aggressiva e sappiamo curare meglio. Le epidemie durano due-tre anni, è sempre andata così nella storia, con o senza vaccini, come avvenuto cento anni fa per l'influenza spagnola. Spero che con la prossima primavera ce la lasceremo alle spalle. La situazione negli ospedali e nelle terapie intensive è sotto controllo". Così, in un'intervista a a Libero, il ministro della Salute Orazio Schillaci. Quanto alla sentenza della Corte Costituzionale sulla legittimità dell'obbligo vaccinale, il ministro osserva: "Rispetto le sentenze. In realtà l'obbligo era terminato per quasi tutte le categorie nello scorso mese di giugno, quando era cessato lo stato d'emergenza, e sarebbe scaduto per il personale sanitario il prossimo 31 dicembre. Noi abbiamo anticipato al primo novembre questa scadenza. Il presidente Meloni ha sempre detto di essere contraria all'obbligo per i vaccini Covid, ritenendo l'informazione più efficace della coercizione, e non mi pare abbia cambiato idea". Il green pass non tornerà più? "Non rimetteremo l'obbligo vaccinale e saremo sempre attenti a mediare il diritto alla salute con il rispetto delle libertà personali", chiosa Schillaci.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-