Sport, prima manifestazione di promo Trail Fisdir

Sport, prima manifestazione di promo Trail Fisdir

La prova è stata organizzata dalla asd Paralimpica “Mimì Rodolico” di Mazara

L’ASD Paralimpica “Mimì Rodolico” Mazara ha organizzato nell’ambito della 2^ prova dì Trail Sicilia  Challenge “Belice Trail” organizzata dall’ASD Bee. r la prima prova dì Promo Trail riservata a ragazzi con disabilità intellettiva, un percorso dì 1.750 metri con un dislivello dì 160 metri. Alla manifestazione hanno partecipato 40 atleti provenienti dalla sicilia occidentale. L’organizzazione dell’evento oltre alle finalità sportive aveva come obiettivo dì far vivere un’esperienza in ambiente naturale e soprattutto un momento dì integrazioni con gli altri atleti presenti alla manifestazione.

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Scaroni “Tutto il Milan ha lavorato nella stessa direzione”
    by Redazione on 23 Maggio 2022 at 06:05

    ROMA (ITALPRESS) - Il giorno dopo il trionfo ha un sapore ancora più dolce. "E' stata una giornata favolosa, mi sono divertito tantissimo: ho vissuto emozioni grandissime che mio hanno ripagato dell'ansia che ho quando gioca il Milan". Ai microfoni di Radio Anch'io Sport, su Rai Radio 1, il presidente del Milan, Paolo Scaroni, ammette di non aver ancora smaltito i postumi della vittoria dei rossoneri a Reggio Emilia contro il Sassuolo, tre punti che hanno dato il via alla festa per lo scudetto, strappato dalle maglie dei 'cuginì dell'Inter. Un percorso partito nel dicembre 2019, con lo 0-5 subito dall'Atalanta: "C'ero ed è stato un giorno amarissimo. Si immaginava l'esonero di Pioli ma per fortuna abbiamo deciso il contrario ed è partito il periodo virtuoso che ci ha portato allo scudetto e ad avere i conti sempre più a posto". Il tecnico è rimasto al suo posto, Maignan ha sostituito quel Donnarumma che sembrava impossibile far dimenticare. Due mosse rivelatesi vincenti. "Non solo, abbiamo una proprietà che ha finanziato ma senza fare debiti. Poi c'è la dirigenza con Gazidis, Maldini e Massara, che hanno lavorato nella stessa direzione di Pioli. Questo ci ha portato al successo", assicura Scaroni. Che ne approfitta anche per parlare del nuovo impianto, non necessariamente con capienza maggiore. "La mia ambizione è che lo stadio sia pieno - spiega - Siccome il tema che ha mi preoccupa molto è la conquista dei diritti internazionali di Serie A e del Milan, lo stadio deve essere pieno. Vedo che tutte le società ormai lo costruiscono da 55mila- 60mila, quello da centomila è passato di moda. Voglio evitare partite con 25.000 spettatori in uno stadio semi-vuoto, questo è poco attrattivo per chi guarda le partite da lontano. La Premier League in questo senso ci ha bagnato il naso, dobbiamo imitarla per ottenere quell'audience di cui ha bisogno la Serie A". Considerato Pioli "l'uomo-copertina" e lasciato il giudizio sui singoli giocatori alla dirigenza, Scaroni non si tira indietro sul tema squisitamente societario. "RedBird sta per comprare il Milan per 1,3 miliardi di euro? Per quanto riguarda Investcorp ho letto che hanno fatto un passo indietro, invece RedBird ne ha fatto uno avanti. Le cifre di cui si parla dimostrano che è stato raggiunto un successo sportivo ma anche finanziario. Che il fondo Elliott prima o poi esca del Milan è stato sempre nei programmi. Non c'è più spazio per i mecenati di una volta, mi auguro che la trattativa si concluda prima dell'inizio del calciomercato". "Se Maldini e Massara rimarranno? Siamo in una fase dove potrebbe cambiare la proprietà e faccio fatica a fare previsioni - aggiunge il massimo dirigente dei lombardi - Per quello che mi riguarda devono proseguire a fare il grande lavoro che hanno fatto negli ultimi anni. Abbiamo una proprietà che ha finanziato ma senza fare debiti. Poi c'è la dirigenza con Gazidis, Maldini e Massara, che hanno lavorato nella stessa direzione di Pioli. Questo ci ha portato al successo". Messo in bacheca lo scudetto, è presto per mettere nel mirino la Champions: "Fa parte della categoria sogni, per il momento... Il futuro di Ibrahimovic? E' stato buon profeta, ha detto 'porterò il Milan a vincere lo scudettò ed ha giocato un grande ruolo. Cosa farà domani non mi preoccupa, un uomo della sua forza troverà la sua strada". La sua soddisfazione aumenta poi nel pensare che il Milan, in fondo, non era la squadra più forte: "Per noi questo è stato elemento di leggerezza, poi conta la squadra, non sempre chi ha i campioni più importanti vince. Abbiamo sviluppato i nostri campioni in casa". E vinto uno scudetto più che meritato.- foto Image - (ITALPRESS).

  • 30 anni Strage di Capaci, a Palermo una giornata di memoria
    by Redazione on 23 Maggio 2022 at 05:20

    PALERMO (ITALPRESS) - Ricorre oggi il 30esimo anniversario della strage di Capaci. Il 23 maggio 1992 nella tremenda esplosionevennero spazzate via le vite del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli agenti che li scortavano, Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo.Da ormai trent'anni il cinquantottesimo minuto dopo le 17 del 23 maggio non rappresenta mai un orario comune, uno di quelli che passano inosservati nel trambusto quotidiano. E' invece, ogni anno, quel minuto che blocca il fiato, sospende i pensieri, dilata il tempo, infligge dolore e, alla fine, se ci si guarda attorno, restituisce speranza. Sono quei secondi che riportano alla mente le forti immagini di quanto accaduto alla stessa ora nel 1992: la strage di Capaci, quel tragico evento che ha cambiato la storia del Paese. E non solo.Oggi a Palermo sono diversi gli appuntamentie le manifestazioni che serviranno a ricordare le vittime dell'attentato. Il clou sarà la cerimonia al Foro Italico, alla quale parteciperà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sul palco si alterneranno la presidente della Fondazione Falcone Maria Falcone, diversi ministri, sindacalisti e artisti. Foto: agenziafotogramma.it(ITALPRESS).

  • Golden State ad un passo dalle Finals Nba
    by Redazione on 23 Maggio 2022 at 04:46

    NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) - Golden State ad un passo dalle Finals Nba. Nella notte italiana, i Warriors si sono aggiudicati gara-3 dell'atto conclusivo della Western Conference, superando i Dallas Mavericks per 109-100 e portandosi sul 3-0 nella serie. Tra i texani, non bastano i 40 punti realizzati da Doncic, top-scorer dell'incontro; tra i californiani, 31 punti di Curry e 27 di Wiggins. Questa notte gara-4 della finale di Eastern Conference tra Miami Heat e Boston Celtics (2-1).- Foto: agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Salernitana travolta in casa ma comunque salva
    by Redazione on 22 Maggio 2022 at 19:21

    SALERNO (ITALPRESS) - La Salernitana subisce una pesante sconfitta per 0-4 in casa per mano dell'Udinese, ma sfrutta il clamoroso pareggio del Cagliari a Venezia per festeggiare una salvezza che a marzo sembrava quasi impossibile. La favola dei granata si concretizza nel modo più inaspettato, perdendo il controllo del proprio destino ma festeggiando insieme ai tifosi all'Arechi dopo aver vissuto novanta minuti di terrore. I friulani, dal canto loro, dimostrano grande serietà e chiudono la loro stagione a quota 47 punti al dodicesimo posto: in gol Deulofeu, Nestorovski, Udogie e Pereyra nel poker servito a Salerno. Inizio veemente da parte degli ospiti, che seppur ormai senza obiettivi di classifica sono giunti in Campania per vendicare il ko dell'andata e per rimediare alla sconfitta contro lo Spezia di una settimana fa. Al minuto 6' Deulofeu porta subito in vantaggio la squadra di Cioffi grazie a un tiro imparabile su cui Belec non può nulla. La Salernitana accusa il colpo e rischia di capitolare con un altro gol di Deulofeu, annullato però per fuorigioco. Due miracoli di Padelli salvano la porta friulana, quindi al 34' arriva il raddoppio firmato da Nestorovski lasciato tutto solo in area. Comincia a montare il malcontento sugli spalti dell'Arechi e al 42' ci pensa Udogie a segnare il gol del pesantissimo 0-3 con un tiro angolatissimo. Il pubblico comincia a lanciare degli oggetti sul campo e per due minuti Orsato interrompe il gioco, alla ripartenza altro pasticcio difensivo dei campani e calcio di rigore con Belec che stende Deulofeu. Dal dischetto si presenta Pereyra, ma il portiere rimedia al suo errore e para. El Tucu, però, si rifà con gli interessi a inizio secondo tempo, finalizzando un contropiede perfetto con uno slalom in area. Poker Udinese in un atmosfera surreale e sugli spalti scoppia persino un incendio dopo l'accensione di alcuni fumogeni, con il match sospeso per cinque minuti. La squadra di uno sconsolato Nicola, a questo punto, si aggrappa soltanto al risultato del Penzo, dove il Cagliari resta a lungo ancorato sullo 0-0 contro il Venezia. Nel finale tra le fila degli ospiti entra il giovanissimo Pafundi, primo classe 2006 in Serie A, mentre i padroni di casa hanno soltanto la mente a quel che accade a Venezia. E le notizie sono buone: il Cagliari non riesce a segnare ed esplode la festa all'Arechi. Per la Salernitana sarà Serie A anche il prossimo anno.- foto Image - (ITALPRESS).

  • Zero reti in Venezia-Cagliari, i sardi retrocedono
    by Redazione on 22 Maggio 2022 at 19:16

    VENEZIA (ITALPRESS) - Finisce a Venezia la rincorsa alla salvezza del Cagliari, che in laguna pareggia 0-0 e dice addio alla Serie A. Retrocessione amara per i sardi che, contro un Venezia già retrocesso, non approfitta della sconfitta della Salernitana (battuta 4-0 dall'Udinese) e si lascia travolgere dalla voglia di fare bene davanti al proprio pubblico della squadra veneta. L'inizio dei lagunari è fulmineo e, al 4', mancano collezionano la prima occasione da rete: imbucata preziosa di Cuisance che con l'esterno libera Johnsen che davanti a Cragno calcia incredibilmente a lato. I sardi stentano a prendere le misure agli uomini di Soncin che, al 23', tornano a rendersi pericolosi. Errore di Joao Pedro in dismpegno e ripartenza immediata di Johnsen; l'attaccante norvegese serve in profondità Peretz, che di sinistro manda il pallone sopra la traversa. L'undici isolano prova a scuotersi di dosso il torpore di inizio gara e, al 40', dalla sinistra Bellanova opta per un tiro-cross che mette in difficoltà Maenpaa, costretto a smanacciare in angolo il pallone per evitare il peggio. Il Cagliari guadagna fiducia e, al 44', dai venti metri Rog ci prova di potenza, ma Maenpaa, seppur in controtempo, riesce a opporsi al pallone con la mano di richiamo e il primo tempo si chiude sullo 0-0.Nella ripresa il Cagliari si spinge in avanti alla ricerca della rete e, al 54', sugli sviluppi di un corner, Joao Pedro ruba il tempo agli avversari e colpisce di testa ma senza inquadrare la porta. Il Venezia subisce la manovra sarda e, al 61', Nandez serve Bellanova che di testa deve arrendersi allo straordinario intervento in tuffo di Maenpaa, salvifico nell'occasione. Il Cagliari non toglie il piede dall'acceleratore e, all'88', dal limite dell'area ci prova Pereiro, Maenpaa non trattiene e Ceccaroni riesce a intervenire e salvare il risultato mandando in corner il pallone per lo 0-0 che chiude il match.(ITALPRESS).