Coronavirus, Asp Trapani: la provincia trapanese verso crescita zero

Coronavirus, Asp Trapani: la provincia trapanese verso crescita zero

“I numeri parlano chiaro” ha dichiarato il Direttore generale Fabio Damiani

Trapani si avvicina a crescita zero. I nuovi casi di coronavirus registrati nel territorio nei 9 giorni presi in esame, dal 14 al 22 aprile, sono appena 7 su 1302 tamponi anti Covid eseguiti.

Questo indica un incremento di circa 1 caso positivo ogni 200 tamponi, quarantenati compresi, con una media di 0,7 positivi al giorno. Cioè, su una media dei145 tamponi dei 9 giorni considerati, i positivi sono 0,7 al giorno.
Il dato più basso dell’ultimo mese, considerato che si tratta per la maggior parte di soggetti rientrati in Sicilia già infetti e posti in quarantena sotto osservazione.
Va sottolineato pertanto che non vi è presenza di virus in circolazione.

Sul territorio i guariti sono il 21% della popolazione dei positivi che, dall’inizio dell’epidemia ammonta complessivamente a 123 casi di cui, ad oggi, 72 trattati a domicilio.
L’isola di Pantelleria si conferma a contagio zero, nessun caso di coronavirus infatti, è stato registrato sull’isola.
Dei casi finora confermati, l’età media è 50 anni. Il 39% dei casi accertati è di sesso femminile e il 61% è di sesso maschile.

Il picco di casi positivi in percentuale sul totale è stato così distribuito sul territorio:
Alcamo 19%; Buseto Palizzolo 1%; Campobello di Mazara 4%; Castellammare del Golfo 2%; Castelvetrano 9%; Erice 4%; Gibellina 1%; Marsala 7%; Mazara del Vallo 4%; Paceco 2%; Salemi 20%; Trapani 14%; Valderice 12%.
Sempre alla data odierna, venerdì 24 aprile 2020, i deceduti sono 5.

“I numeri parlano chiaro – ha detto il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabio Damiani – la provincia trapanese si avvia alla crescita zero. Questo è principalmente il frutto di un corretto comportamento rispettoso delle misure restrittive ma soprattutto dell’efficace azione sinergica che ha coinvolto tutti gli ambiti aziendali. L’Asp di Trapani ha attivato una macchina organizzativa che nonostante il carattere improvviso e imprevedibile dell’epidemia è partita subito, realizzando tempestivamente una pianificazione capillare di interventi su strutture, personale, apparecchiature”.

“In particolare ha spiegato Damiani – relativamente alle strategie attive di ordine sanitario, la determinazione adottata dalla direzione aziendale, di isolare immediatamente i possibili focolai anche attraverso l’isolamento domiciliare, è stata vincente. Molti sono stati i soggetti rientrati da fuori provincia, posti in quarantena e sottoposti a tampone anti Covid scrupolosamente nei tempi previsti dal protocollo. L’elevato numero di tamponi eseguiti sul territorio anche sui sanitari, ha dato la possibilità di intercettare sul nascere l’eventuale veicolazione del virus, portando la percentuale di sanitari positivi al minimo, 19 casi.
Questo dato, in particolare, evidenzia l’efficacia delle misure di salute e sicurezza messe immediatamente in atto dall’azienda nei confronti di tutti gli operatori, ai quali sono stati garantiti i necessari dispositivi di sicurezza collettivi e individuali oltre che tutte le stringenti misure previste dal protocollo per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus nei luoghi di lavoro”.

Damiani non tralascia un passaggio importante: ”L’emergenza è ancora in atto e non è assolutamente possibile allentare le misure di sicurezza e tornare al vecchio stile di vita. E’ di fondamentale importanza attuare con rigore e attenzione i nuovi dispositivi di controllo sul rispetto delle restrizioni anti contagio: la possibilità di avvicinarci alla ‘Fase2’ nella lotta all’epidemia non consente né legittima passi falsi. Piuttosto, proprio ora – ha concluso il manager – l’attenzione deve restare alta per garantire che il passaggio alla nuova fase avvenga nel modo più completo ed efficace”.

Comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Covid, in Italia 84.700 casi e 63 decessi nelle ultime 24 ore
    by Redazione on 2 Luglio 2022 at 13:51

    ROMA (ITALPRESS) - Sono 84.700 i nuovi positivi in Italia, su un totale di 325.588 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. E' quanto emerge dal quotidiano bollettino sull'emergenza Coronavirus emesso dal Ministero della Salute. Sono 63 i deceduti, per un totale di persone scomparse da inizio pandemia che tocca quota 168.488. I ricoverati con sintomi negli ospedali italiani sono 7.035 (205 in più di ieri), dei quali 275 (+11) in terapia intensiva.- foto agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Jakobsen vince la 2^ tappa del Tour, Van Aert in giallo
    by Redazione on 2 Luglio 2022 at 13:36

    NYBORG (DANIMARCA) (ITALPRESS) - Fabio Jakobsen ha vinto la seconda tappa del Tour de France 2022, la Roskilde-Nyborg di 202,2 chilometri. L'olandese della Quick-Step Alpha Vinyl ha tagliato il traguardo in 4h34'35", precedendo in volata il belga Wout Van Aert (Jumbo Visma) e il danese Mads Pedersen (Trek-Segafredo). Il belga Yves Lampaert (Quick-Step Alpha Vinyl Team), rimasto coinvolto in una a circa 20km dal traguardo, ha ceduto dunque la maglia gialla proprio al connazionale Van Aert. Domani si torna in strada per la terza frazione della Grande Boucle, la Vejle-Sonderborg di 182 chilometri.- foto LivePhotoSport - (ITALPRESS).

  • Pole di Sainz a Silverstone su Verstappen e Leclerc
    by Redazione on 2 Luglio 2022 at 13:21

    SILVERSTONE (INGHILTERRA) (ITALPRESS) - Carlos Sainz ottiene la pole position nelle qualifiche del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Sotto la pioggia a Silverstone, il pilota della Ferrari piazza il colpaccio con il giro in 1'40"983 davanti alla Red Bull dell'olandese e campione in carica Max Verstappen e al compagno di squadra, il monegasco Charles Leclerc. Prima pole per lo spagnolo del Cavallino, in una qualifica tiratissima per le condizioni metro. Quarto posto per Sergio Perez (Red Bull), seguito da Lewis Hamilton (Mercedes); ottavo George Russell (Mercedes). - foto LivePhotoSport - (ITALPRESS).

  • Siccità, a Verona scattano divieti per uso dell’acqua potabile
    by Redazione on 2 Luglio 2022 at 12:01

    VERONA (ITALPRESS) - A seguito del perdurare della situazione meteorologica e della conseguente emergenza idrica, il sindaco di Verona Damiano Tommasi, ha firmato l'ordinanza che limita l'uso dell'acqua potabile ai fini domestici, per la pulizia personale e per l'igiene. Un invito anche ad adottare comportamenti e abitudini utili a ridurre gli sprechi, responsabilizzando ciascun cittadino sull'importanza delle singole azioni per cercare di arginare il problema. Fino al 31 agosto sarà quindi vietato usare acqua potabile proveniente da fonte idrica per l'irrigazione di orti, giardini e campi sportivi, per il lavaggio di automobili, salvo impianti autorizzati, per il riempimento di piscine e per ogni altra attività che non sia strettamente necessaria ai fini del fabbisogno umano. L'eventuale utilizzo per gli scopi sopra descritti e vietati, seppur sconsigliato, può avvenire soltanto dalle ore 21 alle 6. Per i trasgressori sono previste sanzioni fino a 500 euro.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Governo, Di Maio “Chi vuole farlo cadere non sa cosa rischia”
    by Redazione on 2 Luglio 2022 at 10:21

    ROMA (ITALPRESS) - "In questo momento storico, chi vuole far cadere il governo o sa cosa rischia, e vuole fare del male al Paese, o non sa cosa si rischia". Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel suo intervento a un incontro a Pomigliano. "Questo è un Paese abituato a cambiare governo ogni anno e mezzo o ogni due anni, purtroppo per problemi fisiologici delle forze politiche, ma in questo momento storico del mondo, se il governo cade io non so a quanto può arrivare lo spread, ma una cosa è certa: i costi continueranno a salire per le famiglie, i tassi d'interesse sui mutui continueranno a salire, l'impatto sull'economia continuerà a essere devastante perchè nel mondo c'è una grande fiducia in questo governo", ha aggiunto. "Lo dico non solo da ministro degli Esteri ma da italiano: voglio che ci possa essere in questo momento un Governo con un'ampia maggioranza come questa, perchè dobbiamo prendere delle scelte e dobbiamo vincere delle battaglie in Europa. Il tetto massimo al prezzo del gas non lo possiamo fare in Italia, lo dobbiamo fare necessariamente in Europa, perchè altrimenti si va a vendere in un atro paese europeo. Quando il premier si siede a quale tavolo, ha bisogno di dire ai suoi alleati europei o della Nato che dalla sua parte c'è l'Italia e il Parlamento. Se mentre siamo al vertice Nato ci ritroviamo le solite scorribande della politica italiana, questo non ci rafforza", ha concluso. (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-