Trapani: consegnati i lavori per il recupero del Borgo rurale “Livio Bassi” di Ummari

Trapani: consegnati i lavori per il recupero del Borgo rurale “Livio Bassi” di Ummari

Lo Iacp realizzerà 10 alloggi sociali e uno dei tre edifici verrà destinato ad ospitare servizi

Con la consegna dei lavori, avvenuta venerdì scorso, all’impresa “Tecnogen” di Mussomeli è stato ufficialmente aperto il cantiere per il recupero di tre edifici facenti parte dell’antico Borgo rurale “Livio Bassi” che si trova nella frazione di Ummari a Trapani. Si tratta di un appalto finanziato attraverso il PO FESR 2014/2020 – Asse 9 “inclusione Sociale e lotta alla povertà” – Azione 9.4.1 e per un importo pari a euro 1.610.440,70. L’esecuzione dei lavori dovrà essere completata entro il mese di settembre del 2023.

Alla consegna dei lavori hanno partecipato per lo Iacp di Trapani, assieme al personale tecnico, il Presidente avvocato Vincenzo Scontrino e il Direttore Generale e Dirigente dell’Area Gestione Patrimonio, ingegnere Eugenio Sardo e per il Comune di Trapani, che è proprietario dell’intero Borgo, l’assessore dottor Giuseppe Pellegrino. Tra Iacp e Comune di Trapani a suo tempo è stata sottoscritta una convenzione che ha permesso all’Iacp di occuparsi della fase progettuale e dunque della richiesta di finanziamento per giungere adesso all’appalto dei lavori.

“Ci apprestiamo a ridar lustro ad un luogo che custodisce un pezzo della storia della nostra terra senza disperderne il valore che lo ha originato negli anni ’40 del secolo scorso – dice il presidente avv. Vincenzo Scontrino – Lo riconsegneremo all’attualità dei giorni nostri utilizzando un sistema moderno ed efficace, quello del social housing. Oggi – prosegue – le attenzioni vengono sempre di più dedicate alle città, ma con questa iniziativa intendiamo promuovere altro: ossia l’importanza che hanno i territori che circondano i centri urbani, dove la natura convive con storia e arte. E’ possibile spendere bene fondi pubblici dedicandoli a quello che mi piace definire un nuovo rinascimento”.

Lo Iacp all’interno del Borgo rurale “Livio Bassi” realizzerà 10 alloggi sociali – che avranno superfice comprese tra i 40 ed i 92 metri quadrati – e uno dei tre edifici verrà destinato ad ospitare i servizi, come ad esempio un laboratorio informatico e un centro di ristorazione.

“Questo borgo – prosegue Scontrino – nacque per agevolare gli agricoltori, poi una maldestra azione condotta, poco meno di un decennio addietro, dal Comune di Trapani, che ne era divenuto nel frattempo proprietario, lo svuotò del tutto dei pochi abitanti che erano rimasti, lasciandolo così nell’abbandono e nel degrado. Il Borgo “Livio Bassi” stava rischiando di implodere, per il declino edilizio e urbano che stava subendo. Adesso c’è un percorso di vita che si potrà riprendere con la esecuzione dei lavori, appaltati al termine di un iter tecnico e amministrativoche ha ottenuto l’attribuzione del finanziamento”.

“Ho partecipato con piacere alla consegna dei lavori da parte dello IACP per il recupero del “Borgo Livio Bassi” di Ummari – afferma a sua volta l’assessore del Comune di Trapani Giuseppe Pellegrino – La collaborazione tra IACP e Comune di Trapani, per il recupero del Borgo, ha avuto inizio prima della consiliatura Tranchida, il progetto è poi stato seguito anche da questa amministrazione. Saranno realizzati 10 appartamenti che il Comune, attraverso un bando, assegnerà con affitto calmierato a famiglie del territorio. La collaborazione con lo IACP è continuata e, sempre in relazione al recupero del Borgo Livio Bassi, il Comune di Trapani ha partecipato ad un bando del PSR ottenendo un finanziamento di 450 mila euro per la ristrutturazione della ex scuola. Il progetto è stato redatto dai tecnici dello IACP”.Questa porzione di lavori è già in corso, la destinazione finale dell’edificio una volta recuperato sarà rivolta agli aspetti legati all’agricoltura, alla cultura contadina, anche in chiave di fruizione turistica. I lavori di recupero stanno riguardando anche il restauro della grande porta ad arco posta all’ingresso del Borgo.

“Mi è capitato spesso di parlare con gli abitanti di Ummari – dice Scontrino- e con chi, oramai residente in altre zone dell’agro ericino, ha in questa frazione le proprie radici, ed ho sempre colto l’affetto per questo Borgo, e il dispiacere di averlo visto in preda all’abbandono, considerato fra l’altro che quelle famiglie che lo rendevano vivo e fruibile sono state costrette a lasciarlo per un’improvvida quanto discutibile pretesa dell’amministrazione comunale di quel tempo. Adesso rispondiamo a legittime aspettative. Qui purtroppo fu spenta in modo violento la vita di padre Michele Di Stefano, sacerdote illuminato e intelligente, che fu parroco nella chiesa del Borgo e nella cui canonica, per mano violenta e assassina, fu trovato senza vita nel marzo 2013. Con il suo impegno  riuscì a non far finire l’impianto agricolo rurale nel totale dimenticatoio. Resta vivo a maggior ragione oggi il ricordo per padre Michele Di Stefano, a lui è nostra intenzione dedicare e d’accordo con il Comune di Trapani, l’edificio destinato ad ospitare i servizi per l’agglomerato. Nel nome di padre Michele , certo anche del consenso della Curia Vescovile di Trapani, offriremo la possibilità agli aventi diritto a potere avere un alloggio”.

“Costruire alloggi popolari per arginare quanto è possibile la domanda che proviene dalla collettività è il nostro principale compito come Iacp – conclude il presidente Iacp – ma coniugare le esigenze abitative con il recupero di immobili che hanno anche una loro storia, è qualcosa che ci inorgoglisce particolarmente. Il progetto redatto dal nostro ufficio tecnico  ha saputo assieme coniugare casa, lavoro e recupero di un bene che ha un suo certo pregio. Sarà possibile apprezzare il contesto, ma non sarà un museo industriale ma un sito dove la persona sarà al centro degli interventi”.

comunicato stampa

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Ponte Stretto Salvini “Priorità per l’Italia e interesse Ue”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 11:55

    BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) - "Insieme a tutto il resto, c'è un'infrastruttura che non unisce solo Sicilia e Calabria ma che collega l'Italia al Nord Europa: il ponte sullo Stretto di Messina è una priorità per me, per il governo e per milioni di italiani. E' di estremo interesse per la Commissione europea e molti colleghi di altri Paesi". Così il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, a margine del Consiglio Trasporti a Bruxelles. "Dopo cinquant'anni di parole, tanti convegni e parecchi milioni spesi abbiamo tutta l'intenzione di procedere per portalo a termine", ha aggiunto.Io mi assumo l'onore e l'onere di fare una scelta, poi ci sono ingegneri che lavorano, hanno lavorato e lavoreranno sul progetto. Io ritengo che sia fondamentale, crea lavoro vero. E' riconosciuto come struttura fondamentale anche da parte europea. L'obiettivo è, se tutto va come mi auguro e come l'Italia si augura, entro due anni partire con i lavori", ha spiegato.Salvini, infine, ha chiarito: "C'è un progetto di 10 anni anni fa che in caso va attualizzato. Io da ministro posso rimettere in piedi la società, nominare degli amministratori che poi portino un piano economico, con tempi, modi, copertura costi con i quali torno a Bruxelles per capire quanta parte potrà essere sovvenzionata: se la commissaria Valean mi avesse detto è una bellissima idea però non mi interessa, arrivederci e grazie, avrei finito il discorso. Se mi dice è assolutamente parte della nostra strategia, portateci un progetto e poi ragioniamo di quattrini, io sono molto contento della mia missione".(ITALPRESS).-foto Italpress-

  • Pnrr, Fitto “Nessuno scontro, lavoriamo positivamente con l’Ue”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 11:36

    MILANO (ITALPRESS) - "C'è la necessità di avere una visione completa per essere in grado di dare risposte chiare. Il governo non ha nessuno intenzione di ingaggiare scontri con nessuno, stiamo lavorando molto positivamente con la Commissione europea". Lo ha detto il ministro per gli Affari Europei, il Sud, e il Pnrr, Raffaele Fitto, intervenendo al primo Festival delle Regioni e delle Province autonome. "C'è l'esigenza di svolgere un'azione di monitoraggio per l'utilizzo delle risorse del Pnrr e le altre risorse. E' opportuno capire qual è lo stato di attuazione prima di avviare una fase nuova. Questo governo - jha aggiunto - ha un orizzonte al 2026, quindi dell'intera programmazione. Noi abbiamo 55 obiettivi da raggiungere entro il 31 dicembre, l'impresa non è semplice, stiamo lavorando affinchè ciò accada. Al tempo stesso dobbiamo dire che il tema della spesa è un indicatore importante, non è un target, ma un tema che preoccupa tanto quanto quello del raggiungimento degli obiettivi". (ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Meloni “Next Generation Eu non basta, fare di più”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 10:41

    ROMA (ITALPRESS) - "Sull'energia l'Unione Europea, i diversi stati membri e l'Italia in passato hanno preferito aumentare via via il loro livello di dipendenza da altre nazioni invece di implementare strumenti per rafforzare la dipendenza e la sicurezza nazionale". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, intervenendo in video al primo Festival delle Regioni e delle Province autonome. "Il Next Generation Eu ha rappresentato una prima risposta a livello europeo ma oggi è evidente a tutti che non è più sufficiente, non poteva tenere conto dell'impatto che la guerra in Ucraina ha avuto sulle nostre economie. Bisogna fare di più a livello europeo, a partire dal tema dell'energia", ha aggiunto.-foto agenziafotogramma.it-(ITALPRESS).

  • E’ morto Nick Bollettieri, il maestro di Agassi e Seles
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 09:51

    ROMA (ITALPRESS) - E' morto Nick Bollettieri. Lo storico allenatore di tennis statunitense, figlio di immigrati italo-americani, fondatore della "Nick Bollettieri Tennis Academy" (Nbta), è scomparso all'età di 91 anni. Nella sua lunga carriera ha "cresciuto" diversi grandi campioni. Fra questi una ventina circa sono arrivati ai vertici delle classifiche mondiali sia Atp che Wta. Si ricordano, passati per periodi più o meno lunghi nella sua Academy: Agassi, Becker, Courier, Sampras e Rios tra gli uomini; Capriati, Seles, Jankovic, Hingis, Sharapova e le sorelle Venus e Serena Williams tra le donne.A metà novembre la figlia Angelique Anne, sui social, aveva scritto: "Papà è prossimo al passaggio a un altro luogo. Vi prego di tenerlo nei vostri pensieri per una partenza serena e un viaggio meraviglioso. Ti vogliamo bene papà".Fra i primi a salutare, via web, Bollettieri è stato il tedesco Tommy Haas: "Grazie per il tempo, la conoscenza, l'impegno, la competenza, la disponibilità e l'aver condiviso le tue capacità".- foto Image -(ITALPRESS).

  • Le figlie “Pelé è in cura, non è a rischio”
    by Redazione on 5 Dicembre 2022 at 09:51

    SAN PAOLO (BRASILE) (ITALPRESS) - Pelé "è in cura, non è a rischio". A rassicurare i tanti tifosi di O Rei, sparsi in Brasile e nel resto del Mondo, ci hanno pensato due delle sue figlie, che hanno smentito le notizie allarmanti circa le condizioni fisiche del padre. "E' malato, è anziano, al momento è ricoverato in ospedale per un'infezione polmonare. Quando starà meglio tornerà a casa", ha dichiarato Kely Nascimento, ai microfoni del canale tv Globo. "Papà non è nel reparto di terapia intensiva: si trova in una stanza normale. E' in cura, non è a rischio", ha spiegato poi la sorella Flavia Arantes. Tanto il bollettino medico diffuso sabato dall'ospedale Albert Einstein, quanto ora due sue figlie hanno, quindi, smontato la notizia diffusa dal quotidiano "Folha de Sao Paulo", che aveva parlato di un Pelé che non rispondeva più al trattamento chemioterapico, trasferito nel reparto di terapia intensiva e sottoposto a curve palliative. - foto Image - (ITALPRESS).