Usare i fondi del Recovery Plan per ricostruire una moderna ferrovia tra Agrigento e Trapani

Usare i fondi del Recovery Plan per ricostruire una moderna ferrovia tra Agrigento e Trapani

Appello di Comuni, Enti ed Associazioni

Gli Enti e le associazioni firmatarie di questa lettera pubblica, attraverso la stessa, chiedono al MIT e alla Regione Siciliana di inserire la proposta di progettazione realizzazione di una nuova e moderna ferrovia tra Agrigento e Trapani all’interno del Piano Nazionale di Rinascita e Resilienza ed utilizzando le misure previste dal Recovery Plan o, comunque, di programmarne la ricostruzione. Le province di Agrigento e Trapani sono le uniche due in Italia a non essere collegate tra loro dalla rete ferroviaria. Fino al 1985 era attiva una linea a scartamento ridotto che congiungeva i due centri, che fu sospesa con la promessa, da parte degli Enti preposti, della sua trasformazione a scartamento normale. Ricostruzione, purtroppo, mai realizzata, anzi: con il decreto ministeriale n. 08T del 14 marzo 2004 emanato dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti la vecchia ferrovia è stata definitamente soppressa e,  ancora oggi, è in corso di alienazione. Considerato inoltre che le ultime direttive europee in tema di trasporti indicano che entro il 2030, il 30% del trasporto su gomma dove passare su rotaia, la Sicilia ed in particolare le province di Agrigento e Trapani non possono perdere questa occasione di sviluppo economico e turistico. I sindaci, gli Enti e le associazioni firmatarie propongono la realizzazione di una nuova linea ferroviaria a scartamento ordinario che colleghi i centri di Agrigento, Realmonte/Siculiana, Montallegro/Cattolica, Ribera, Sciacca e Menfi con Castelvetrano e quindi la città di Trapani, compiendo un percorso costiero e riutilizzando, laddove possibile, porzioni di infrastrutture ferroviarie esistenti, in particolar modo le gallerie, al fine di ridurre i costi dell’opera e recuperare opere d’arte oggi abbandonate al degrado. Le associazioni chiedono, inoltre, alle Deputazioni agrigentina e trapanese di farsi interpreti della richiesta proveniente dal territorio e promuovere tutte le azioni necessarie per il suo accoglimento.

Comitato per la Ferrovia – Agrigento – Trapani – (FB: @ComitatoFerroviaAGTP)

Sottoscrivono e aderiscono alla lettera pubblica:

Comune di Agrigento – il Sindaco Francesco Miccichè

Comune di Sciacca – il Sindaco Francesca Valenti

Comune di Ribera – Il Sindaco Matteo Ruvolo

Comune di Menfi – il Sindaco Marilena Mauceri

Comune di Montallegro – il vice sindaco Salvatore Iatì

Comune di Realmonte – il Sindaco Sabrina Lattuca

Comune di Siculiana – il Sindaco Giuseppe Zambito

Associazione TRENODOC Palermo – il Presidente Daniele Fucarino

Associazione Ferrovie Kaos – Agrigento – Il Presidente Mauro Indelicato

Associazione Ferrovie Siciliane – Messina – Il Presidente Roberto Copia

Fondo Ambiente Italiano – Il capo delegazione di Agrigento Giuseppe Taibi

Fondo Ambiente Italiano – Il capo delegazione di Trapani Nicola Adragna

Legambiente Sicilia – Il Presidente Gianfranco Zanna

Legambiente circolo Rabat – Agrigento – il Presidente Daniele Gucciardo

Legambiente circolo “Nautilus” Trapani-Erice – Presidente Enzo Benigno Martinez

Legambiente Valle del Belice Salaparuta – Presidente Valentina Caradonna

Legambiente Circolo Marsala – Presidente Letizia Pipitone;

Legambiente Circolo Fata Morgana Mazara del Vallo – Presidente Francesco Sferlazzo;

Legambiente “Crìmiso” Castelvetrano – Presidente Giuseppe Salluzzo

Comitato Amministratori Regione Sicilia – il Segretario Gianfranco Gentile

Ordine degli Architetti di Agrigento – Il Presidente Alfonso Cimino

CGIL Agrigento – Il segretario Provinciale Alfonso Buscemi

CISL Agrigento – Caltanissetta – Enna – Il segretario Emanuele Piraino

UIL Agrigento – Il segretario provinciale Gero Acquisto;

WWF Sicilia Area Mediterranea ODV – Il Presidente Giuseppe Mazzotta;

Maria Iacono – già deputato alla camera

LegaCOOP Sicilia OccidentaleDomenico Pistone

Confcommercio – Agrigento – Il Presidente Alfonso Valenza;

Lega Navale sez. Sciacca – il Presidente Aldo Rossi

Associazione AEL – Agrigento – Il Presidente Calogero Grova

Associazione MOBILITA – Palermo – il presidente Giulio Di Chiara

Associazione Archeoclub i luoghi di Empedocle – Il Presidente Angela Roberto

Associazione Mariterra – Porto Empedocle – Il Presidente Erika Zoppo

Associazione OltreVigata – Porto Empedocle – Il Presidente Danilo Verruso

Associazione Agrigento Trekking – Il Presidente Marco Falzone

Associazione VISIT Agrigento – Il Presidente Marcello Mira

Associazione VAL DI KAM – Il Responsabile Pierfilippo Spoto

Associazione Pro Loco di Agrigento – Il Presidente Christian Vassallo

Associazione L’Altra Sciacca – Presidente Pietro Mistretta;

Associazione Italia Nostra Sciacca – Presidente Umberto Marsala

Associazione Stoppa la piattaforma Sciacca – Presidente Mario Di Giovanna

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Covid, Oggi 43.084 nuovi casi e 177 i decessi. Positività al 15,8%
    by Redazione on 9 Agosto 2022 at 13:11

    MILANO (ITALPRESS) - Sono 43.084 i nuovi casi di Coronavirus oggi in Italia, su un totale di 272.495 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. E' quanto emerge dal quotidiano bollettino sul Covid in Italia, diffuso dal Ministero della Salute. Sono 177 decessi, che portano il totale delle persone scomparse da inizio pandemia a quota 173.426. Il tasso di positività è del 15,8%. A livello di ospedalizzazioni, sono 8.816 i ricoverati con sintomi (236 in meno di ieri) e 331 i ricoverati in terapia intensiva (8 in meno di ieri). (ITALPRESS).Photo credits: www.agenziafotogramma.it

  • Serena Williams verso il ritiro “Conto alla rovescia iniziato”
    by Redazione on 9 Agosto 2022 at 11:51

    TORONTO (CANADA) (ITALPRESS) - Ieri è tornata al successo in una partita del circuito Wta dopo oltre un anno. La sua vittoria nel primo turno del "National Bank Open", torneo Wta 1000 in scena sul cemento di Toronto, ha "riacceso" i suoi sostenitori. Oggi, però, la 40enne Serena Williams, attraverso Instagram, ha subito "gelato" i fan. In un post, infatti, la statunitense, ex numero uno del tennis femminile mondiale, ha spiegato che presto si ritirerà dall'attività agonistica. "Arriva un momento nella vita in cui dobbiamo decidere di muoverci in una direzione diversa. Quel momento è sempre difficile quando ami qualcosa così tanto. Mio Dio, mi piace il tennis. Ma ora il conto alla rovescia è iniziato. Devo concentrarmi sull'essere mamma, sui miei obiettivi spirituali e scoprire finalmente una Serena diversa ma semplicemente eccitante. Mi godrò queste prossime settimane", ha scritto Serena Williams, lasciando intendere che fra poco, verosimilmente dopo gli Us Open, lascerà il circo internazionale della racchetta.- foto Image -(ITALPRESS).

  • Elezioni, Renzi “Terzo polo nel Paese c’è, noi disponibili”
    by Redazione on 9 Agosto 2022 at 10:46

    ROMA (ITALPRESS) - "Non promettiamo nulla. A destra fanno a gara alla percentuale più bassa di flat tax sapendo che la proposta non sta in piedi. A sinistra lanciano patrimoniali e sussidi vari. Noi no. Noi non promettiamo. E sapete perchè? Perchè noi abbiamo fatto. E sappiamo come fare. Servono misure che aumentino il potere d'acquisto, come gli 80 euro. Servono misure che abbassino le tasse davvero, come l'Irap. Servono misure che fanno assumere, come il Jobs Act. Servono sostegni veri ma diversi sul terzo settore, sulla cultura, sul sociale, sulla sostenibilità. Per farlo servono delle persone credibili in Aula". Così il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, nella enews. "Con pochi parlamentari abbiamo mandato a casa Conte e portato Draghi a Palazzo Chigi. Con pochi parlamentari eviteremo un governo Meloni per avere di nuovo un governo Draghi. Tutto il resto è rumore di sottofondo", aggiunge. "Quest'area riformista, questo terzo polo, nel Paese c'è. A chi mi domanda: 'ma che farete con Calenda, ora che Azione ha rotto il patto con il PD?', rispondo semplicemente che noi ci siamo. E siamo disponibili a dare una mano perchè l'obiettivo di fare il terzo polo richiede generosità e impegno. Se Calenda ci sta, noi ci siamo. Se Calenda preferisce andare da solo, non lo capisco ma lo rispetto e gli faccio i migliori auguri. Non è un problema di firme o di liste: è un problema politico. La scelta è chiara", conclude. (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it-

  • Elezioni, Di Battista “Non mi candido, c’è chi non mi vuole”
    by Redazione on 9 Agosto 2022 at 10:15

    ROMA (ITALPRESS) - "Non sarò candidato alle prossime elezioni politiche con il M5S, perchè fondamentalmente non ci sono le condizioni". Lo annuncia in un video Alessandro Di Battista, dopo le voci di questi giorni di un suo possibile ritorno. "Di questi tempi - dice - tutti vogliono candidarsi, pur di avere una poltrona in Parlamento sono disposti a vendere la madre, a calpestare le proprie coscienze e la propria dignità, a infilarsi nella sede del Pd per elemosinare un seggio quando avevano detto peste e corna del Pd. Io davvero non sono come queste persone grazie a Dio". L'ex pentastellato spiega che "ho chiamato Conte, nonostante ogni giorno leggessi delle interviste, da parte di vari esponenti del M5S che mi tiravano in ballo, non proprio carine. Forse i 'disboscatori di consensò sono stati altri: alcuni sono ancora all'interno del M5S, altri se ne sono andati. Ho parlato con Conte e ho compreso che ci sono molte componenti nell'attuale M5S che non mi vogliono. Da Beppe Grillo passando per Roberto Fico: non mi vogliono, per una serie di ragioni. Forse temono che io sia poco imbrigliabile, perchè forse temono giustamente che io possa ricordare degli errori politici che sono stati commessi negli ultimi due anni. Con Conte abbiamo avuto un'interlocuzione molto leale, lo ringrazio, perchè è stato molto sincero. Per me è un galantuomo, non mi ha mai mancato di rispetto e mi ha sempre detto la verità. Si è sempre comportato bene". Poi una frecciata: "Politicamente oggi non mi fido di Beppe Grillo, che ancora fa da 'padre padronè. E io sotto Grillo non ci sto. Non dimentico quello che ha fatto per il Paese e per me. Ho appreso molto e sono molto grato. Per rientrare nel Movimento e ricandidarmi è giusto che io pretenda determinate cose: non sono poltrone, ma garanzie politiche. In questo momento, con Grillo che ancora non ha fatto un passo di lato - che dovrebbe fare - queste garanzie non ci sono", chiosa.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

  • Elezioni, nel simbolo Forza Italia riferimento a Ppe e nome Berlusconi
    by Redazione on 9 Agosto 2022 at 09:15

    ROMA (ITALPRESS) - Il simbolo di Forza Italia, il nome Berlusconi presidente e il riferimento al Partito Popolare europeo. E' questo il contrassegno con il quale Forza Italia correrà per le prossime elezioni del 25 settembre svelato dal coordinatore nazionale degli azzurri, Antonio Tajani. "Il simbolo porta i colori di Forza Italia, il nome di Berlusconi ed è stato aggiunto il riferimento al Ppe. In accordo con la famiglia Popolare abbiamo deciso di ribadire la presenza forte di un'anima cristiana, democratica, liberare e garantista che fa esplicito riferimento ai valori popolari europei. Si tratta della nostra scelta europeista, l'essere legati a una tradizione", ha detto Tajani.Quanto alla premiership, "chi prende più voti avrà l'onere e l'onore di indicare il futuro presidente del Consiglio al capo dello Stato che poi avrà l'ultima parola. La regola è precisa, non c'è preclusione verso alcun leader di centrodestra".(ITALPRESS).-foto Italpress-