Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Ucraina, per tre italiani su quattro ancora lontana la fine della guerra
    by Redazione on 1 Febbraio 2023 at 11:21

    ROMA (ITALPRESS) - Continuano gli scontri ai confini dell'Europa tra Russia e Ucraina. Quella che - nelle intenzioni di Vladimir Putin - doveva essere un'operazione "lampo" si protrae ormai da quasi un anno, con ripercussioni anche nel nostro Paese, soprattutto da un punto di vista economico. In questo scenario, dunque, oltre tre quarti della popolazione italiana - secondo un sondaggio di Euromedia Research - vede la fine della guerra ancora lontana e aumenta sempre di più la parte di cittadini che si dichiarano contrari all'invio di armi all'Ucraina, proprio per evitare un conflitto a oltranza. Infatti, se da un lato un italiano su 3 condivide la scelta dell'invio da parte della Germania di carri armati a sostegno di Zelensky, dall'altro quasi il 60% degli intervistati ritiene questa decisione dannosa, pericolosa e inutile. Questo soprattutto perchè si teme di inasprire sempre di più la guerra e di continuare ad allungarne i tempi, oltre al rischio di un coinvolgimento diretto da parte della NATO.Proprio in relazione a quest'ultimo aspetto, oltre 2/3 dei cittadini italiani si dichiarano contrari a un ingresso e a un coinvolgimento diretto della coalizione nel conflitto Russia-Ucraina.Dati Euromedia Research per Porta a Porta - Sondaggio realizzato il 24/01/2023 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 800 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne.- foto Euromedia Research -(ITALPRESS).

  • Salutequità, il Covid ha penalizzato le vaccinazioni adolescenziali
    by Redazione on 1 Febbraio 2023 at 10:01

    ROMA (ITALPRESS) - Il Covid-19 ha penalizzato anche la vaccinazione in età adolescenziale: i ragazzi 16enni vaccinati in Italia contro la meningite con il quadrivalente sono passati dal 74,94% nel 2019 al 58,5% nel 2021 (dato in risalita rispetto al 2020 con il 52,88%), con una differenza in negativo di 16,44 punti percentuali, praticamente un adolescente su 6 in meno. Nel 2021 per il vaccino sui quattro ceppi di meningococco la copertura media nazionale è migliorata rispetto all'anno precedente, ma il dato è influenzato in positivo da Valle d'Aosta, P.A. Trento, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Puglia e Basilicata, dove 3 adolescenti su 4 sono stati vaccinati. E' quanto emerge dall'11° Report di Salutequità 'Vaccinazioni ed equità: focus su meningococco in età adolescenzialè, realizzato con il contributo non condizionato di Sanofi.La variabilità regionale è estremamente marcata con valori ricompresi tra 11,82% dell'Umbria e 87,26% dell'Emilia-Romagna. I 18enni nel 2019 erano il 58,31% mentre nel 2021 il 62,22%, passando per il 55,1% del 2020. Il risultato è che l'obiettivo di proteggere il 95% dei ragazzi da meningite attraverso i vaccini sembra ancora distante. Eppure le malattie invasive batteriche, come la meningite, sono una priorità di sanità pubblica, come indica il Piano Nazionale di Prevenzione 2020-25 (PNP) e il recupero delle vaccinazioni tra gli adolescenti ha una priorità alta nella circolare del Ministero della Salute del 30/07/2020 (n° 0025631). 'Ciò nonostante, la capacità delle Regioni di garantire l'accesso alle vaccinazioni da parte degli adolescenti è molto differenziata - sottolinea Salutequità -. Ci sono Regioni che hanno perso terreno nella vaccinazione rispetto al 2019: perdono oltre 10 punti percentuali Piemonte (-13,72), Liguria (-11,97) Sicilia (-11,6) con un picco in Toscana (-48,12 punti percentuali passando dal 78,53% nel 2019 al 30,41% nel 2021); sempre in negativo Calabria (-8,72), Emilia Romagna (-4,09), Marche (-4,31)'. Differenze tra Regioni sono state registrate per le coperture raggiunte e la capacità di recupero del numero di vaccinati tra il 2019 e il 2021, ma anche nelle strategie e nelle politiche vaccinali (ad esempio tipologia di vaccino, coinvolgimento delle famiglie e dei ragazzi).Il tema del superamento delle disuguaglianze territoriali ispira l'impianto del nuovo Piano nazionale prevenzione vaccinale (PNPV) 2023-2025: nell'ultima versione - al vaglio delle Regioni in vista dell'incontro tecnico in Conferenza Stato-Regioni si certificano le criticità del sistema vaccinale e le disomogeneità regionali e si mette al centro il tema dell'equità di accesso, tenendo alta l'attenzione anche su gruppi difficili da raggiungere o in condizione di marginalità. Il nuovo piano presenta diverse novità: svincola ad esempio l'aggiornamento del calendario vaccinale dal Piano per rendere l'offerta più in linea con il progresso scientifico; parla di mantenimento della gratuità nel tempo per le coorti beneficiarie (ad esempio per HPV) che abbiano perso o differito la vaccinazione, pur avendone maturato il diritto; coinvolge le farmacie tra i soggetti che potranno erogare la vaccinazione, sottolinea l'inserimento della vaccinazione nei Percorsi diagnostici di diagnosi e cura (PDTA) e il coinvolgimento più esteso dei professionisti sanitari, anche specialisti di riferimento per patologie croniche/oncologiche, supera l'uso discrezionale da parte delle regioni tra vaccino anti-meningococco C e tetravalente ACYW nella fascia pediatrica (tra il 13° e il 15° mese). 'A oggi solo 12 Regioni hanno già deliberato il passaggio da MenC a Men ACWY: P.A. di Trento, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria ma nel 2021 la vaccinazione con il quadrivalente a 24 mesi vedeva una media nazionale pari al 54,16%, circa un bambino su duè, spiega Salutequità.'Per una rapida, effettiva ed equa offerta vaccinale sono urgenti tre azioni: affrontare il nodo risorse necessarie per mettere concretamente mano alle disparità regionali ed implementare quanto previsto dal Piano; definire tempestivamente standard quali-quantitativi del personale dei dipartimenti di prevenzione e agire sulla leva del monitoraggio LEA - dichiara Tonino Aceti, Presidente di Salutequità -. In particolare, un piano senza una specifica allocazione delle risorse non riuscirà da solo a garantire uniformità dell'offerta vaccinale nelle Regioni. Sull'aggiornamento del calendario vaccinale occorre individuare una metodologia snella: lo spacchettamento dal Piano mira a renderlo uno strumento agile ma non è chiara la periodicità con cui sarà aggiornato e quale meccanismo istituzionale permetterà, ad ogni aggiornamento, un rapido allineamento del calendario da parte delle Regioni. Infine, sul tema monitoraggio e valutazione del Piano è necessario prevedere nel Nuovo Sistema di Garanzia dei LEA anche indicatori legati alle vaccinazioni non obbligatorie, tra cui quelle per gli adolescenti (ad esempio Meningococco e HPV) e gli adulti, spingendo in questo modo le Regioni nel raggiungimento dell'obiettivo di copertura fissato dal PNPV'.Ma l'adesione alla vaccinazione passa anche per l'aumento della fiducia nelle vaccinazioni e la corretta informazione: una recente indagine di The European House-Ambrosetti mostra che circa una persona su 4 sa quali siano le vaccinazioni raccomandate, e 4 su 10 ne ricordano solo alcune. Gli adolescenti dovrebbero avere un ruolo attivo nel prendersi cura della propria salute: se ascoltati rappresentano il terreno fertile per recepire informazioni da tradurre poi in comunicazione pubblica trasparente e inclusiva di tipo evidence-based e data-driven - come suggerito dall'OCSE - che sfrutti appieno gli strumenti digitali, molti dei quali fortemente apprezzati dagli adolescenti. Secondo l'ECDC, infatti, una fascia tra 4%-62%, appartenenti a diversi paesi europei, utilizza i social media come fonte di informazione sulla vaccinazione.Infine, relativamente a un'offerta vaccinale equa sull'intero territorio nazionale, Salutequità definisce 'strategia elettivà la vaccinazione a scuola: tutti gli adolescenti, infatti, sono già presenti nelle scuole, la distribuzione degli istituti è capillare sul territorio, pertanto un ampio target di studenti può essere facilmente raggiungibile.'L'esperienza durante l'emergenza Covid-19 in alcune regioni (Puglia in particolare da diversi anni) ha dimostrato come tale ambiente possa rivestire una duplice funzione: da un lato essere luogo di salute ove fare informazione e creare consapevolezza, dall'altro divenire un luogo dove effettuare la vaccinazione stessa. E' evidente che sarà necessario occuparsi anche della dispersione scolasticà, spiega Salutequità, che lancia 6 proposte: '1. Affrontare il nodo risorse necessarie per l'implementazione dei contenuti del Piano e per l'erogazione delle vaccinazioni previste nel Calendario vaccinale, condizione necessaria, ma non sufficiente per l'implementazione di quanto previsto e la riduzione delle disuguaglianze. 2. Definire e varare gli standard quali/quantitativi di personale dei Dipartimenti di Prevenzione anche al fine di rendere equa ed omogenea l'offerta alla vaccinazione. 3. Adottare tempestivamente il nuovo PNPV 2023-2025 ed il relativo Calendario, chiarendo meglio gli aspetti sul mantenimento della gratuità in caso di adesione ritardata sia per le vaccinazioni non obbligatorie pediatriche e dell'adolescenza (fino ai 18 anni compresi), sia per quelle dell'adulto. 4. Rafforzare le azioni volte al recupero delle vaccinazioni mancate in età adolescenziale e nel raggiungimento degli obiettivi di copertura vaccinale, da un lato agendo in sicurezza sulla semplificazione organizzativa (ad esempio co-somministrazione o chiamata attraverso le scuole per classi con appuntamenti prefissati), dall'altro con un sistema di monitoraggio costante delle Regioni che permetta di individuare e poi risolvere - congiuntamente al livello istituzionale - le barriere di accesso attuali e pregresse. 5. Agire sulla vaccine hesitancy, lavorando su fiducia, facilità di accesso e organizzazione, conoscenza e percezione del rischio per promuovere la vaccinazione quale scudo per proteggere la propria salute, quella delle persone fragili e dell'intera comunità. 6. Incardinare il ruolo della scuola nei processi e nei percorsi di promozione della salute e nell'effettuazione di interventi mirati di prevenzione. Tale ambiente può rivestire in modo sistematico una duplice funzione: da un lato luogo di salute ove fare informazione, creare consapevolezza e promozione della salute, di health literacy e cultura vaccinale, dall'altro divenire un vero e proprio setting vaccinale, così come accaduto in alcune regioni durante l'emergenza Covid'.- foto Agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Terna, al via l’iter per il nuovo cavo sottomarino tra Abruzzo e Marche
    by Redazione on 1 Febbraio 2023 at 09:46

    ROMA (ITALPRESS) - E' stato avviato dal Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica il procedimento autorizzativo per la realizzazione dell'Adriatic Link, il nuovo elettrodotto sottomarino in corrente continua, che collegherà Abruzzo e Marche, per il quale Terna investirà oltre 1 miliardo di euro coinvolgendo circa 120 imprese tra dirette e indotto."L'opera consentirà di incrementare di circa 1000 MW la capacità di scambio tra le zone Centro-Sud e Centro-Nord del Paese, aumentando la sicurezza, l'efficienza e la resilienza dell'intera rete elettrica di trasmissione nazionale - si legge in una nota -. L'Adriatic Link, opera inserita da Terna nel Piano di Sviluppo del 2018, è un progetto all'avanguardia dal punto di vista tecnologico e ambientale. L'elettrodotto 'invisibilè, lungo complessivamente circa 250 km, sarà costituito da due cavi sottomarini di circa 210 km e due cavi terrestri di circa 40 km. Le due stazioni di conversione saranno realizzate nelle vicinanze delle rispettive stazioni elettriche esistenti di Cepagatti (PE), per l'Abruzzo, e di Fano (PU), per le Marche, e avranno un impatto sul territorio molto ridotto".La posa dei cavi in mare raggiungerà una profondità massima di 100 metri. Per gli approdi si ricorrerà all'utilizzo della tecnica della trivellazione orizzontale controllata (TOC) che permetterà di installare la conduttura "limitando gli impatti ambientali e sociali sul litorale e di garantire la salvaguardia del collegamento elettrico in caso di erosione costiera - sottolinea Terna -. Parimenti, per il tracciato terrestre si utilizzerà per lo più la viabilità stradale esistente".Nell'ambito della survey marina, che ha certificato l'idoneità del fondale alla realizzazione del progetto, sono stati ispezionati circa 700 km quadrati di Mare Adriatico. L'attività si è svolta in due fasi: durante la prima sono stati valutati gli aspetti geologici, sedimentologici, sismici, l'erosione costiera, la flora, la fauna e gli ecosistemi ai fini autorizzativi, mentre nella seconda sono stati analizzati rilievi batimetrici, morfologici e geofisici per predisporre il progetto definitivo da avviare in autorizzazione."L'avvio dell'iter autorizzativo dell'Adriatic Link da parte del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica è un altro passo fondamentale per il processo di transizione energetica in atto", ha dichiarato Stefano Donnarumma, Amministratore Delegato di Terna. "Grazie al lavoro di tutte le persone di Terna e al contributo fattivo dei Ministeri, delle Regioni e di tutti gli Enti coinvolti, è stato possibile accelerare il percorso di autorizzazione dell'opera, che è previsto entri in piena operatività entro il 2028", ha aggiunto.Riconoscendone l'importanza strategica, l'Autorità di Regolazione per l'Energia Reti e Ambiente ne ha infatti chiesto l'entrata in esercizio due anni in anticipo rispetto alle previsioni iniziali: "l'Adriatic Link avrà un ruolo di primo piano nello sviluppo e nell'integrazione delle fonti rinnovabili contribuendo alla decarbonizzazione del sistema energetico italiano e - coerentemente con gli obiettivi delineati dal Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec) - rafforzerà ulteriormente il ruolo di Terna di regista e abilitatore della transizione ecologica, nonchè quello dell'Italia di hub elettrico dell'Europa e dell'intera area mediterranea", prosegue la nota.Il progetto è il risultato di un lungo percorso di confronto e dialogo con il territorio che, dal dicembre 2020 a oggi, si è concretizzato in oltre 100 incontri, svolti anche nell'ambito della Consultazione Pubblica, con amministrazioni regionali e comunali, associazioni e cittadini, permettendo di raccogliere proposte, analisi e iniziative legate alla stessa opera.- foto ufficio stampa Terna -(ITALPRESS).

  • Ue, Tajani “Fondo sovrano soluzione migliore degli aiuti di Stato”
    by Redazione on 1 Febbraio 2023 at 08:36

    ROMA (ITALPRESS) - E' necessario "aiutare la nostra economia di fronte alla scelta degli Usa, ma non credo che aumentare gli aiuti di Stato sia la scelta giusta, ecco perchè è meglio puntare su un fondo sovrano. E' importante che l'Ue si renda conto che serva un intervento rapido e forte, ma non credo che quello degli aiuti di Stato possa aumentare la crescita perchè creerebbe un dislivello tra le economie". Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, a Radio Anch'io su Rai Radio1, in merito alla strategia europea da adottare per reagire all'Inflation Reduction Act degli Stati Uniti. "Sono quindi anche io favorevole alla nascita di un fondo sovrano", ribadisce.- foto Agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Italia-Francia, Mattarella “Il Trattato del Quirinale rafforza l’Europa”
    by Redazione on 1 Febbraio 2023 at 08:21

    ROMA (ITALPRESS) - "Il Trattato che oggi entra in vigore è animato da una comune visione del futuro, che consentirà a Francia e Italia non soltanto di rendere ancora più solidi i vincoli di amicizia che le uniscono, ma di stimolare un ulteriore consolidamento del processo di integrazione del nostro continente ed un rafforzamento delle nostre istituzioni comuni". Lo afferma in una nota il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dell'entrata in vigore del Trattato del Quirinale, che era stato firmato a Roma il 26 novembre 2021 dal presidente francese Emmanuel Macron e dall'allora presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. "Insieme a tutti i nostri partner, in uno spirito di autentica solidarietà europea, sapremo superare anche le sfide che l'aggressione russa all'Ucraina ha portato alla sicurezza ed alla prosperità globali, assumendo le decisioni necessarie perchè l'Unione Europea sappia rispondere con rapidità ed efficacia alle sfide dei nostri tempi - spiega Mattarella -. Con l'entrata in vigore del Trattato del Quirinale, Francia e Italia sono ancora più unite, in Europa e nel mondo, per difendere e promuovere i valori fondanti delle nostre società: la pace, la libertà, i diritti umani, un progresso economico e sociale sostenibile, nel rispetto dell'ambiente naturale del pianeta". - foto ufficio stampa Quirinale - (ITALPRESS).