VIDEO – TgVallo del 03 06 2021

VIDEO – TgVallo del 03 06 2021

Notiziario Televallo

Agenzia di Stampa Italpress - Top News sulla notizia con una squadra veloce ed affidabile

  • Fitto “Sul Pnrr siamo assolutamente nei termini previsti”
    by Redazione on 31 Maggio 2023 at 14:36

    ROMA (ITALPRESS) - "Le modifiche del Piano rappresentano un'importante fase d'intervento, ma sicuramente vanno verificate con gli altri Paesi". Lo ha detto il ministro per gli Affari europei, le Politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Al momento solo cinque Paesi europei hanno presentato le modifiche del piano con il Repower: questo dà l'idea che siamo assolutamente nei termini previsti, che sono quelli del 31 agosto, come la Commissione Europea ha più volte sottolineato", ha spiegato Fitto. "Bisogna fare molto velocemente, ma non bisogna fare in fretta, perchè facendo in fretta poi c'è il rischio di dover correggere molte cose. La modifica di un obiettivo intermedio deve essere accompagnata dalle conseguenze sugli altri obiettivi: non c'è la modifica di un obiettivo e basta, ma è un percorso che dobbiamo portare avanti fino a giugno 2026", ha aggiunto. "Il pacchetto sul quale lavoreremo adesso è un pacchetto organico complessivo che prevede la modifica degli obiettivi e poi complessivamente del Piano. Se la domanda è se aspetteremo il 30 agosto sera per presentare la modifica, la risposta è no. Stiamo lavorando per puntare a raggiungere questo risultato quanto prima possibile", ha concluso il ministro. (ITALPRESS). -foto Palazzo Chigi-

  • Mantovano “Mai autorizzato intercettazioni a politici o giornalisti”
    by Redazione on 31 Maggio 2023 at 14:16

    ROMA (ITALPRESS) - "Dal momento dell'insediamento di questo Governo non ho mai autorizzato, quale Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica, alcuna forma di intercettazione a carico di esponenti politici o di giornalisti". Lo afferma in una nota il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano."L'attenzione del Governo a evitare qualsiasi improprio uso di tale strumento è dimostrata dal fatto che esso ha proposto e fatto inserire nella legge di bilancio 2023 una norma (art. 1, comma 684, L. 29 dicembre 2022 n. 197) - aggiunge -, che tutela con maggior efficacia: 1. la segretezza delle informazioni acquisite nel corso delle attività; 2. la coerenza delle attività svolte con i fini istituzionali delle Agenzie. In particolare, a seguito di tale mutamento normativo: è divenuta autonoma la disciplina delle intercettazioni preventive dei Servizi rispetto alle intercettazioni preventive di polizia (ex art. 226 norm. att. C.p.p.); risulta ampliato il potere di verifica da parte dell'autorità giudiziaria, cioè del procuratore generale della corte di appello di Roma, sulle operazioni svolte, dato che le Agenzie sono tenute a consegnare non più soltanto il "verbale sintetico" e i "supporti mobili" utilizzati, ma anche i "contenuti intercettati"; sono stati ampliati gli obblighi di distruzione del materiale depositato, che riguarda tutta la documentazione consegnata al procuratore generale; si è resa più specifica la disciplina sul tracciamento delle comunicazioni telefoniche e telematiche e sull'acquisizione dei "dati esterni" (es. dati anagrafici, tabulati, ecc.), con un termine massimo - assente nella precedente disciplina - per la distruzione dei dati acquisiti nel corso dell'attività e per la consegna del verbale delle operazioni al procuratore generale"."In base alla legge n. 124/2007, l'Autorità delegata è obbligata a effettuare un vaglio preventivo sulle richieste di intercettazioni, finalizzandole alla difesa dell'indipendenza, dell'integrità, della sovranità della Repubblica e delle istituzioni democratiche, per mettere al riparo da ogni minaccia, attività eversiva e forma di aggressione criminale e terroristica, attività di spionaggio e di proliferazione concernenti materiali strategici - prosegue Mantovano -. A seguito del rilascio della delega da parte dell'autorità politica, i direttori delle Agenzie formulano la richiesta di autorizzazione delle intercettazioni al Procuratore generale. Nei 7 mesi di attività del Governo, il rilascio della delega è stato improntato a un'analisi puntuale e rigorosa dei requisiti e delle condizioni previste dalla legge, sia per la stretta attinenza delle motivazioni alle finalità di ricerca informativa, sia per l'individuazione dei soggetti nei confronti dei quali si indirizzavano le attività di intercettazione. Poichè il senatore Matteo Renzi evoca uno scenario che, se vero, sarebbe gravissimo, l'autorità giudiziaria valuterà ogni eventuale accertamento, a garanzia delle istituzioni e dell'ordinamento democratico. Per quanto di mia competenza, ho già comunicato al presidente del Copasir senatore Lorenzo Guerini la disponibilità a fornire ogni utile informazione, qualora ne ravvisi l'opportunità".- foto Agenziafotogramma.it -(ITALPRESS).

  • Porti, Lupi “Sicilia occidentale al centro della strategia europea”
    by Redazione on 31 Maggio 2023 at 13:46

    PALERMO (ITALPRESS) - Paloma Aba Garrote, direttrice generale dell'Agenzia esecutiva della Commissione Europea CINEA, ha visitato il 31 maggio il porto di Palermo.La direttrice di Cinea - l'Agenzia esecutiva europea per il clima, l'infrastruttura e l'ambiente che, oltre a occuparsi dell'erogazione di finanziamenti nel settore trasporti, gestisce i programmi della Commissione europea per la decarbonizzazione e la crescita sostenibile - era in città per partecipare all'interessante evento sul programma Horizon, "Restore our ocean and waters by 2030", organizzato dalla Commissione Europea in collaborazione con il Governo italiano - Ministero dell'Università e della Ricerca, la Regione Siciliana, l'Università di Palermo e il supporto del progetto BlueMissionMed coordinato dal Centro Nazionale Ricerche (CNR).Accompagnata dal segretario generale dell'AdSP del Mare di Sicilia occidentale, Luca Lupi, ha osservato con attenzione i cantieri aperti al Molo Trapezoidale e sulla via Crispi, dove sono in corso i lavori dell'Interfaccia, il cui progetto esecutivo è stato cofinanziato dalla Commissione europea con fondi Cef.Incentrata sul tema del rinnovamento urbano sostenibile, l'opera si propone di ricucire il rapporto tra la città e il porto, ricostruendo l'identità marittima della città e ponendosi l'obiettivo di migliorare il grado di interazione tra ambito portuale e sistema urbano circostante. I lavori sono appena partiti e si concluderanno a fine 2024."L'AdSP è ormai una realtà altamente riconoscibile, percepita e identificata come un soggetto chiave per l'aumento del traffico marittimo italiano ed europeo, un partner affidabile, a fianco e al servizio del mondo delle imprese, promotore di uno sviluppo sostenibile e sostenitore dell'internazionalizzazione del territorio - commenta Lupi -. E' un sistema fortemente attrattore e attrattivo di investimenti, anche esteri. La visita di oggi della Garrote ne è una evidente dimostrazione"."Ho apprezzato molto la visita del porto: il progetto "Interface" ha ottenuto dei finanziamenti europei ma noi siamo davvero soddisfatti quando vediamo gli studi trasformati in infrastrutture per i cittadini e i turisti in tempi certi. Con un occhio sempre attendo alla sostenibilità", spiega Paloma Aba Garrote.- foto Autorità di Sistema Portuale della Sicilia Occidentale -(ITALPRESS).

  • Sconfiggere il fumo? Con la tecnologia è possibile
    by Redazione on 31 Maggio 2023 at 13:26

    CATANIA (ITALPRESS) - Il fumo di tabacco in Italia rappresenta ancora la principale causa prevenibile di sviluppo di patologie oncologiche. Il piano italiano di lotta al tabagismo si basa principalmente sulle linee di intervento proposte dalla legge Sirchia e dalle sue successive modifiche. Ma tanto ancora deve essere fatto. Per molti fumatori smettere è davvero difficile e negli ultimi anni il passaggio all'utilizzo di sistemi senza combustione e a rischio ridotto ha innescato un dibattito scientifico che coinvolge la comunità accademica di tutto il mondo, ma il tema riguarda anche le politiche pubbliche e le risposte che arrivano dalla scienza. Di questi temi hanno discusso i massimi esperti di riduzione del danno che si sono riuniti a Catania per la conferenza nazionale promossa dal CoEHAR, il Centro di Ricerca per la Riduzione del danno da Fumo dell'Università di Catania che vanta più di 130 pubblicazioni firmate da più di 100 ricercatori impegnati in 15 paesi diversi nel mondo. 30 gli studi presentati dagli illustri relatori davanti ad una platea di 200 persone tra medici, studenti ed esperti di salute pubblica. "E' un dato di fatto che in Italia ci sono milioni di fumatori che non vogliono o che non riescono a smettere di fumare - ha spiegato il professore Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR -. Questi fumatori non accettano di essere medicalizzati per via della loro abitudine tabagica e in Italia, ancora oggi, non abbiamo una politica sanitaria che si prenda carico di queste persone. La riduzione del rischio rappresenta la soluzione. In paesi dall'approccio liberale, come la Svezia o la ben nota Inghilterra, che hanno scelto di aprirsi agli strumenti alternativi a rilascio di nicotina promuovendoli nei percorsi di cessazione per i fumatori incalliti, si sta arrivando al prestigioso obiettivo smoke free. E' tempo di seguire gli esempi virtuosi anche in Italia".In tema di politica sanitaria internazionale, in occasione dell'imminente COP10, la Conferenza delle parti della Convenzione quadro per il controllo del tabacco dell'OMS: "L'idea dell'OMS è semplicemente quella di equiparare i prodotti tecnologici senza combustione per l'erogazione della nicotina alla sigaretta combusta ma stiamo parlando di due prodotti completamente diversi soprattutto per il profilo tossicologico - ha aggiunto Polosa -. La COP rappresenta un'enorme opportunità per la salute pubblica. Auspichiamo che le organizzazioni internazionali tengano conto del ruolo che i prodotti privi di combustione possano avere per abbattere i tassi di fumo in tutto il mondo".I ricercatori si sono anche chiesti se la sola nicotina può essere responsabile di effetti tossici: "Sebbene la nicotina non sia totalmente priva di rischi - come ha spiegato il professore Giovanni Li Volti, direttore del CoEHAR - è importante sottolineare che non è responsabile dei danni per la salute derivanti dal fumo di sigaretta".Tra i partecipanti alla conferenza anche numerosi rappresentanti del mondo delle istituzioni. Ad aprire i lavori del convegno, la vice presidente del Senato, Mariolina Castellone, e l'assessore alla Salute della Regione Siciliana, Giovanna Volo. "Dobbiamo intervenire attraverso percorsi di sensibilizzazione e formazione soprattutto nelle scuole - ha detto l'assessore Volo - lavorare per diminuire i tassi da fumo ci consentirà di raggiungere benefici anche in termini di costi per il sistema sanitario". Tra gli interventi inoltre anche quello del membro della commissione affari sociali della Camera, Francesco Ciancitto: "La legge Sirchia ha segnato uno spartiacque importante e ha raggiunto risultati epocali - ha spiegato - oggi però l'assetto va aggiornato sulla base dei nuovi dati. Dobbiamo incidere sulla prevenzione primaria e secondaria. Il fumo e le possibili strategie di contrato al tabagismo saranno di certo temi che a breve affronteremo in Commissione". Tra i relatori alla conferenza anche Maria Luisa Brandi, Presidente Fondazione FIR-MO; Emmanuele A. Jannini, Università di Roma Tor Vergata; Ketty Vaccaro, Responsabile area salute Fondazione CENSIS; Nick Crofts, Centre for Law Enforcement and Public Health, Austral-ia; Roberto Sussman, Universidad Nacional Autònoma de Mèxico e, a condurre i lavori della gior-nata, Carla Bruschelli, docente di Metodologia Clinica presso l'Università La Sapienza di Roma.- foto ufficio stampa CoEHAR -(ITALPRESS).

  • Sclerosi Multipla, in Italia ancora tanti ostacoli da superare
    by Redazione on 31 Maggio 2023 at 13:21

    ROMA (ITALPRESS) - Dalla ricerca ai diritti: sette giorni per abbattere tutti gli ostacoli che non permettono alle persone con sclerosi multipla di vivere una vita piena. Dal 29 maggio al 6 giugno si tiene la settimana di informazione sulla sclerosi multipla e l'Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) ha organizzato numerose iniziative. Tra queste la presentazione del Barometro della SM, avanzamento dell'Agenda della SM 2025 e patologie correlate.Un confronto tra le associazioni e rappresentanti istituzionali per fare il punto sulle azioni portate avanti in questi anni, e sui progetti per il futuro. La sclerosi multipla è una malattia cronica, imprevedibile e progressivamente invalidante. Una delle più gravi del sistema nervoso centrale. Colpisce principalmente i giovani e le donne. Sono circa 140 mila le persone con SM in Italia, con un costo sociale medio annuo della malattia che supera i 6 miliardi di euro. Tanti i passi nella ricerca ma molto rimane ancora da fare soprattutto per le forme progressive di sclerosi multipla. Il Barometro della SM, giunto alla sua ottava edizione, ricostruisce la diffusione della malattia e i bisogni delle persone con SM. E' frutto di un lavoro di relazioni quotidiane di AISM con le persone con Sclerosi Multipla e patologie correlate attraverso il Numero Verde nazionale, gli sportelli territoriali per oltre 16.000 richieste l'anno."Il barometro è il luogo in cui le priorità dell'Agenda sono spiegate e circostanziate proprio a partire dalla vita delle persone con SM", ha spiegato Mario Alberto Battaglia, presidente della Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, "che hanno assunto un ruolo essenziale nell'orientare e supportare sia l'attività della nostra Associazione e Fondazione, sia nella sua azione verso gli stakeholder. Oggi il Barometro racconta la nostra vita, è il documento che spiega i nostri obiettivi e le ragioni del nostro Movimento. Parla con la voce delle 137mila persone con SM: l'Agenda delle persone con SM è contributo strategico e operativo dell'Agenda del paese".Quasi una persona con SM su 2 riceve meno assistenza di quanto avrebbe bisogno; una persona con SM su 3 lamenta tempi di attesa molto lunghi per la risonanza magnetica e segnala che gli effetti della pandemia si fanno ancora sentire nei ritardi e irregolarità dei percorsi di cura; per una persona su 4 questo vuol dire anche dover attendere per visite di controllo oltre i tempi programmati, i costi assistenziali sono spesso a loro carico. Prestazioni diagnostiche, assistenza domiciliare, certificazioni, farmaci sintomatici, riabilitazione, supporto psicologico sono indicati come pesanti per le famiglie e costituiscono una spesa media annua di circa 5.000 euro, che arrivano a 12.000 per chi ha disabilità grave e raggiungono i 25.000 euro per le famiglie costrette a spendere di più.Tre persone con SM su 4 hanno avuto bisogno di presa in carico interdisciplinare: ma solo il 37% l'ha potuta sperimentare con beneficio, segno che i 13 Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) regionali già approvati per la SM devono in molti casi ancora trovare effettiva applicazione. I PDTA dovrebbero infatti assicurare cure integrate sia sul piano sanitario, che socio-sanitario che socio-assistenziale. I farmaci sintomatici non sono completamente rimborsabili; la non rimborsabilità di alcuni medicinali può anche portare a rinunciarvi o sceglierli in base al costo anzichè al beneficio.Il 17% delle persone ha rinunciato al farmaco sintomatico, o ne ha usato un altro meno appropriato, perchè troppo costoso. La riabilitazione, nonostante qualche eccezione, rimane uno dei punti deboli del sistema di cure per la Sclerosi Multipla: la quota di persone che non conosce o non riesce ad accedere alla riabilitazione è alta anche tra chi ha disabilità lieve, il 42% del totale non è riuscita a riceverla o ne ha comunque tratto minimo beneficio, e il 58% di chi la riceve indica di non riceverne abbastanza.La terapia consiste quasi sempre (89%) nella fisioterapia; gli altri tipi di riabilitazione sono molto meno diffusi anche perchè la maggior parte delle strutture di riabilitazione eroga solo fisioterapia e non terapie specifiche per la SM."Tanti bisogni che attendono riscontri. Tante richieste che meritano risposte. Con questa prospettiva nasce proprio in questa settimana dedicata alla sensibilizzazione della sclerosi multipla, una mozione articolata in 30 punti che rimandano direttamente alle linee di missione e priorità di un'Agenda della SM e patologie correlate 2025 - ha detto Francesco Vacca, presidente nazionale AISM -, che in questo modo diventa contributo immediato e fruibile per l'Agenda del Paese. Chiediamo a tutti e ciascuno di farli propri e agire per il proprio ruolo e volontà di incidere sulla, e oltre, la realtà della SM e patologie correlate".Aism ha anche rinnovato l'appello alla firma della Carta dei diritti delle persone con SM e patologie correlate. Presentata il 30 maggio 2022 presso la Camera dei Deputati, la nuova versione della Carta voluta e promossa da AISM nel 2014 consolida la missione dell'Associazione nel rappresentare, tutelare e affermare i diritti delle persone con sclerosi multipla e patologie correlate, dei loro familiari e caregiver. La versione attualizzata della Carta, nasce dal dialogo costante con le persone con SM e tiene conto non solo delle loro esigenze e aspettative, ma del loro fondamentale diritto a vivere la propria vita, i propri sogni, andando oltre la malattia, sempre aspirando a un mondo libero dalla condizione che vivono. L'obiettivo entro il 2025 è arrivare a 137 mila firme, una per ogni persona con SM. "Non c'è qualcosa che non può essere sottoscritto", l'impegno di Alessandra Locatelli, ministra per la Disabilità, "unendo le nostre responsabilità possiamo arrivare a dare delle risposte, dobbiamo iniziare a mettere in ordine quello che facciamo ogni giorno - ha aggiunto -. Nel Barometro si toccano tutti i temi, a partire dal progetto di vita, la chiave di lettura per il futuro".- foto col/Italpress -(ITALPRESS).